Luca Toson stampa in 3d un modelllino di una macchina per la stampa ad iniezione

La stampa ad iniezione incontra la stampa 3D

Stampa 3d o stampa ad iniezione? E ‘un dibattito che va avanti da anni, in particolare dopo che la stampa 3D sembra diventare la quarta rivoluzione industriale, promettendo di spostare i costi, il tempo e gli sprechi di materiale associato alla scala della produzione tradizionale. Quello che è diventato evidente nel corso degli anni, tuttavia, è che la stampa 3D e lo stampaggio ad iniezione non devono necessariamente competere e possono coesistere, e addirittura si completano a vicenda.

La stampa 3D è meglio utilizzata per la prototipazione rapida, per le componenti dell’ultimo minuto o per la produzione a basso volume, mentre la stampa ad iniezione è lo standard industriale per la produzione ad alto volume e ad alta velocità. Ognuno ha i propri punti di forza e di debolezza, che migliorano con l’avanzare della tecnologia, tuttavia, al momento, sembra che ci sia spazio anche per una singola attività per entrambe, se sono usate per creare beni per la casa o parti per la industria aerospaziale.
Per esemplificare questa idea, il modellatore 3D Luca Toson ha creato un modello stampato 3D unico che, in una certa misura, simboleggia la produzione di additivi e lo stampaggio ad iniezione che vivono insieme in perfetta armonia: 300 pezzi, in miniatura di una macchina di stampaggio a iniezione, realizzata interamente con una Zortrax M200 una stampante desktop 3D.

Anche se non funzionale, il modello in scala 1.36 è abbastanza ricco di dettagli ed è anche dotato di alcune parti in movimento.

A quanto pare, a Toson è venuta l’idea di creare il modello 3D stampato dopo che un collega di lavoro ha iniziato la discussione su cosa sia meglio tra la Fabbricazione Additiva e la stampa ad iniezione. Toson voleva trovare un modo inaspettato per dimostrare che, grazie alla produzione di additivi, è possibile creare modelli molto complessi che possono riflettere macchine industriali esistenti.

Ha iniziato con la creazione del modello 3D elaborato con la tecnica di modellazione NURBS, un modello matematico che consente la forma libera ma precisa per la creazione di curve e superfici. Dato che le parti erano così piccole, Toson ha chiesto l’assistenza di un altro designer 3D con esperienza, Ronny Raimondi, che è abituato a lavorare con minuscoli pezzi di bigiotteria stampati in 3d. Anche se inizialmente non sapevano come il processo si sarebbe svolto, alla fine, ci sono volute 300 componenti per la stampa 3D.

Usando la sua Zortrax M200 e una varietà di materiali, tra cui Z-ULTRAT, Z-ABS e Z-GLASS, Toson ha potuto stampare in 3D ogni parte minuscola per un totale di 25 lotti. La combinazione di diversi materiali e colori conferisce alla macchina un bell’ aspetto realistico, e, come tocco finale, ha anche aggiunto un paio di tubi di alluminio. Le dimensioni del modello finale sono 370 x 166 x 155 mm.

Anche se è più un progetto divertente che  una dichiarazione reale sulla stampa  ad iniezione contro la stampa 3D, questa macchina di stampa a iniezione  stampata in 3d è certamente un modo inaspettato per mostrare come le due tecnologie possano coesistere.

Toson ha anche approfittato di questo progetto per mostrare la potenza della tecnologia di stampa 3D, dimostrando che è possibile creare modelli estremamente complessi utilizzando una stampante desktop 3D. Il progettista ha sottolineato che in questo momento, il più grande vantaggio di questa tecnologia è che rende la produzione desktop più accessibile a un gruppo più ampio di persone, e  consente agli individui di esprimere pienamente le loro idee creative senza vincoli finanziari.

Be the first to comment on "Luca Toson stampa in 3d un modelllino di una macchina per la stampa ad iniezione"

Leave a comment