Lilium raccoglie 35 milioni da Baillie Gifford

Baillie Gifford investe in Lilium, start-up di taxi volante

La partecipazione del 4% del gestore degli investimenti nel Regno Unito valuta la compagnia aerea tedesca con oltre 1 miliardo di dollari

Lilium punta a pilotare un servizio navetta elettrico a cinque posti da città a città entro il 2025

Baillie Gifford, uno dei maggiori gestori di investimenti privati ​​del Regno Unito, ha acquisito una partecipazione di quasi il 4% nella start-up tedesca dell’aviazione elettrica Lilium, valutando il gruppo di cinque anni a poco più di $ 1 miliardo.

L’investimento da 35 milioni di dollari in Lilium, che mira a pilotare un bus navetta da città a città a cinque posti completamente elettrico entro il 2025, è il secondo gestore di fondi con sede in Scozia nel settore della mobilità aerea urbana. Baillie Gifford è anche un investitore nel Joby, rivale in California di Lilium, che a gennaio ha chiuso una raccolta fondi da 590 milioni di dollari guidata dalla casa automobilistica giapponese Toyota.

Michael Pye, gestore degli investimenti di Baillie Gifford, ha dichiarato che la partecipazione di Joby era la più piccola delle due, aggiungendo che il gestore del fondo era interessato a “situazioni in cui esiste il potenziale per un nuovo mercato o prodotto davvero trasformativo a lungo termine, mentre riconoscendo che spesso ci vorrà molto tempo per arrivare a compimento ”. 

Ha affermato che il concetto di Lilium di una navetta aerea accessibile, che grazie alla sua tecnologia di decollo e atterraggio verticale richiede poche infrastrutture fisiche rispetto a una piattaforma di atterraggio in cemento, potrebbe trasformare il trasporto regionale.

Tuttavia, non vi è ancora alcuna garanzia che Lilium o Joby riusciranno a consegnare i loro prodotti sul mercato e Pye ha riconosciuto che potrebbero esserci dei “dossi” lungo la strada. Tuttavia ha affermato che Baillie Gifford, uno dei primi investitori in Amazon e Tesla, ha preferito appoggiare “team imprenditoriali che hanno una visione a lungo termine”. 

L’investimento di Baillie Gifford, realizzato attraverso il suo fondo di punta Scottish Mortgage Investment Trust, arriva appena tre mesi dopo che il gruppo aeronautico con sede a Monaco ha raccolto $ 240 milioni dagli investitori esistenti guidati dal gruppo tecnologico cinese Tencent. A quel tempo la compagnia dichiarò di avere abbastanza fondi per finanziarsi per un anno.

In totale Lilium ha raccolto $ 375 milioni in due round di finanziamento, sostanzialmente meno di $ 720 milioni di Joby. Il totale è inferiore ai 500 milioni di dollari che il Lilium è stato ricercato l’anno scorso, poiché la pandemia crea un ambiente sempre più stimolante per le start-up.

La decisione di Baillie Gifford di investire arriva come una grande spinta per la compagnia aerea, secondo il suo direttore finanziario Christophe Delbrück, che ha definito i partner del gestore degli investimenti. . . chi ci darà credibilità nel mondo esterno ”.

Daniel Wiegand, amministratore delegato e co-fondatore, ha affermato che gli investitori stanno iniziando a comprendere le differenze tra i modelli di business nel settore della mobilità aerea urbana. Attualmente ci sono più di 200 progetti in fase di sviluppo in tutto il mondo, ha affermato, sottolineando che l’impatto economico di Covid-19 avrebbe probabilmente “guidato il consolidamento nel settore”.

Il piano aziendale di Lilium non è stato finora ostacolato dalla pandemia, ha aggiunto, con circa 400 dipendenti che lavorano da casa e altri 50 in loco che eseguono il programma di test.

La compagnia sta sviluppando un velivolo con ali fisse con 36 ventole del rotore che può inclinarsi verso il basso per il decollo verticale e quindi in avanti per il volo. Le ali fisse estese danno al velivolo un ulteriore sollevamento, che gli consente di raggiungere un raggio di 300 km.

Lilium punta a iniziare a produrre velivoli per la certificazione intorno al 2023

Be the first to comment on "Lilium raccoglie 35 milioni da Baillie Gifford"

Leave a comment