Liesbeth e Edwin ter Velde di Clean2Antartide e il Solar Voyager veicolo elettrico costruito con componenti in plastica stampati in 3D e alimentato interamente con energia solare che andrà al Polo Sud

Liesbeth e Edwin ter Velde di Clean2Antartide si stanno preparando a guidare il Solar Voyager, un veicolo elettrico costruito con componenti in plastica stampati in 3D e alimentato interamente con energia solare, fino al Polo Sud.

Il progetto fa parte del sostegno della coppia olandese per uno stile di vita a rifiuti zero. Guideranno dal loro campo base nel continente più meridionale a uno dei luoghi più freddi della Terra, l’Antartide. La spedizione dovrebbe durare 30 giorni e prenderà il via in meno di un mese il 28 novembre 2018.

Come hanno spiegato: “L’Antartide contiene il 90% del ghiaccio del mondo e non appartiene a nessuno. È uno spreco zero per legge, rendendolo la destinazione perfetta per un’avventura zero rifiuti. Possiamo imparare dall’Antartide e assicurarci che rimanga tale. Vogliamo anche aumentare la consapevolezza per il trattato antartico. Se non verrà esteso nel 2048, il continente sarà aperto allo sfruttamento commerciale “.

Il Solar Voyager pesa 1,485 kg (3,274 lb) e misura 16 m (52 ​​piedi) di lunghezza. Per costruire il Solar Voyager con i rifiuti di plastica, la coppia ha progettato un nuovo blocco esagonale noto come HexCore utilizzando materiali riciclati. “Abbiamo sminuzzato i pezzi e li abbiamo fusi nel filamento che alimenta le stampanti 3D”, ha affermato il team. “Poi lo abbiamo portato al livello successivo e lo abbiamo fatto su scala industriale, utilizzando pellet riciclati da un impianto per i rifiuti. Con quaranta stampanti 3D abbiamo stampato 4000 HexCores. Un blocco di costruzione ispirato al nido d’ape, progettato per essere leggero e resistente.” Per il solo telaio sono stati utilizzati 200 kg di plastica riciclata, che sono stati quindi combinati per formare la struttura del loro veicolo elettrico.

Solar Voyager è alimentato dal sole da dieci pannelli solari per garantire la sostenibilità del viaggio. Si muove ad una velocità di 8 km / h (5 mph). Questa bassa velocità massimizza l’efficienza della potenza generata dai pannelli solari.

Il Solar Voyager è costituito da una cabina abbastanza grande per due persone e due rimorchi su otto speciali pneumatici morbidi dotati di reti di rinforzo per consentire un maggiore galleggiamento. I rimorchi supportano 10 pannelli solari bifacciali e trasportano abbastanza cibo per 47 giorni. Ogni pannello misura circa 19 piedi quadrati e pesa circa 25 chilogrammi. In caso di emergenza, il veicolo sarà equipaggiato con due batterie da 60 chilogrammi con una potenza totale di 10 kWh. La squadra però non sta trascinando l’acqua pesante. La coppia ha anche incluso i tubi solari a basso assorbimento che sciolgono la neve per l’acqua potabile. Anche le finestre a infrarossi sono installate nella cabina, che aiutano ad assorbire la luce solare ea mantenere la cabina calda.

La spedizione inizia a novembre. Gli esploratori faranno un viaggio di 2.400 chilometri attraverso un deserto ghiacciato fino al Polo Sud e ritorno.

“Se guidare al Polo Sud con l’energia solare era il nostro obiettivo finale, saremmo comunque orgogliosi della nostra missione perché nessuno l’ha mai fatto prima e la tecnologia che abbiamo sviluppato può diventare un prototipo per i droni di ricerca antartici”, ha detto la coppia. “Tuttavia, non si tratta di tecnologia, ma di avviare esperimenti e scoprire cosa è possibile con gli sprechi. Per raggiungere una società circolare, dobbiamo iniziare a fare le cose in modo diverso. La nostra spedizione è un esempio di quanto puoi ottenere quando inizi a fare le cose in modo diverso invece di parlare di soluzioni astratte. ”

Il Solar Voyager sarà seguito da un gruppo di supporto di 3 persone che filmeranno e interverranno solo in caso di emergenza.

Be the first to comment on "Liesbeth e Edwin ter Velde di Clean2Antartide e il Solar Voyager veicolo elettrico costruito con componenti in plastica stampati in 3D e alimentato interamente con energia solare che andrà al Polo Sud"

Leave a comment