L’invasione della privacy e del tracciamento tramite filigrane stampate in 3D può essere una minaccia reale

Molti appassionati di stampa 3D stanno probabilmente già ricordando l’inizio della stampa 3D, quando era ancora una frontiera tecnologica selvaggia, virtualmente illegale e selvaggiamente eccitante a causa delle infinite opzioni di innovazione tramite la fabbricazione a strati. Fin troppo presto, nel settore della stampa 3D sono emerse grandi preoccupazioni, incentrate su questioni come la capacità di fabbricare pistole o fabbricare dispositivi criminali palesi, come gli skimmer ATM .

Ora, guardando oltre le minacce che la stampa 3D può causare alla società, i ricercatori si preoccupano del contrario: a quali tipi di vulnerabilità sono aperti gli utenti? Esplorando le violazioni della sicurezza derivanti dalle filigrane, la dottoressa Annika Jones della Durham University e il dottor James Griffin dell’Università di Exeter hanno contattato altri ricercatori in Cina per ulteriori informazioni sui problemi di privacy della stampa 3D.

Una filigrana è generalmente un logo o un simbolo semplice, quasi trasparente, destinato a identificare un produttore. Potresti avere familiarità con questi come simboli innocui, tuttavia, sia Jones che Griffin hanno sollevato preoccupazioni sul fatto che ora possano aprire oggetti stampati in 3D alle invasioni della privacy. I ricercatori suggeriscono che qualsiasi dispositivo connesso a Internet in grado di rilevare una filigrana, come fotocamere, laptop o telefoni cellulari, potrebbe essere utilizzato per ottenere informazioni da filigrane incorporate nelle stampe 3D, comprese le origini dell’oggetto stampato in 3D o come potrebbero essere state Usato.

I ricercatori sono stati in missione per portare maggiore consapevolezza ai governi e alle aziende impegnate nella stampa 3D in merito ai diritti di proprietà intellettuale. Attualmente, sperano di avere un impatto con quanto segue:

Modifiche ai trattati sulle leggi sul copyright
Cambiamenti nel diritto internazionale dei diritti umani
Nuovo codice di condotta volontario
Maggiore protezione della privacy
Organismo di regolamentazione per fornire guida e supervisione
Jones e Griffin hanno condotto 30 interviste complete con persone che rappresentano aziende di stampa 3D in Cina. Dopo aver raccolto i dati, i ricercatori sono giunti a credere che l’Internet of Things possa mettere i consumatori a rischio di sorveglianza indesiderata, insieme a casi in cui la filigrana viene trasferita da un formato di file a un altro, e i big data potrebbero essere in grado di monitorare oggetti stampati in 3D.

“La stampa 3D avrà un impatto profondo sulle nostre nozioni di privacy sociale”, ha affermato Griffin. “Questo ha il potenziale per essere considerevolmente più invasivo dell’Internet of Things. Ogni prodotto fisico stampato in 3D ha il potenziale per essere tracciato in un modo che non è mai accaduto prima.

“In futuro, poiché la stampa 3D diventerà più comune, ci sarà la possibilità per estranei di tracciare, tracciare e osservare oggetti, il che può rivelare un’incredibile quantità di informazioni sugli utenti di tali contenuti.”

Gli articoli stampati in 3D, gli articoli stampati in 4D e quelli creati per la realtà aumentata e virtuale potrebbero essere in pericolo e anche le strutture bioprintate non fanno eccezione. Le interviste hanno rivelato che i rappresentanti cinesi hanno effettivamente visto validi problemi di sicurezza e “sensibilità”, con il tracciamento delle parti stampate in 3D da considerare un’ovvia violazione.

I ricercatori suggeriscono che la legge internazionale sui diritti umani dovrebbe essere interpretata in modo tale da affrontare la filigrana negli articoli stampati in 3D. Inoltre, si ritiene che dovrebbe essere adottato un codice di condotta volontario, inteso a garantire che le filigrane siano chiaramente identificate su file e oggetti 3D, con software sviluppato per proteggere le filigrane incorporate di informazioni private.

I ricercatori hanno anche sottolineato che, sebbene sia necessaria una regolamentazione, attualmente gli operatori economici cinesi adottano da soli le misure appropriate in materia di sicurezza. Jones e Griffin non lo vedono come un buon sistema per il futuro, tuttavia, poiché potrebbero essere formati organismi di regolamentazione organizzati per includere il Hub del copyright del Regno Unito, la National Copyright Administration of China, l’Ufficio per la proprietà intellettuale del Regno Unito, il Copyright Tribunal o gli Information Commissioners Ufficio.

“Filigrana digitale e prodotti stampati in 3D rappresentano un futuro in cui gli oggetti possono essere cercati con nient’altro che l’equivalente di una parola di ricerca su Google”, ha affermato Griffin. “La stampa 3D e la filigrana digitale in particolare non sono state prese in considerazione da alcun governo o ente di regolamentazione, né è stata condotta alcuna ricerca normativa in merito.

“Allo stesso tempo, è chiaro che il settore richiede ulteriori indicazioni su come garantire che i dati personali e la privacy individuale siano protetti con l’evoluzione del settore”.

Be the first to comment on "L’invasione della privacy e del tracciamento tramite filigrane stampate in 3D può essere una minaccia reale"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi