Linde il gas e la stampa 3d

Per Linde, la produzione additiva è un gas

La produzione additiva, in particolare la produzione di additivi metallici, coinvolge molto più della semplice polvere e di una stampante 3D. Ci sono anche dei gas coinvolti, ed è quello che il gigante del gas industriale Linde ha realizzato nel 2016. La società ha riconosciuto l’opportunità di sviluppare il potenziale di applicazione del gas attraverso l’intera catena del processo di produzione additiva.

“Inizia nell’atomizzazione delle polveri, attraverso l’effettivo processo di stampa o di costruzione, e va oltre a tutte le operazioni di post-trattamento”, ha affermato Christoph Laumen, il cui team sta sviluppando le soluzioni di produzione additiva di Linde.

Linde ha lavorato con partner come Airbus Group e ha visto il potenziale per il gas svolgere un ruolo invisibile ma importante nel processo di produzione additiva. Linde è stata la prima azienda a riconoscere che potrebbe contribuire a influenzare le proprietà dei materiali di produzione additivi utilizzando gas attivi e una varietà di caratteristiche di flusso. Secondo Laumen, l’azienda si è concentrata inizialmente sulla creazione di una soluzione che avrebbe dato ai clienti una maggiore capacità di “misurare e controllare il contenuto di ossigeno e umidità nei letti di polvere della camera di stampa”. Questo è stato fondamentale per ottenere risultati riproducibili e ha portato alla lancio della linea ADDvance di soluzioni di produzione additiva.

“Abbiamo una competenza che pochissime persone in questo ecosistema hanno”, ha proseguito Laumen.

Nel 2016 Linde ha aperto il suo Linde Global Development Center sulla produzione additiva e ha iniziato quello che Laumen ha definito “una roadmap di sviluppo per i prossimi tre-cinque anni, con oltre 30 idee progettuali che faranno davvero la differenza per l’industria”.

“Alcuni sono davvero visionari”, ha detto. “È davvero la seconda e terza generazione di AM. Ma ci sono altre cose che possono aumentare la produttività e migliorare la tracciabilità e la riproducibilità delle parti a brevissimo termine “.

Mentre la sua ricerca è progredita, Linde ha visto il suo ruolo nella produzione additiva evolvere, secondo Laumen, “dal soddisfare le richieste dei clienti per avere davvero la nostra comprensione di dove andrà la tecnologia, come si evolverà e come il nostro ruolo può andare avanti “.

“Ci stiamo concentrando su miscele di gas su misura per la fusione del letto di polvere e per tutti i principali sistemi di lega. Quindi c’è un focus su titanio e alluminio, quelli che sono per lo più utilizzati nel settore in questo momento “, ha continuato. “Ma stiamo anche esaminando la gestione del gas, i concetti di ricircolo, i sistemi di riciclaggio. Per rendere questa tecnologia per la produzione di massa, come l’industria automobilistica e i beni di consumo, è davvero necessario ridurre i costi. Vogliamo fare in modo che la tecnologia diventi accessibile e più redditizia per un settore più ampio “.

Laumen stima che 10-15 progetti attualmente in corso saranno pronti per il lancio entro il 2025. Linde apprezza molto la collaborazione e le partnership industriali, che hanno contribuito alla decisione della società di diventare uno dei sette partner della seconda Munich Technology Conference (MTC).

“Lavorare con i partner ha una storia molto lunga a Linde, e questo è sempre il nostro modello preferito”, ha affermato Laumen. “Solo coinvolgendo partner e clienti principali capirai veramente le esigenze degli utenti finali. E spesso migliora l’agilità e la velocità di commercializzazione. L’evento MTC dello scorso anno ha dimostrato che ha il potenziale di riunire decisori e influencer di alto livello. Personalmente mi è piaciuto molto anche lo spirito aperto, e il reciproco sforzo per rendere AM un qualcosa di grande e di trasformazione. Linde ha identificato AM come una delle aree di crescita futura, e volevamo essere sicuri di essere ben posizionati e di contribuire con la nostra giusta quota. E come partner nel 2018.

Be the first to comment on "Linde il gas e la stampa 3d"

Leave a comment