L’italiana Clevertek presenta la stampante Kloner3D 240TWIN rivoluzionaria montando due braccia robotiche che lavorano contemporaneamente

Kloner3D sconvolge il settore della stampa 3D con una stampante  3D a doppio braccio.

kloner3d 40twin-2-Nuovi produttori di stampanti 3D si materializzano in ogni momento, in tutto il mondo. Che, anche se può sembrare strano, è il modo in cui l’industria manifatturiera distribuita  interrompe il concetto tradizionale di industria manifatturiera centralizzata. Tuttavia, i nuovi progetti  conducono  in nuove direzioni distruggendo certezze appena acclarate. Uno di questi arrivi rivoluzionari è il sistema Kloner3D 240TWIN, che utilizza due testine di stampa 3D che possono lavorare sia sinergicamente, sullo stesso modello, o indipendentemente, ciascuna su un modello diverso.

Fondata da Massimiliano Turchi a Firenze, Italia, la Clevertek, la società che costruisce la Kloner3D 240TWIN, è in realtà un esempio di entrambe le tendenze. Nasce come un ramo di Officine Verdelli una società specializzata in macchine meccaniche di precisione. La meccanica alimenta  l’intera gamma di stampanti Kloner3D che è attualmente basata su macchine mediche per l’analisi del DNA, che Turchi aveva precedentemente sviluppato e successivamente adattato alla stampa 3D.
Mentre Kloner3D già offre ben quattro modelli diversi, che vanno dalla più piccola Kloner120 (120x120x120 volume massimo di lavoro) alla Kloner3D 320 (volume di lavoro 320x240x140 max) più grande, la 240 TWIN è, senza dubbio unica anche se viene venduta come una “piattaforma di produzione”.

Come tutte le stampanti 3D della gamma – tra cui la più piccola  – è totalmente chiusa e non necessita di calibrazione. Si può raggiungere una risoluzione massima  di 50 micron e ha un volume di lavoro massimo di 340 x 240 x 140 mm. Questo, tuttavia, è solo l’inizio: la differenza è che può funzionare in 4 modalità differenti. Utilizzando solo il braccio destro o solo il braccio sinistro, la 240 Twin può sfruttare tutto il suo volume di costruzione. Se i due bracci funzionano indipendentemente allo stesso tempo, ciascuno può operare all’interno di una scatola di 170 x 240 x 140 mm.

In definitiva, se i due bracci lavorano insieme sullo stesso modello, possono creare un oggetto multimateriale che misura 260 x 240 x 140 mm. La macchina è in grado di utilizzare i filamenti più comuni, tra cui PLA, ABS, PVA, PET, e altri ancora. Infatti Kloner3D, collabora attivamente con TreeD testando i suoi materiali più estremi.

E ‘mia opinione personale che una possibile evoluzione  FDM sarà quello di impostare le testine sugli assi; questo significa che più “braccia” lavoreranno insieme per  la fabbricazione e l’assemblaggio del filamento fuso degli oggetti. Mentre le braccia della  Kloner3D 240TWIN sono ancora limitate ai movimenti degli assi cartesiani, l’idea di ottenere due testine di stampa indipendenti  insieme è un primo passo in questa nuova, e potenzialmente rivoluzionaria , direzione. O, dovrei dire, in queste nuove direzioni.

Realizzato con una struttura di alluminio completamente chiusa, la stampante 3D presenta una copertura esterna di PVS e plexiglass, Ecco le  specifichetecniche :

Area di stampa di 500 x 240 x 140 mm (XYZ)
Strato risoluzione tra 0,05 e 0,8 mm *
Risoluzione in movimento di XYZ 0,01 millimetri
Diametro filamento di 3 mm
Diametro ugello 0,3 mm * * -0,5-0,8
Dimensioni esterne di 690 x 460 x 600 mm (L x P x)
Peso – 47 kg

Davide Sher da www.3dprintingindustry.com

 

Be the first to comment on "L’italiana Clevertek presenta la stampante Kloner3D 240TWIN rivoluzionaria montando due braccia robotiche che lavorano contemporaneamente"

Leave a comment