Liquid Factory il nuovo modo di Reebook per stampare in 3d le sneaker e le scarpe da ginnastica anche un modo per ridefinire il modello di produzione

Liquid Factory : Reebok utilizza il materiale liquido stampabile in 3D per portare la creazione delle  sneaker ad un nuovo livello.
Mentre abiti e accessori stampati in 3d stanno rivoluzionando le passerelle di moda in tutto il mondo, gli sviluppatori di scarpe hanno lottato un po ‘di più con la sfida posta dalla  stampa 3D.

La stampa 3D, però, potrebbe offrire una soluzione alla sempre crescente montagna di scarpe non riciclabili che stiamo assemblando. Il problema è che stampare in 3d  qualcosa che sia comodo, durevole, alla moda e perfettamente calzante è sorprendentemente difficile.

Ma la stampa 3D delle calzature può assumere più di una forma, come Reebok dimostra. Utilizzando un metodo di stampa con un materiale  liquido per produrre solo una porzione della suola per la nuova linea di scarpe da ginnastica Reebok , il gigante delle calzature condivide un assaggio di un futuro in cui la produzione può avvenire in modo diverso . In realtà, queste attività di stampa 3D saranno ospitate in una nuova fabbrica che aprirà le sue porte a Lincoln, R.I nei primi mesi del 2017. Si presenta come una produzione di calzature che  finalmente torna negli Stati Uniti

Questo è davvero notevole, perché il modello fondamentale di business delle calzature è rimasto lo stesso da circa 30 anni, con la produzione  sistematicamente appaltata  in outsourcing ai paesi dell’Asia orientale. Reebok ora quindi fa parzialmente una inversione di tendenza per questa nuova linea di scarpe da ginnastica, le suole delle quali saranno stampa in 3d utilizzando il loro materiale liquido su misura e l’approccio di disegno 3D – sviluppato in collaborazione con lo specialistadi  calzature AF Group Inc. In questo nuovo stabilimento di Lincoln  , la squadra di Reebok non solo produrrà queste parti, ma anche sperimenterà altri processi di stampa 3D e la personalizzazione delle calzature – così facendo a un ritmo più veloce rispetto al processo di stampa delle calzature corrente che si trova in Cina.

Come ha rivelato Bill McInnis di Reebok, questo è solo il primo passo verso il sistema di produzione ideale. “Produrre  più velocemente e più vicino al consumatore  è ciò a cui puntiamo  “.  Anche se McInnis non ha rivelato esattamente come   immagina  il futuro della produzione di calzature, fa tutto parte di un approccio a lungo termine alla produzione che incoraggia l’innovazione.

Reebok,  sostiene  che gli stampi delle scarpe stanno limitando l’innovazione con i loro costi e tempi elevati e con gli sprechi di materiale nel processo di fabbricazione. Inoltre , questi stampi sono spesso realizzati in Asia, con conseguente significative  spese di spedizione. Nel tentativo di eliminare del tutto gli stampi, l’azienda ha pertanto sviluppato un nuovo processo di stampa 3D  che si basa su un liquido a base di uretano sviluppato dalla BASF  .

I primi risultati di questo nuovo processo sono una serie limitata di scarpe da ginnastica Reebok che  saranno prodotte in solo 300 esemplari , al prezzo di   189,50 dollari al paio. Sembrano futuristiche  grazie alla tecnologia di stampa 3D liquida utilizzata per modellare le linee. “La velocità del liquido in  una scarpa da corsa dà energia di ritorno che mette  la suola e l’allacciatura insieme in un unico pezzo per una sensazione di completo feedback sensoriale su tutto il piede”. Le sneaker sono state progettate e assemblate negli Stati Uniti, con il Gruppo RAMPF a Wixom, MI. – Accennando a un futuro in cui la produzione nazionale sarà ancora una volta possibile.

Ma come sono statesviluppate ? Le scarpe sono state progettate utilizzando la tecnologia CAD, mentre il materiale liquido di proprietà di BASF è stato utilizzato per costruire queste suole, senza l’uso di stampi tradizionali. Il processo di fabbricazione può essere visto in azione nella clip di YouTube che alleghiamo . “Con questo nuovo processo, siamo stati in grado di programmare i robot per creare l’intera suola di scarpe, senza stampi, disegnando a strati con un materiale liquido ad alta energia per creare la suola a ritorno energetico, che risulta migliore rispetto alla tradizionale  suola in gomma, ” ha dichiarato McInnis. Per assicurare una misura unica, le suole sono tese intorno al piede.

Naturalmente, la maggior parte della scarpa è stato realizzata con metodi tradizionali, a differenza delle calzature di Under Armour, Nike o Adidas. Ma, come ha rivelato McInnis, Reebok non vuole andare fino in fondo con la stampa 3D in questo momento a causa di problemi di costi e tempi. “Design Liquid è la nostra idea per utilizzare la stampa 3D in un modo diverso,” dice. “Una delle cose più interessanti dek Liquid Factory  è la velocità. Siamo in grado di creare e personalizzare il design di scarpe in tempo reale, perché non stiamo usando stampi – stiamo semplicemente programmando una macchina. Liquid Factory non è solo un nuovo modo di fare le cose, si tratta di una nuova velocità nel fare le cose “.

Questi sviluppi saranno molto buoni per il mercato del lavoro americano.  Reebok ritiene che simili hotspot di produzione debbano essere stabilite vicino ai loro consumatori – cosa che consente una risposta rapida e la personalizzazione. “Non si tratta solo di Stati Uniti, è produzione locale-per i locali a livello globale”, aggiunge McInnis. Se tutto va bene, la Liquid Factory sarà il primo di una lunga serie di scarpe Reebok stampate sempre più in 3D.

Be the first to comment on "Liquid Factory il nuovo modo di Reebook per stampare in 3d le sneaker e le scarpe da ginnastica anche un modo per ridefinire il modello di produzione"

Leave a comment