Local Motors punta sulla stampante 3d Baam per le proprie microfabbriche

Local Motors acquista due stampanti Baam 3D; nel suo programma di aprire 100 microfabbriche automobilistiche entro 10 anni

Local Motors microfabbricaLocal Motors, l’azienda che produce  la prima macchina interamente stampata in 3D al mondo, ha una visione per rivoluzionare la produzione automobilistica, e questa comporta l’utilizzo di alcune stampanti 3D grandi da usare nelle fabbriche localizzate.

Per Questo Local Motors ha recentemente acquistato due macchine Baam ( a grande area di Fabbricazione Additiva), uno delle più grandi stampanti 3D nel mondo, per vestire la sua prima microfactory automobilistica a Phoenix. Nel prossimo decennio,  prevedono di aprire oltre 100 di queste microfabbriche, dove i clienti saranno in grado di progettare, personalizzare e costruire i propri veicoli on-demand e direttamente in loco.

E ‘ un concetto davvero unico che trasforma l’industria automobilistica tradizionale . Piuttosto che fare affidamento sulla ‘economia di scala’ un modello diffuso oltre 100 anni fa e ancora in uso oggi dai giganti automobilistici di tutto il mondo; Local Motors immagina una economia di portata, in cui utensili a basso costo, la co-creazione, e i partenariati locali si tradurranno in veicoli più veloci e a produzione più economica e più rilevante per le persone che le andranno a guidare.

La stampante 3D di grande formato Baam è al centro di questa strategia. Sviluppata congiuntamente da Cincinnati Incorporated e Oak Ridge National Laboratory, la baam Ha un impressionante area di lavoro di 2,4 x 6 x 2 m, quasi 10 volte più grande rispetto alla maggior parte di  stampanti 3d e con una produzione da 200 a 500 volte più veloce.

Questo dà alla Local Motors la capacità di produrre su larga scala, componenti termoplastici finiti ed interamente personalizzati direttamente da un file digitale, risparmiando costi, tempo e manodopera. In realtà, la Baam è già stata utilizzata per  stampare una intera Stratie una vera  Shelby Cobra. La stampante 3d a estrusore è lineare motorizzata e utilizza i telai, le unità e il controllo del sistema di taglio laser di Cincinnati Incorporated.

“Abbiamo lavorato con Cinccinnati  nello sviluppo della Baam e sono stati uno degli acquirenti iniziali della macchina”, ha detto Elle Shelley, Chief Marketing Officer di Local Motors. “Sapevamo che baam poteva fornire la giusta piattaforma per il concetto microfactory.”

Ogni locale Motors Microfactory avrà una durata di 40.000 piedi quadrati e hanno una potenza di fino a 250 auto stampate all’anno. Tre sono già esistenti a Phoenix e a Las Vegas,  ; due ulteriori siti sono in programma  questa estate a Knoxville e a  National Harbor ; e quasi 100 più fabbriche  sono previste  in tutto il mondo, da Pechino a Berlino, entro i prossimi 10 anni.

Altri due concetti unici incorporati da queste microfabbriche sono una particolare attenzione per le comunità locali e la ‘co-creazione.’ Secondo Local Motors, piuttosto che imporre una struttura con lo stampino nelle loro strutture in tutto il mondo, ogni fabbrica sarà partner con le imprese locali, i governi e ‘ partner di noleggio globali “, al fine di lavorare e contribuire al beneficio delle comunità in cui operano.

Attraverso il programma di co-creazione, i clienti saranno in grado di presentare le loro idee di design al sito Local Motors e ricevere feedback. Il programma di costruzione permetterà poi di collaborare con l’azienda per avere i propri veicoli personalizzati prender vita. Questo è un grande vantaggio della stampa 3D, dal momento che invece di dover parti identiche, i singoli pezzi possono essere progettati, su misura, e realizzati in loco.

“In ultima analisi, creeremo veicoli rilevanti su misura per le esigenze di mercati specifici, tutti stampate sulla baam”, ha detto Shelley.

La prima auto  Local Motors ‘line up è la LM3D presentata circa un anno fa. La LM3D  costa circa 53.000 dollari ed è per il 75%  stampata in 3d con una miscela di ABS e di fibra di carbonio, e offre una gamma di caratteristiche estetiche completamente personalizzabili rese possibile solo attraverso la Direct Digital Manufacturing (DDM) e la tecnologia di stampa 3D.

Nel prossimo futuro, però, la Local Motors si avvarrà del suo microfabbriche per produrre una gamma di veicoli  stampati in  3D, compresi i modelli stradali, i veicoli premium fuoristrada con capacità on-road, e anche veicoli elettrici.

 

Be the first to comment on "Local Motors punta sulla stampante 3d Baam per le proprie microfabbriche"

Leave a comment