Lucie Trejtnarová i sandali biodegradabili stampati in 3d

LUCIE TREJTNAROVÁ E FILLAMENTUM CREANO SANDALI BIODEGRADABILI STAMPATI IN 3D

Lucie Trejtnarová, uno studente post-laurea presso la Facoltà di Comunicazione multimediale, Università Tomas Bata di Zlín (UTB), Repubblica Ceca, e il produttore di materiali Fillamentum hanno sviluppato la collezione di scarpe stampate in 3D organico.

Come suggerisce il nome, la collezione di scarpe organiche è stata creata nel tentativo di creare calzature e accessori sostenibili. La linea sperimentale di sandali integra suole stampate in 3D da Flexfill 98A a base TPU , Malai, noto anche come pelle di cocco e Piñatex , un tessuto naturale fatto con foglie di ananas.

“Se acquisto o realizzo un prodotto, è importante conoscere la storia che sta dietro, come può aiutare qualcuno e come potrebbe scomparire”, ha spiegato Trejtnarová.

“Siamo responsabili di ciascuno dei nostri passi. Le scarpe della collezione Organic si basano su un semplice principio: alla fine della loro vita, puoi dividere entrambe le parti, la tomaia in un compost e la suola che puoi riciclare, per riutilizzarla. “

L’ispirazione di Trejtnarová per il progetto è venuta da un viaggio nell’India meridionale. Durante uno stage presso lo studio di progettazione biomateriale Malai Design & Materials , Trejtnarová è stato presentato alle materie prime Malai che avrebbero contribuito a formare il marchio di calzature biologiche.

Malai è un materiale biodegradabile al 100% noto per essere flessibile, durevole e resistente all’acqua. È completamente naturale dal cocco con una consistenza paragonabile alla pelle. Inoltre, Piñatex, derivante dalla fibra della foglia di ananas, un prodotto di scarto agricolo, viene utilizzato come alternativa alla pelle. Con questi materiali, Trejtnarová ha scelto di creare sandali per adattarsi alle condizioni calde e umide dell’India.

Un concetto iniziale per la gamma Organic è poi nato dalla tesi UTB di Trejtnarová sull’argomento dato “3D stravaganza”. Trejtnarová spiega: “Ho contattato per la prima volta la creazione di modelli 3D e l’uso di stampanti 3D presso l’Università, [che] era completamente nuova sfida per me. ”Attraverso questo contatto, è stata in grado di imparare come usare una stampante 3D e anche di creare modelli 3D in Blender . “Ho continuato alla Bezalel Academy of Arts and Design di Gerusalemme con un corso SOLIDWORKS “, aggiunge Trejtnarová.

Alla ricerca di un materiale stampabile in 3D per supportare i tessuti naturali nei suoi design di scarpe, Trejtnarová ha scoperto Flexfill 98A e Flexfill 92A.

Flexfill di Fillamentum offre una gamma di filamenti in TPU flessibile con elevata resistenza alla trazione, all’usura e all’abrasione. Flexfill 98A e Flexfill 92A si differenziano per l’elasticità con 98A essendo semi-flessibile, tuttavia entrambi sono sensibili all’umidità. Questi materiali sono progettati per parti sollecitate dinamicamente, guarnizioni e solette di scarpe, rendendole un candidato valido per la collezione Organic.

Poiché Flexfill 98A è più duro di 92A, è stato ritenuto più adatto ai prototipi della suola. Una stampante 3D Ultimaker 3 e Flexfill 98A Powder Beige sono state quindi utilizzate per produrre le suole finali per la collezione.

La riciclabilità di Flexfill 98A è stata anche un fattore importante per Trejtnarová. La sua processabilità consente di riutilizzarlo, scoraggiando i rifiuti che si allineano al concetto organico complessivo. “Anche Adidas sta progettando di produrre una collezione di scarpe in poliuretano termoplastico seguendo il motto ‘fatto per essere rifatto'”, ha aggiunto Trejtnarová.

Con l’aiuto del Fillamentum, Trejtnarová ha sviluppato il design finale della suola tagliando un modello in due parti. È stata quindi cucita una base protettiva per sostenere la suola.

Trejtnarová è stato piacevolmente sorpreso dalle capacità dei materiali di Flexfill 98A poiché è stato utilizzato sia nella fase di prototipazione sia nella fase di produzione finale delle suole.

Una coppia pilota di sandali Malai realizzati in collaborazione con Malai Design & Materials sono in mostra al Victoria and Albert (V&A) Museum di Londra nell’ambito di una mostra intitolata “Food Bigger than Plate”, che esplora applicazioni uniche di cibo per la sostenibilità futura . Questa mostra si concluderà il 20 ottobre 2019.

Be the first to comment on "Lucie Trejtnarová i sandali biodegradabili stampati in 3d"

Leave a comment