L’Istituto Fraunhofer e il progetto futureAM per migliorare la stampa 3d metal

L’Istituto Fraunhofer con un nuovo progetto di ricerca collaborativa di futureAM per promuovere la stampa 3D industriale dei metalli
La produzione di additivi metallici è stata forse l’area di crescita chiave nel mondo della stampa 3D nell’ultimo decennio circa, e il Fraunhofer tedesco, la più grande organizzazione europea di ricerca orientata alle applicazioni, si è fatto un nome come uno dei fari principali in questo campo. L’organizzazione di ricerca con base ad Aquisgrana ha annunciato oggi il lancio di un nuovo progetto chiamato futureAM che dovrebbe vederlo estendere ulteriormente la sua influenza. futureAM vedrà una serie di diverse filiali Fraunhofer lavorare a stretto contatto al fine di garantire i presupposti per un salto tecnologico nella produzione additiva con i materiali metallici.

Secondo il Prof. Johannes Henrich Schleifenbaum, coordinatore di futureAM e direttore della produzione additiva e strati funzionali presso il Fraunhofer ILT di Aquisgrana, “La piattaforma di ricerca svilupperà nuove catene di processi digitali, processi AM scalabili e robusti, ingegneria dei sistemi e automazione, nonché proverà ad espandere la gamma di materiali processabili e convenienti. ” I risultati del progetto dovrebbero portare a costi di produzione ridotti e a cicli di produzione accelerati, oltre a una significativa riduzione dei limiti di dimensioni con l’aiuto di nuovi concetti di progettazione degli impianti.

La Germania è una delle potenze globali nelle tecniche di produzione avanzate, in particolare nel metallo AM, e il Fraunhofer ha contribuito più della sua giusta quota alla creazione di questa reputazione. I sei partner del progetto in futuro sono il Fraunhofer ILT (Istituto per la tecnologia laser) di Aquisgrana, insieme all’IWS (Istituto per la tecnologia dei materiali e delle travi) di Dresda, l’IWU (Istituto per le macchine utensili e la tecnologia di formatura) a Chemnitz, l’IGD ( Institute for Computer Graphics Research) a Darmstadt, e l’IFAM (Istituto per la tecnologia di produzione e materiali avanzati) con sede a Brema, così come il LZN Laser Zentrum Nord, che si trova ad Amburgo.

Questi istituti collaboreranno in un laboratorio virtuale, che incorporerà una mappa digitale chiusa delle capacità e delle attrezzature degli istituti partecipanti. Ad ogni entità, incluse tutte le macchine o i prodotti, verrà assegnato e descritto il proprio specifico “gemello digitale”. Sulla base di questi gemelli digitali, i sistemi reali saranno ottimizzati attraverso processi di modellizzazione e simulazione. Ciò sarà utile per la diagnosi degli errori, l’analisi predittiva e l’ottimizzazione del prodotto e del processo, tra le altre cose. I sistemi autonomi che non richiedono più molto input manuali saranno uno dei fattori chiave per stimolare lo sviluppo di tecniche di metallo AM di prossima generazione.

La LZN Laser Zentrum Nord GmbH, parte dell’Università di tecnologia di Amburgo (TUHH), avrà un ruolo importante da svolgere in questo nuovo progetto pionieristico. La sua esperienza consiste nello sviluppo di catene di processi complete per piccole e grandi aziende di una vasta gamma di settori, e questo ha portato alla sua incorporazione nelle attività di Fraunhofer come Istituto Fraunhofer per additive Production Technology (IAPT). Questo dovrebbe ufficialmente andare avanti nel gennaio 2018.

Questa piattaforma di ricerca interdisciplinare vedrà una serie di dimostrazioni pratiche in corso per testare la fattibilità e l’efficienza delle loro varie innovazioni. Ad esempio, uno snodo dello sterzo deve essere prodotto utilizzando il processo AM multi-materiale. Gli istituti integreranno tutte le fasi dell’intera catena di processo per questo componente, compresa la progettazione o la riprogettazione, la produzione con il processo di fusione laser selettivo, la creazione delle strutture di supporto con tecnologia di deposizione del metallo al laser per rimuoverle automaticamente e post-elaborazione del componente. Il Fraunhofer ILT di Aquisgrana fungerà da coordinatore per questo e tutti gli altri progetti, garantendo il risultato di processi AM scalabili e robusti.

Be the first to comment on "L’Istituto Fraunhofer e il progetto futureAM per migliorare la stampa 3d metal"

Leave a comment