Lo scheletro di triceratopo stampato in 3d per il museo Naturalis

LE STAMPANTI 3D BUILDER AIUTANO A RICOSTRUIRE LO SCHELETRO DI DINOSAURO DI 67 MILIONI DI ANNI PER IL MUSEO NATURALIS NEI PAESI BASSI

Il Naturalis Biodiversity Center , un istituto di ricerca nazionale per la biodiversità situato nei Paesi Bassi, ha utilizzato la stampa 3D e la scansione 3D per aiutare a ricostruire uno scheletro di triceratopo. Usando la stampante 3D Builder Extreme 1500 PRO di Builder 3D Printers , Naturalis è stata in grado di sostituire le ossa mancanti di una nuova mostra usando scansioni di altri triceratopi.
Il triceratopo, di nome Dirk, è ora in mostra nella galleria dei dinosauri del nuovo museo di Naturalis a Leida, in costruzione da due anni. Nella galleria LiveScience è anche in mostra la stampante 3D Builder Extreme che Naturalis ha usato per ricostruire Dirk.

“I paleontologi moderni utilizzano le tecniche di imaging e stampa 3D come strumento per ricostruire resti fossili scoperti negli scavi scientifici”, spiega il dott. Peter H. Schalk, direttore del pubblico e dei mercati di Naturalis.

“UNA STAMPANTE 3D BUILDER EXTREME INDUSTRIALE È INSTALLATA NELLA GALLERIA LIVESCIENCE DEL NUOVO MUSEO NATURALIS COME DIMOSTRAZIONE IN CORSO AL PUBBLICO DI COME LE PARTI MANCANTI VENGONO STAMPATE E MONTATE NEGLI SCHELETRI DI DINOSAURO.”

Naturalis ospita una vasta collezione di storia naturale, che comprende oltre 42 milioni di oggetti diversi. Oltre a Dirk, la collezione comprende anche uno scheletro di T. rex di 66 milioni di anni, scoperto nel 2013 in Montana, e vari altri esemplari di dinosauri. Lo scheletro di Dirk è stato scavato vicino a Newcastle, nel Wyoming, e si stima che abbia circa 67 milioni di anni.

I paleontologi che lavoravano sullo scheletro di Drik hanno identificato una serie di ossa mancanti, tra cui alcune costole, una delle corna e una grande parte del cranio. Poiché Naturalis voleva mostrare lo scheletro del triceratopo nel suo nuovo museo, decisero di ricostruire queste parti mancanti.

Il Centro ha utilizzato la stampa 3D negli ultimi due anni, producendo solo piccole parti su sistemi di dimensioni desktop. “Funziona perfettamente se hai bisogno solo di stampe 3D di una manciata di ossa più piccole e di un singolo osso più grande, combinando una coppia delle stampe più piccole non è una seccatura ”, commenta il prof. di paleontologia. Anne Schulp, ricercatrice di Naturalis.

Dirk rappresentava tuttavia un progetto molto più ampio, con ossa di ricambio lunghe tra 50 e 130 cm. Naturalis ha quindi investito nel Builder Extreme 1500 PRO , una stampante 3D FFF di grandi dimensioni con un piano di stampa di dimensioni 1100 x 500 x 820 mm. “Per un progetto davvero grande come Triceratops Dirk, però, abbiamo dovuto guardare oltre, ed è qui che è stato messo a fuoco Builder Extreme”, ha aggiunto Schulp.

Aggiornamento al Builder Extreme 1500 standard rilasciato nel 2016, il modello PRO offre una velocità di stampa fino a 120 mm / se una risoluzione in altezza dello strato da 0,1 a 0,9 mm. Il sistema viene fornito con il software Simplify3D e profili FFF ottimizzati per ugelli da 0,4, 0,8 e 1,2 mm. Builder ha inoltre dotato la stampante 3D di ruote di trasporto integrate, al fine di migliorare la sua manovrabilità nell’area di lavoro e un filtro dell’aria da BOFA .

Stampa 3D dei pezzi di ricambio di un dinosauro triceratopo

Perché gli scienziati iniziassero a stampare in 3D le parti mancanti di Dirk, dovevano scansionare altri triceratopi per ottenere una rappresentazione accurata di ciò che dovevano costruire. “Se ad esempio manca un osso sinistro e manca la controparte del lato destro, possiamo facilmente eseguire una scansione e una stampa 3D speculare”, spiega Schulp. Alcuni degli elementi ossei ricostruiti, in particolare le vertebre, tuttavia sono stati ricavati dalle scansioni di uno scheletro di Triceratopo situato presso il Museo dei bambini di Indianapolis, le cui ossa erano considerate complementari a quelle di Dirk. Naturalis ha anche optato per la scansione e la stampa 3D di ossa presenti ma troppo fragili per essere visualizzate come, ad esempio, alcune delle nervature di Dirk che non erano sufficientemente conservate per il montaggio.

Builder Extreme ora stampa 3D le ossa mancanti ininterrottamente negli ultimi due mesi, producendo cento parti diverse. Per Naturalis era importante catturare ogni dettaglio minore visibile delle ossa nella parte stampata in 3D. Pertanto, è stata prestata particolare attenzione alla qualità della stampa 3D, utilizzando strutture di supporto per le forme più complesse. Dopo la stampa 3D e la post-elaborazione, le ossa sono state dipinte a mano. A causa della somiglianza tra le ossa stampate in 3D e quelle reali, le parti di ricambio sono state verniciate con un colore leggermente più chiaro, consentendo ai visitatori di discernere le parti reali e artificiali.

Completato in tempo per il lancio del museo ad agosto, il restauro di Dirk ha già spinto Naturalis a prenotare Builder Extreme 1500 PRO per un altro importante progetto. Il sistema è esposto al museo per informare il pubblico su come i paleontologi restaurano parti mancanti di scheletri di dinosauri usando la stampa 3D.

Be the first to comment on "Lo scheletro di triceratopo stampato in 3d per il museo Naturalis"

Leave a comment