L’Ospedale universitario di Lipsia si affida per i Modelli tumorali complessi alla stampa 3D in preparazione per le operazioni

Ospedale universitario di Lipsia: modelli stampati in 3D per operazioni tumorali difficili

In un comunicato stampa, l’ospedale universitario di Lipsia (UKL) riporta i progressi nella chirurgia addominale con l’aiuto della stampa 3D. Con modelli plastici orientati al paziente, è possibile una visualizzazione ottimale delle condizioni anatomiche individuali, specialmente negli interventi di tumore nella piccola pelvi, afferma il docente privato Dr. Boris Jansen-Winkeln, vicedirettore della chirurgia viscerale.

“Dal punto di vista del chirurgo, la piccola pelvi ha lo svantaggio che organi come il retto, la vescica urinaria e l’utero sono molto vicini tra loro e circolano grandi vasi sanguigni. Il vantaggio, tuttavia, è che queste strutture sono fissate in una struttura ossea “, spiega l’esperto UKL. “Rispetto alla cavità addominale con fegato, stomaco e intestino, l’anatomia difficilmente cambia. Ciò significa che è possibile creare un modello 3D di questa regione, il che è anche significativo se la posizione del paziente viene modificata “.

I singoli modelli in plastica della stampante 3D aiutano i medici di un’ampia varietà di specialità nel trattamento dei pazienti. In neurochirurgia, chirurgia vascolare, odontoiatria e chirurgia orale e maxillo-facciale, modelli, impianti e protesi sono già standard. Tuttavia, l’attenzione era solitamente concentrata su una sostituzione precisa delle ossa dure. Quale PD Dr. Jansen-Winkeln aveva bisogno, tuttavia, di un’immagine specifica per il paziente della posizione degli organi molli nel bacino. Insieme al Prof.Dr. Dirk Winker, direttore medico del gruppo di lavoro “Next3D” presso UKL, ha trovato una soluzione.

Prima dell’operazione, un tomografo computerizzato registra la regione del corpo in strati molto sottili. Da questo, il gruppo di lavoro Next3D può produrre non solo una stampa tridimensionale, ma anche una stampa multicolore nelle dimensioni originali. “Per un intervento preciso, è importante che il chirurgo abbia familiarità con gli spazi individuali e le relazioni posizionali. Il modello 3D, che puoi girare e girare in mano, è estremamente utile per completare l’operazione con successo e in sicurezza, cioè senza danneggiare organi, vasi e nervi “, afferma il chirurgo di Lipsia.

Dott. Gli angoli di Jansen sono stati finora implementati con successo con un modello 3D individuale come ausilio. Questi erano interventi per le recidive del cancro del retto, cioè la recidiva della malattia e dei sarcomi. I sarcomi sono tumori maligni rari che hanno origine da tessuti molli o ossa.

“Un tale modello è realizzato solo per operazioni di tumore così difficili, che eseguiamo una volta al mese”, spiega il dott. Angoli di Jansen. “Perché i tumori primari del retto sono facili da operare, non è necessario un modello lì. Quindi mi piace concentrarmi sulle recidive, che sono molto più difficili da gestire “. E proprio perché sono così esigenti, l’esperto UKL vorrebbe che queste operazioni venissero svolte principalmente in centri specializzati come l’ospedale universitario di Lipsia: “Questo viene operato esternamente più e più volte – e purtroppo spesso non è ottimale. Se il tumore viene inciso, la prognosi per le persone colpite è molto sfavorevole “. È simile al sarcoma. Anche qui il tumore non deve essere aperto in nessun caso. Pertanto, il modello è molto utile anche qui.

Be the first to comment on "L’Ospedale universitario di Lipsia si affida per i Modelli tumorali complessi alla stampa 3D in preparazione per le operazioni"

Leave a comment