Lo studente Billy Grundström con l’Agenzia spaziale europea esplora la stampa 3d con la polvere lunare , una regolite simulata

Il team EAC della navicella spaziale esplora la costruzione lunare stampando in 3D la polvere lunare simulata

Uno studente di livello master sta lavorando con un team presso il Centro europeo degli astronauti (EAC) dell’Agenzia spaziale europea in Germania per esplorare il potenziale della stampa 3D con materiali prontamente disponibili sulla Luna per creare una presenza umana sostenibile.

In quello che lo studente svedese descrive come un “approccio a bassa tecnologia a una situazione ad alta tecnologia”, Billy Grundström sta lavorando con il team di produzione avanzato di Spaceship EAC per stampare parti 3D usando polvere di luna simulata o per usare il suo nome meno elegante, regolite lunare – e biomateriali per studiare la possibilità di fabbricare oggetti da costruzione sulla superficie della Luna.

L’ESA ha già sviluppato una serie di modi per utilizzare la regolite, ma quest’ultimo lavoro si concentra sull’ulteriore elaborazione del materiale per aumentarne la stabilità in modo che possa essere utilizzato come sostituto concreto della costruzione sulla Luna ed eliminare la necessità di trasportare materiali dalla Terra .

EAC ha prodotto il proprio simulante di regolite chiamato EAC-1A che imita le proprietà del materiale basato sulla Luna. Prendendo quel simulante, Grundström’s ha aggiunto un bioadditivo a base di alghe e acqua per creare un materiale stampabile in 3D che si dice abbia già mostrato risultati promettenti nei primi test di laboratorio. La speranza è che in futuro le alghe possano essere coltivate in bioreattori sulla Luna come parte di un ecosistema circolare completamente integrato.

In un post sul blog dell’ESA, Grundström ha commentato: “Sarebbe certamente esaltante se qualcosa basato sul mio progetto fosse usato per fabbricare strutture sulla Luna. Tuttavia, per avanzare è necessario il lavoro di molti per un lungo periodo di tempo. Non vedo l’ora di vedere quali metodi verranno dopo “.

Grundström ha anche affermato che il progetto potrebbe ispirare soluzioni simili qui sulla Terra riciclando materiali che abbiamo prontamente disponibili per ridurre la dipendenza da risorse preziose.

I progressi della stampa 3D nello spazio continuano ad essere esplorati per applicazioni sia terrestri che terrestri. In un altro progetto sostenuto dall’ESA, un team di studenti di ingegneria aerospaziale dell’Università di scienze applicate di Monaco sta usando la testina di stampa vipro-HEAD di ViscoTec per condurre esperimenti di stampa 3D a gravità zero , mentre Sabrina Kerber ha recentemente riferito di una simulazione di due settimane in cui studiato come la stampa 3D polimerica potrebbe essere utilizzata per migliorare la vita su una base lunare . Nel frattempo, nei metalli, Relativity Space e 6K hanno annunciato una partnership il mese scorso che vedrà i materiali di scarto trasformati in polvere che verranno quindi utilizzati per produrre additivi componenti per missili . Il significato della tecnologia in questo settore è stato ulteriormente amplificato nel recenteacquisizione di Made in Space , la startup di produzione in orbita nota per essere la prima azienda a stampare con successo parti 3D nello spazio.

Be the first to comment on "Lo studente Billy Grundström con l’Agenzia spaziale europea esplora la stampa 3d con la polvere lunare , una regolite simulata"

Leave a comment