l’HI-AM canadese si dota di una macchina Arcam EBM Q20plus di GE Additive

L’INNOVAZIONE OLISTICA CANADESE NELLA RETE DI PRODUZIONE ADDITIVA OTTIENE LA MACCHINA ARCAM EBM

L’ innovazione olistica canadese nella rete di produzione additiva (HI-AM) sta facendo avanzare la stampa 3D in metallo per il settore aerospaziale, automobilistico e medico. Finanziato dal Consiglio delle Ricerche di Scienze Naturali e Ingegneria del Canada (NSERC) e dalla Fondazione Canada per l’Innovazione (CFI), l’HI-AM è stato istituito nel 2018 per affrontare le sfide della stampa 3D in metallo.

Parte dell’HI-AM è l’ Università della British Columbia (UBC), che ha recentemente acquistato una macchina Arcam EBM Q20plus di GE Additive. La stampante 3D in metallo è stata installata presso l’Advanced Materials Processing Group dell’Università, il cui professor Steve Cockcroft ha pubblicato numerosi articoli sui processi di fusione dei metalli e sulla fusione del fascio di elettroni.

“La stampa metallica additiva (3D) amplierà significativamente le capacità di ciò che possiamo fabbricare utilizzando i metalli strutturali”, ha affermato il professor Cockcroft in relazione al progetto HI-AM e alla recente acquisizione dell’università. Più in particolare, ha sottolineato il potenziale impatto della stampa 3D sul metallo nel trasporto “per la leggerezza e il miglioramento dell’efficienza dei sistemi di propulsione aerea e delle trasmissioni automobilistiche” e dei settori biomedici “per personalizzare la geometria degli impianti scheletrici nell’anatomia di un individuo e utilizzare materiali che sono più compatibili con i sistemi biologici. “

Con il nuovo Q20plus, il team di UBC affronterà alcune delle principali sfide all’adozione diffusa della stampa 3D.

HI-AM è formato da sette università canadesi e cinque internazionali e da quindici organizzazioni industriali tra cui Siemens , Renishaw e GKN . Anche l’Istituto nazionale degli standard e della tecnologia (NIST) fa parte del programma.

La rete è stata fondata per superare le principali sfide che ostacolano l’adozione della stampa 3D in metallo nell’industria manifatturiera tradizionale. Queste sfide includono la mancanza di materiali e standard di salute e sicurezza, limiti di volume di costruzione e garanzia di ripetibilità e qualità della superficie.

Sono in fase di studio tre tecnologie di metallo per il miglioramento del progetto: deposizione di energia diretta (DED), fusione del letto di polvere (PBF) e getto di legante.

Il gruppo UBC Advanced Materials Processing Group si occupa di modellizzazione avanzata dei processi e strategie di controllo della qualità con HI-AM. A tal fine, il suo nuovo Arcam EBM Q20plus è stato acquisito attraverso i finanziamenti della Fondazione canadese per l’innovazione e British Columbia Knowledge Development Fund (BCKDF).

Il sistema di metallo sarà una parte importante dell’insegnamento e della ricerca presso l’università e gli studenti avranno accesso alle capacità della macchina. Daan Maijer, capo del dipartimento di ingegneria dei materiali presso UBC, ha spiegato: “Questo sistema chiavi in ​​mano verrà utilizzato dagli studenti universitari per sviluppare nuove conoscenze sull’elaborazione di produzione di additivi metallici per consentire miglioramenti della qualità delle parti stampate e miglioramenti dell’efficienza del processo”

“La struttura servirà anche come piattaforma di apprendimento per studenti universitari nell’Ingegneria dei materiali e nei nuovi programmi di ingegneria di produzione presso UBC”.

Be the first to comment on "l’HI-AM canadese si dota di una macchina Arcam EBM Q20plus di GE Additive"

Leave a comment