Lloyd’s Register e TWI aggiornano le note di certificazione della produzione additiva

Lloyd’s Register (LR) e TWI hanno annunciato aggiornamenti delle loro note di orientamento per la certificazione di parti e strutture prodotte in modo aggiuntivo per incorporare i recenti cambiamenti tecnologici.

Il framework è stato pubblicato per la prima volta nel 2016 nel tentativo di aiutare i produttori a qualificare la sicurezza delle parti stampate in 3D e degli impianti di produzione per la loro applicazione prevista. Quest’ultima versione , che copre design, forniture di materiali, build AM, post-elaborazione e ispezione, si dice che rifletta cambiamenti significativi nella tecnologia di stampa 3D che si sono verificati dall’ultimo aggiornamento della pubblicazione nel 2017 .

Lo specialista capo di LR, David Hardacre, ha dichiarato: “Molte aziende hanno utilizzato le note di orientamento precedenti di LR e TWI con grande efficacia. Sono state progettate per qualsiasi azienda interessata a iniziare il loro viaggio AM che deve capire come i requisiti di qualifica e certificazione si confrontano con i convenzionali processi di produzione – o per coloro che stanno già utilizzando AM e vogliono qualificare i propri processi o certificare i loro materiali e / o parti. Sono anche utili per le organizzazioni che subappaltano qualsiasi elemento della loro produzione a un fornitore che utilizza AM, quindi possono capire cosa è richiesto per la certificazione “.

Le note, intitolate “Note di orientamento per la certificazione della produzione additiva”, forniscono linee guida basate sugli obiettivi per la certificazione di parti prodotte utilizzando una serie di processi AM, tra cui fusione del letto di polvere mediante laser o fascio di elettroni, deposito diretto di energia mediante laser e basato su Wire + Arc AM. LR ha già qualificato alcuni prodotti AM per Shell, Keppel Marine & Offshore ed Engie Laborelec e strutture come 3D Metalforge, AML3D e TWI.

Paul Goodwin, PPL e PBF Lead presso TWI hanno dichiarato: “I processi AM sono sempre più utilizzati nell’industria, ma la diffusione è stata ostacolata dalla mancanza di comprensione di come controllare la qualità e la riproducibilità delle parti realizzate e come qualificarsi e certificare queste parti per l’uso. Queste note di orientamento sono progettate per aiutare a tracciare la strada attraverso ciò che a volte può sembrare un insieme confuso di requisiti e per stabilire quali siano i requisiti appropriati per la certificazione. “

Be the first to comment on "Lloyd’s Register e TWI aggiornano le note di certificazione della produzione additiva"

Leave a comment