L’esercito americano e l’urina che produce idrogeno e potenza grazie ad una nano polvere di alluminio

Gli scienziati del Laboratorio di Ricerca dell’esercito americano hanno scoperto che una nano-polvere di alluminio recentemente progettata può rapidamente produrre idrogeno quando mescolata con l’urina. La polvere potrebbe essere usata per produrre robot stampati in 3D che “alimentano le proprie strutture” e si auto-distruggono dopo le missioni.

Alla fine di luglio, gli scienziati e gli ingegneri del Laboratorio di Ricerca dell’esercito americano hanno scoperto che un nuovo nanomateriale in alluminio potrebbe produrre grandi quantità di energia quando si mescola con acqua o con “qualsiasi liquido contenente acqua”.

La squadra dell’esercito ha salutato la scoperta come potenzialmente molto emozionante. Il materiale, si diceva, potrebbe essere utilizzato per generare idrogeno per l’uso in celle a combustibile, grazie al suo “meccanismo di idrolisi rapida e spontanea dell’acqua”.

La polvere nano-galvanica non richiede nemmeno un catalizzatore per produrre l’idrogeno.

Dopo questa scoperta iniziale, gli scienziati hanno provato a utilizzare l’idrogeno generato dall’alluminio per alimentare un serbatoio radio-controllato. Sorprendentemente, la reazione ha prodotto abbastanza potenza per mandare il veicolo a sbattere in laboratorio.

Ma quello che era più emozionante (dal nostro punto di vista) era un’altra potenziale applicazione per il nanomateriale.

L’urina contiene più di 3.000 composti

Secondo gli esperti dell’esercito, il nanomateriale potrebbe essere stampato in 3D per creare dei “robot che possono nutrirsi delle proprie strutture e in grado di autodistruggersi dopo il completamento della missione”.

Proprio così, i robot stampati 3D e i droni potrebbero essenzialmente prendere piccole parti di se stessi immergerle in acqua, attivando un processo che decomporrebbe i loro gusci esterni per generare potenza extra. Più tardi, dopo una missione completa, questi robot potrebbero completamente autodistruggersi, per esempio, immergendosi in un lago.

Questi robot stampati in 3D potenzialmente autodistruttivi già sono molto sorprendenti, ma gli stessi scienziati dell’esercito hanno appena pubblicato un aggiornamento folle della loro ricerca.

Durante recenti esperimenti, il team ha scoperto che il nanomateriale in alluminio produce in realtà più idrogeno quando si combina con l’urina piuttosto che con l’acqua.

Ciò significa che i militari dell’esercito possono generare cariche supplementari per le loro batterie semplicemente sostituendo l’acqua con la urina.

“Quando abbiamo  utilizzato  l’urina, abbiamo visto quasi un fattore duplice di aumento dei tassi di reazione”, ha detto il dottor Kristopher Darling, ricercatore di ARL. “Siamo stati molto sorpresi e abbiamo spinto negli ultimi mesi a sviluppare l’efficienza e la cinetica di reazione per cercare di renderli più veloci “.

I ricercatori dicono che un chilo della polvere può produrre 220 chilowatt di potenza in soli tre minuti.

È interessante notare che non sono del tutto sicuri del perchè l’urina sia così efficace nella generazione dell’idrogeno, ma sospettano che possa avere a che fare con i suoi elettroliti e con l’acidità.

“È unica perché il tasso di reazione è così efficiente e estremamente rapido da un così piccolo volume di materiale”, ha aggiunto Darling.

Allo stato attuale, gli scienziati stanno cercando di spiegare come la loro scoperta possa essere messa in pratica per aiutare i soldati in campo. Innanzitutto, il nanomateriali sembrano essere una fonte energetica ideale, soprattutto nelle situazioni in cui l’invio di forniture di energia è pericoloso e costoso, ma gli scienziati vogliono anche esplorare lo scenario della stampa 3D descritta nel mese di luglio.

“Il nostro obiettivo fondamentale è lo sviluppo e l’ottimizzazione dei materiali”, ha dichiarato Darling. “Stiamo esaminando come possiamo ottimizzare la composizione [del nanomateriale], le sue interazioni con altri fluidi, tra cui la saliva e gli altri liquidi a disposizione dei soldati in un ambiente di guerra “.

In termini di robot stampati in  3D e robot aerei autonomi che non hanno il lusso di avere dei soldati che forniscono “rifiuti” vicino a loro, è un po ‘più difficile vedere come il processo possa essere impiegato con l’urina, anche se i robot che operano nei pressi dei sistemi fognari.

I ricercatori dell’esercito stanno attualmente cercando di brevettare il processo.

Questo non è nemmeno la prima storia di stampa 3D di urina che abbiamo avuto quest’anno. Mentre i soldati potrebbero ricaricare la loro apparecchiatura con la pea nel prossimo futuro, gli astronauti potrebbero presto apportare materiali spaziali a base di urine a livello nello spazio. Speriamo non ci si allarghi ad altri scarichi umani, per il momento.

Be the first to comment on "L’esercito americano e l’urina che produce idrogeno e potenza grazie ad una nano polvere di alluminio"

Leave a comment