L’IDC (International Data Corporation) prevede che il fatturato mondiale della stampa 3d nel 2019 sarà di 13,8 miliardi di dollari

IDC prevede una spesa mondiale per la stampa 3D per raggiungere $ 13,8 miliardi nel 2019

L’IDC (International Data Corporation) ha recentemente previsto che l’industria globale della stampa 3D (hardware, materiali, servizi e software) raggiungerà $ 13,8 miliardi nel 2019, con un aumento del 21,2% rispetto all’anno precedente. Si prevede che tale cifra aumenterà fino a $ 22,7 miliardi entro il 2022. Quelli di noi con un dito sul polso della stampa 3D vedono la tecnologia ovunque perché sappiamo come appare, ma la verità è che la stampa 3D è ancora in crescita come esiste ancora molti mercati non ancora sfruttati. Per coloro che non seguono il settore, può essere difficile vedere la rapida crescita perché l’adozione da parte dei consumatori delle stampanti 3D non è la forza trainante della crescita (la spesa dei consumatori rappresenterà meno del 5% del totale mondiale a $ 647 milioni): sono produttori discreti e pratiche mediche.

Molti pensano ancora alla stampa 3D come un ottimo metodo di prototipazione, ma sempre più industrie sono i prodotti finali di stampa 3D. “La stampa 3D è andata oltre i suoi primi giorni di prototipazione nel settore manifatturiero e sta proliferando in altri casi d’uso e industrie. I vantaggi di una stampa personalizzata ed economica si stanno realizzando in un modo più diversificato, come esemplificato dalla crescente spesa in parti aftermarket nella produzione, modelli chirurgici nel settore sanitario e progetti architettonici nei servizi professionali, per citarne alcuni “, riferisce IDC Customer Responsabile ricerca analisi e analisi Marianne D’Aquila.

Oggi, i principali casi d’uso per la stampa 3D sono prototipi, parti aftermarket e parti per nuovi prodotti, ma i casi di utilizzo in più rapida crescita sono la creazione di tessuti, organi e ossa nonché oggetti dentali. E non sono solo le stampanti 3D che appaiono ovunque, ma anche gli scanner 3D.

“La natura frammentata e concentrata del mercato di scansione 3D ha impedito al mercato di espandersi nel passato”, spiega Max Pepper, analista di ricerca di Imaging, Printing e Document Solutions. “Nell’ultimo decennio, il continuo interesse verso varie industrie verticali e fattori simili che hanno portato alla crescita del mercato delle stampanti 3D stanno iniziando a spingere il mercato (dello scanner 3D) verso applicazioni più tradizionali”.

Chi raggiunge gli scanner 3D include le industrie mediche, immobiliari e di intrattenimento. I chirurghi utilizzano gli scanner 3D per procedure oculari e dentistiche, gli agenti immobiliari li utilizzano per creare tour virtuali delle case e gli studi di produzione sono soggetti di scansione 3D e oggetti da utilizzare in film, videogiochi e realtà aumentate e virtuali. Le società di costruzione stanno anche preservando i siti del patrimonio con la tecnologia.

“Abbiamo visto un notevole sviluppo nel settore della stampa 3D nel 2018. Rapidi aumenti delle velocità di produzione combinati con i principali progressi dei materiali di stampa 3D che consentono l’uso della stampa 3D nella produzione in una vasta gamma di applicazioni”, afferma Tim Greene , IDC Hardcopy Peripherals e 3D Printing Research Director. “Man mano che più utenti riconoscono questi vantaggi, sono alla ricerca di più modi per utilizzare la tecnologia, il che porta a livelli più elevati di utilizzo delle attrezzature per la prototipazione, la lavorazione degli utensili e la produzione reale”.

Be the first to comment on "L’IDC (International Data Corporation) prevede che il fatturato mondiale della stampa 3d nel 2019 sarà di 13,8 miliardi di dollari"

Leave a comment