LightForce Orthodontics e il suo sistema personalizzato di apparecchi dentali stampati in 3D

Presentazione di LightForce Orthodontics e del suo sistema personalizzato di staffe stampate in 3D

Un residente dentale entrò in un bar pieno di studenti universitari di Harvard. No, non è l’inizio di una brutta battuta, ma in realtà la genesi della startup LightForce Orthodontics , sponsorizzata da un’impresa , lanciata ufficialmente alla Sessione annuale dell’American Association of Orthodontists (AAO) di quest’anno . Il team sta realizzando quello che chiama il primo sistema personalizzato di staffe stampate in 3D per il settore dell’ortodonzia digitale.

Il fondatore e CEO della startup, il Dr. Alfred Griffin, proviene da una lunga serie di dentisti e aveva appena completato un programma combinato di odontoiatria e dottorato alla Medical University of South Carolina prima di trasferirsi a Boston nel 2015 per frequentare la Harvard School of Dental Medicine per la sua residenza. Non era abituato alle condizioni di blackout di un duro inverno del New England, e trascorse molto tempo rinchiuso nel suo appartamento, sognando l’innovativo sistema di staffe.

Il Dr. Larry Andrews e A-Company hanno introdotto per la prima volta parentesi completamente programmate nel 1970, e da allora non sono cambiate molte cose.

“Le prescrizioni ortodontiche standard sono essenzialmente un compromesso sin dall’inizio”, ha spiegato il dott. Griffin nell’edizione speciale AAO della Orthodontic Practice US di quest’anno . “Sono una proposta” uguale per tutti i pazienti “. Ma due pazienti non hanno esattamente la stessa morfologia dei denti o esattamente lo stesso morso. Quindi perché dovremmo pensare che dovrebbero avere tutti la stessa finitura ‘ideale’?

“Le concessioni con parentesi pre-programmate sono state imposte da diversi fattori vincolanti. Due dei vincoli principali sono le tecnologie di produzione di staffe rigide e l’imprecisione della pianificazione del trattamento analogico. “

Costa centinaia di migliaia di dollari e impiega dai sei ai dodici mesi, usando lo stampaggio ad iniezione, per creare stampi per una prescrizione standard, che è di circa 20 staffe di programmazione e forme diverse, non un ambiente realistico per la personalizzazione specifica del paziente. Quindi il dottor Griffin si è rivolto alla stampa 3D, che ha già molte applicazioni nei campi dentale e ortodontico , come la creazione di allineatori , stampi , impianti , protesi e persino apparecchi ortodontici .

La maggior parte delle parentesi graffe è “pronta all’uso” e anche se ortodontisti esperti possono far funzionare questo lavoro, il Dr. Griffin sapeva che la stampa 3D, che si adattava bene ad applicazioni personalizzate, poteva essere utilizzata per realizzare apparecchi specifici per il paziente. Così ha creato un sistema brevettato per le staffe di trattamento ortodontico stampate in 3D, utilizzando materiale quasi identico alle staffe ceramiche modellate a iniezione ma che è stato formulato specificamente per la stampa 3D.

“Fornendo una prescrizione specifica per paziente per ogni caso, il sistema LightForce è diverso da qualsiasi cosa tu abbia mai usato”, afferma il sito Web. “Ogni staffa è creata su misura e stampata in 3D, offrendo un nuovo livello di flessibilità e possibilità cliniche. Ciò migliora l’efficienza del trattamento e minimizza gli aggiustamenti che richiedono tempo in tutte le fasi del trattamento. “

Nello stesso inverno nevoso, il Dr. Griffin ha partecipato a un happy hour locale con i dottorandi di Harvard e, dopo aver acquistato alcuni round, ha spiegato la sua idea al gruppo. L’ingegnere Kelsey Peterson-Fafara ha immediatamente riconosciuto il potenziale e sarebbe presto diventato il primo dipendente. Non molto tempo dopo che LightForce, originariamente intitolato Signature Orthodontics, fu accettato nell’acceleratore di Harvard Innovation Lab, il Dr. Griffin incontrò l’ortodontista Dr. Lou Shuman, che era stato un membro importante del team esecutivo di un’altra società dentale che utilizzava la stampa 3D: Invisalign. Presto chiese al Dr. Shuman di essere il co-fondatore dell’azienda e di aiutare a raggiungere la comunità del capitale di rischio.

LightForce Orthodontics è stato uno dei 128 candidati scelti per aderire al programma MassChallenge Accelerator nel 2016 ed è diventato imprenditore residente presso la struttura di MassChallenge, ricevendo in seguito $ 50.000 in finanziamenti senza capitale azionario come uno dei 15 vincitori. Il passo successivo consisteva nel bloccare il capitale di rischio, ma il dottor Griffin non voleva lavorare con nessuno – stava cercando di cambiare il modo in cui l’ortodonzia funziona a un livello fondamentale, non solo per un guadagno in contanti. Il primo importante finanziamento dell’azienda è arrivato da AM Ventures (AMV), che si dedica agli investimenti nella stampa 3D.

“Volevamo un investitore strategico, non solo qualcuno con soldi”, ha detto il dott. Shuman. “Volevamo esperienza nella nostra tecnologia fondamentale. AMV era un partner ideale per LightForce. ”

Parlando di competenza, AMV ha presentato il Dr. Griffin e il Dr. Shuman al fondatore di EOS e pioniere del settore Hans Langer , il quale ritiene che LightForce abbia raggiunto i due componenti più importanti nel futuro della stampa 3D: creare personalizzazioni di alto valore e avere un mercato che sia abbastanza grande da supportarlo.

LightForce ha continuato a crescere, rimanendo come Alumni in Residence presso MassChallenge fino al 2017, assumendo esperti sviluppatori di software dentale, finalizzando il design della staffa e ricevendo l’autorizzazione FDA per il sistema. La startup ha chiuso il round di finanziamenti della serie A la scorsa estate, ha fatto il suo debutto con successo durante la Sessione annuale AAO del 2019 e ha diversi pazienti in cura che desideravano essere i primi a mettere in mostra tutori stampati in 3D personalizzati.

Le staffe possono essere perfettamente modellate su qualsiasi morfologia dei denti. Il sistema iniziale è stato creato per competere con le staffe metalliche e LightForce sta ora lavorando su opzioni estetiche più elevate e sta esaminando diversi materiali, oltre a perfezionare il servizio e la logistica della catena di fornitura. È un semplice flusso di lavoro digitale in tre passaggi: scansiona, crea il modello 3D e stampa. L’interfaccia online è intuitiva, con un software di pianificazione del trattamento basato su cloud che consente agli utenti di apportare modifiche direttamente sul modello, prima che l’appliance stampata in 3D personalizzata venga spedita in soli 7-10 giorni lavorativi dopo l’approvazione.

Per stare al passo con un settore in evoluzione, il sistema di pianificazione del trattamento di LightForce continuerà a evolversi se necessario. Gli allineatori stanno diventando più capaci, ma molti ortodontisti usano ancora le parentesi graffe per i loro pazienti, motivo per cui LightForce sta guardando il mercato più ampio.

Il Dr. Griffin ha spiegato: “Non vogliamo portare sul mercato l’idea e dire” ecco come usarla. Vogliamo portarla all’ortodontista e chiedere loro: ‘Cosa puoi farci?’ “

Mentre le aziende dirette al consumatore guadagnano popolarità, il dottor Griffin vuole che la startup riconosca l’esperienza della comunità ortodontica e aiuti il ​​campo, non solo a prenderne il controllo.

Be the first to comment on "LightForce Orthodontics e il suo sistema personalizzato di apparecchi dentali stampati in 3D"

Leave a comment