L’idrogel stampato in 3d e la ricostruzione della cartilagine ossea e non solo

Degli Scienziati olandesi sviluppano delle strutture fibrose  stampate in 3d  atte a riparare la cartilagine delle ossa su larga scala

Scienziati olandesi e l'idrogel per la ricostruzione della cartilagine con la stampa 3d 01Sembra che le applicazioni stampate in 3d si stiano diffondendo in ogni angolo negli ospedali universitari, e non stiamo parlando solo di impianti o di protesi stampate in 3d. Gli scienziati  olandesi dell’ University Medical Center di Utrecht hanno rivelato la loro innovazione nel bioprinting  : una soluzione idrogel che può essere utilizzata per riparare la cartilagine delle ossa su larga scala.

Come ha rivelato, il team internazionale di ricercatori coordinati da professore associato Jos Malda hanno completato una serie di prove in cui le strutture 3D stampati vengono utilizzati per migliorare e sostenere la rigenerazione delle cellule della cartilagine delle ossa in modo significativo. In questo processo, i ricercatori hanno usato dei  polimeri specifici chiamati idrogel. La caratteristica più importante di questi polimeri  è la loro capacità di trattenere grandi quantità di umidità, il che li rende una sostanza perfetta per fare da vettore per le celle utilizzate nel trattamento rigenerativo. In realtà, sono già utilizzati come materiale di supporto per la terapia cellulare su piccola scala.

Tuttavia, questo nuovo approccio ha visto gli scienziati trasformare questo approccio di terapia cellulare su una  superficie più ampia. La chiave è la stampa 3D che crea delle  minuscole reti di fibre sottili che possono rafforzare e sostenere gli drogel per grandi superfici. Tali reti, infatti, hanno delle proprietà simili alle cartilagini delle articolazioni. ‘In questo momento la terapia cellulare è già applicata con successo in un certo numero di ospedali olandesi per riparare i danni alla cartilagine’, ha spiegato Malda . ‘Ma ci sono limiti alla forma e alla dimensione del difetto della cartilagine che è possibile risolvere . I nostri idrogel rinforzati sono più solidi e più elastici rispetto alla maggior parte dei vettori cellulari e con questo possiamo  ripristinare delle superfici più ampie e danni maggiori ‘.

Malda inoltre ipotizzato che la tecnologia di stampa 3D potrebbe essere utilizzata per modellare in particolare la forma e il contenuto in base al danno e ai contorni della giuntura di un paziente. ‘Con questo approccio, potremmo essere in grado di riparare grandi danni alle giunture , come ad esempio nel ginocchio o nell’anca, in un prossimo futuro, molto più quanto possiamo fare oggi’, ha aggiunto. ‘Inoltre, la stampa 3D ci permette di replicare la forma originale delle articolazioni.’

I risultati di questo studio sono stati recentemente pubblicati sulla rivista Nature Communications, ed è stata reso possibile da una collaborazione tra l’Università di Wurzburg, la Queensland University of Technology e il finanziamento da parte dell’Unione europea e la Arthritis Foundation. Anche se questo progetto è ancora in corso, gliscienziati stanno  ricercando la riparazione di grandi superfici articolari che utilizzino questo approccio con la stampa 3D. Particolarmente interessante è la possibilità di ripristinare la cartilagine.

 

Be the first to comment on "L’idrogel stampato in 3d e la ricostruzione della cartilagine ossea e non solo"

Leave a comment