Lingxiao Luo del Royal College of Art e le sue creazioni

La stilista crea sia abiti stampati in 3D che abiti attraenti e indossabili

Spesso la moda sulle passerelle sembra buona ma è insopportabile in un contesto di vita reale, e questo è il doppio della moda stampata in 3D. Gran parte di esso è rigido e dall’aspetto sgradevole, ma alcuni designer stanno incorporando la tecnologia in un modo che sia allo stesso tempo attraente e indossabile. Lingxiao Luo del Royal College of Art  è uno di quei designer. Il suo lavoro combina la stampa 3D con il tessuto a maglia per creare capi dai colori vivaci e unici, con dettagli stampati in 3D e cuciture insolite.

Luo sta seguendo un master al Royal College of Art, ma per prima cosa ha imparato a conoscere la stampa 3D come studente universitario al London College of Fashion. I pezzi che vide videro combinare la stampa 3D con il tessuto a rete e iniziò a pensare alla possibilità di un tessuto a maglia combinato con la stampa 3D. Ha comprato la sua stampante 3D e ha iniziato a sviluppare le sue tecniche per fondere i due metodi di fabbricazione. Ha inventato tre diverse tecniche, infatti. Il primo consiste nell’utilizzare modelli stampati in 3D per unire insieme due diversi tessuti, mentre il secondo è quello di stampare su un tessuto in fibra naturale a maglie larghe e successivamente ritoccare il tessuto “in modo che la contrazione durante il processo di infeltrimento possa cambiare i motivi stampati e creare 3D struttura “, spiega. La terza tecnica consiste nell’utilizzare un filamento flessibile per stampare su un tessuto elastico a maglia stretta e ruotare i motivi stampati in una struttura 3D.

“Le tecniche che ho studiato sono uniche e i prodotti realizzati con le mie tecniche hanno un’estetica e una consistenza uniche”, afferma Luo. “Sono molto più giocosi e strutturali rispetto alla maglieria tradizionale”.
Dice anche che i suoi disegni sono “meno plasticosi” e “molto più indossabili” di molti altri modelli stampati in 3D, e possono anche essere facilmente lavati e curati, come qualsiasi altro indumento. Vuole fare appello ai consumatori sia con l’estetica e la facilità d’uso dei suoi disegni, sia con le possibilità di personalizzazione.

“Con l’ingegneria della maglieria e della stampa, questa innovazione introduce una produzione di rifiuti zero nel settore della moda attraverso la creazione di prodotti personalizzabili”, afferma.
Alla fine Luo spera di lavorare con un’azienda di stampanti 3D per sviluppare stampanti 3D specifiche per la moda in grado di stampare capi indossabili e di facile utilizzo per il consumatore. Ha in programma di avviare la propria attività, pure.

“Sulla base di questa tecnica e della mia collezione finale, ho intenzione di creare un’attività di fornitura di prodotti e servizi di fascia alta per gli studi di progettazione, compresa la consulenza tecnica, la produzione di campioni, il tessile e lo sviluppo del prodotto”, afferma. “Le mie ricerche di mercato mostrano che l’applicazione della tecnologia di stampa 3D nel settore della moda si sta sviluppando molto rapidamente e gli studi di progettazione che ho intervistato hanno mostrato un forte interesse nell’utilizzo della mia tecnica e dei prodotti nelle loro collezioni”.
Quindi cerca il lavoro di Luo nel prossimo futuro; se sei interessato a provare vestiti stampati in 3D, il suo è sicuramente un buon punto di partenza, con la sua vestibilità e il suo appeal estetico. Alcuni modelli stampati in 3D sembrano grandiosi, ma come un pezzo da collezione – Luo’s è adatto sia alla passerella che all’armadio.

Be the first to comment on "Lingxiao Luo del Royal College of Art e le sue creazioni"

Leave a comment