L’elefantiasi e la monitorizzazione delle gambe con uno scanner 3d ipad portatile

Lo scanner 3D portatile in un iPad aiuta gli scienziati a Washington a misurare le gambe gonfie di pazienti affetti da elefantiasi
In collaborazione con i lavoratori dello Sri Lanka, gli scienziati della School of Medicine di Washington University di St Louis hanno utilizzato uno scanner 3D ad infrarossi 3D per misurare l’allargamento e la disfigenza degli arti nei pazienti con elefantiasi. La tecnica potrebbe sostituire metodi più vecchi e impraticabili.

Le zanzare hanno la capacità di trasferire tutti i tipi di malattie, come la malaria, la febbre gialla, la febbre Zika e il dengue diffuso dalle mosche pericolose. Un’altra (forse meno conosciuta) malattia trasmessa dalla  zanzara è la filariasi linfatica, che colpisce 120 milioni di persone in tutto il mondo e che può causare grandi gonfiori e deformità delle gambe.

Questo gonfiore e deformità della gamba è conosciuto come elefantiasi, e i pazienti che soffrono di questa condizione devono essere costantemente monitorati. Questo perché le gambe gonfie sono causate da vermi parassiti che entrano nel sistema linfatico e impediscono che le vasi linfatiche funzionino correttamente. La condizione è anche chiamata linfedema.

Di solito, i medici e gli infermieri utilizzano un nastro di misurazione o una semplice tecnica di spostamento dell’acqua per misurare i cambiamenti nella forma e nelle dimensioni della gamba, ma i ricercatori della School of Medicine di Washington credono di aver trovato un modo migliore.

Lavorando con i collaboratori dello Sri Lanka, gli scienziati dell’Università di Missouri hanno dimostrato che un dispositivo portatile di scansione 3D collegato ad un iPad può misurare l’ingrandimento e la disfigenza degli arti più velocemente e più facilmente.

Ciò significa che gli operatori sanitari possono trattare un numero maggiore di persone in un periodo di tempo più breve, fornendo misure di alta precisione per l’avvio.

“Questo è importante perché permetterà ai medici e ai ricercatori di prendere misure accurate sull’arto nelle nazioni in via di sviluppo, dove spesso esistono strumenti limitati per monitorare gli arti gonfi”, ha affermato Philip J. Budge, MD, PhD, professore aggiunto di medicina nella divisione delle malattie infettive presso l’Università di Washington.

Uno studio effettuato a Galle in Sri Lanka ha mostrato che lo scanner 3D a infrarossi potrebbe raccogliere misure di volume delle gambe e della circonferenza degli arti in più punti altrettanto precocemente come si potrebbe utilizzare lo spostamento dell’acqua o una misura a nastro.

Lo strumento di scansione, sviluppato da Atlanta LymphaTech, è un semplice sensore a infrarossi che funziona come un dispositivo Microsoft Kinect, producendo una ricostruzione 3D accurata delle gambe del paziente.

Quando Budge e la collega di Washington University Ramakrishna Rao hanno sentito parlare di LymphaTech, hanno formato un gruppo di ricerca per testare il dispositivo su 52 pazienti con diverse fasi di linfedema presso la clinica a Galle.

Lo studio ha mostrato lo scanner 3D come un’opzione più pratica rispetto alla tecnica di spostamento dell’acqua ampiamente utilizzata.

Il metodo di spostamento dell’acqua coinvolge i pazienti a mettere la loro gamba in un serbatoio d’acqua e poi misurare quanta acqua esce. Funziona, ma è incredibilmente ingombrante e impraticabile da utilizzare in campo, in particolare su più pazienti.

Utilizzando lo scanner a raggi infrarossi, gli scienziati potrebbero ottenere un livello di precisione simile alle opzioni di misurazione di acqua e di nastro, ma molto più veloce. Ci sono voluti mediamente 2,2 minuti per eseguire la scansione di entrambe le gambe del paziente, mentre la misura di nastro e metodi di spostamento dell’acqua hanno avuto una media di 7,5 minuti e 17,4 minuti a turno.

“Lo strumento di scansione offre anche convenienza”, ha detto Budge. “Molti pazienti con arti gonfie spesso hanno difficoltà a passare dalle loro case alla clinica per fare le loro misure. Lo scanner dovrebbe consentire di effettuare misurazioni estremamente accurate degli arti nelle case o nei villaggi dei pazienti, senza attrezzature ingombranti o inconvenienti dei pazienti “.

Budge ha aggiunto che, a sua conoscenza, questo è stato il primo caso di scansione 3D utilizzato per valutare i pazienti con linfedema filariale.

Inoltre, a causa della buona riuscita dello studio, il dispositivo LymphaTech è ora stato incorporato in uno studio clinico internazionale di due anni che Budge sta partecipando. Il test tenterà di valutare l’idoneità del doxycycline antibiotico come un modo per ridurre gonfiore  nei pazienti con filariasi linfatica.

“Ha funzionato così bene che è stato aggiunto come strumento di misurazione [al processo]”, ha detto Budge.

Lo studio completato , “Lo scanner portatile 3-D valuta i pazienti con elefantiasi”, è stato pubblicato in The American Journal of Tropical Medicine and Hygiene .

Be the first to comment on "L’elefantiasi e la monitorizzazione delle gambe con uno scanner 3d ipad portatile"

Leave a comment