L’essiccatore a filamento Apium

È un dato che molte cose possono andare storte quando si stampa in 3D. Molte persone che non hanno familiarità con la tecnologia pensano che sia come una magia: basta premere un pulsante e si apre una parte perfetta e perfetta. Ma con ogni tecnologia di stampa 3D ci sono i suoi problemi, e ci sono molte tecnologie FDM / FFF. Scarsa adesione, deformazione, ostruzione degli ugelli e crolli spettacolari che sembrano accadere senza una ragione apparente – fanno tutti parte dell’avventura della stampa 3D.

Uno dei maggiori problemi che provoca il fallimento o l’imperfezione delle stampe è l’umidità. Molti filamenti di polimero sono idrofili, il che significa che a loro piace l’umidità e li assorbe felicemente dall’aria che li circonda. Ecco perché le bobine di filamento vengono normalmente in contenitori ermetici con piccoli sacchetti di materiale essiccante. Questo è particolarmente vero per materiali come PLA e nylon, che sono più idrofilici di altri. Quindi cosa succede quando il filamento assorbe l’umidità?

I filamenti di stampa 3D sono fatti di polimeri, che a loro volta sono composti da più monomeri uniti. Quelle catene polimeriche possono degradarsi, tuttavia, o depolimerizzare, e un modo in cui ciò può accadere è un processo chiamato idrolisi, che è quando una molecola d’acqua rompe una catena polimerica. Quindi, quando una scorta di filamenti si bagna e viene estrusa, l’acqua al suo interno si vaporizza, causando bolle d’aria e vuoti: saprete che questo è accaduto se si inizia a sentire schiocchi e crepitii durante la stampa.

Ciò può indebolire il materiale e causare scarsa aderenza tra gli strati, nonché una scarsa finitura superficiale. Non è semplicemente una buona cosa, ma sfortunatamente è troppo facile per il filamento attingere acqua dall’atmosfera e incasinare. Sul lato positivo, il danno non è irreversibile, se si asciuga il filamento prima di estruderlo. A questo scopo, ci sono prodotti per l’asciugatura dei filamenti e uno dei più nuovi è l’essiccatore a filamento Apium dell’azienda tedesca Apium .

Apium è focalizzata sulle soluzioni di stampa 3D industriale, leader in PEEK e altri polimeri ad alte prestazioni. L’essiccatore a filamento Apium è stato sviluppato in collaborazione con Purpose AM Systems  di Singapore e promette meno stillicidio, filamenti filamentosi causati dall’assorbimento di umidità, nonché una migliore adesione interstrato e proprietà meccaniche.

“Attraverso la nostra partnership con Purpose AM, stiamo lanciando Apium Filament Dryers e forniamo ai nostri utenti finali la soluzione completa per l’elaborazione di polimeri ad alte prestazioni”, ha dichiarato Pinar Karakas, Responsabile Marketing e Gestione Qualità di Apium. “Offriamo la soluzione AM unica con il nostro avanzato supporto clienti stabilito dai nostri esperti del Centro servizi e tecnologie all’avanguardia.”
L’essiccatore a filamento Apium ha pareti termicamente isolate che riducono le perdite di calore e offre un caricamento frontale che consente un facile scambio di filamenti. Ha un sistema di essiccazione rotante per la deumidificazione dell’aria in entrata, nonché un set di filtri HEPA e carbone attivo. È compatibile con tutte le stampanti 3D Apium serie P e i filamenti Apium, nonché con molte altre stampanti 3D a sistema aperto.

Apium è pronta a spedire gli essiccatori per filamenti su ordinazione e offre una garanzia di 12 mesi.

Be the first to comment on "L’essiccatore a filamento Apium"

Leave a comment