Legamenti stampati in 3D

I legamenti stampati in 3D possono cambiare il modo in cui vengono trattate le lesioni comuni
Le lesioni dei legamenti stanno diventando più comuni negli sport. Sono dolorose, debilitanti e difficili da trattare. Lo standard attuale è quello di sostituire il legamento strappato con i tendini, ma ciò può causare ulteriori problemi lungo la linea.

“Quello che può accadere nel corso del tempo è che il tendine stesso inizia ad allungarsi e diventare un po ‘rilassato nell’articolazione”, ha detto Christina Salas, PhD, scienziata presso l’ Università del New Mexico . “Allora (il tendine) diventa nuovamente carente.”
La dott.ssa Salas sta attualmente lavorando alla creazione di legamenti stampati in 3D, che secondo lei non è mai stato fatto prima. È un’area su cui ha lavorato per un po ‘di tempo , con l’aiuto di studenti e professori dell’Università del New Mexico.

“Questo è qualcosa che si spera possa ridurre alcuni di quei fallimenti che vediamo”, ha detto Dustin Richter, Assistente professore di Medicina dello Sport e Chirurgia Ortopedica. “E riporta le persone a fare ciò che amano.”
I ricercatori hanno sviluppato una tecnica speciale che coinvolge l’elettrofilatura, che utilizza la forza elettrica per creare fibre.

“La tecnica di elettrofilatura near-field che abbiamo aggiunto alla bio-stampante produce effettivamente fibre altamente allineate che replicano il tessuto del legamento”, ha affermato il dott. Salas.
I medici potrebbero quindi eseguire una scansione TC o MRI dell’articolazione danneggiata di un paziente e creare una replica esatta utilizzando la stampa 3D. Ciò potrebbe consentire una chirurgia meno invasiva e potrebbe essere una soluzione più permanente in quanto il legamento sintetico stampato in 3D non si consumerebbe o si indebolirebbe.

“Vogliamo assicurarci che quei pazienti possano veramente mantenere la loro piena funzionalità ancora più a lungo quando invecchiano nella vita”, ha affermato il dott. Salas.

La sfida più grande che il Dr. Salas e i suoi colleghi stanno affrontando è capire come attaccare i legamenti stampati 3D all’osso. Il dott. Salas ha recentemente ricevuto un sussidio di due anni, $ 150.000 per la ricerca.

La stampa 3D sta cambiando il modo in cui medici e scienziati considerano il trattamento delle lesioni comuni, come i legamenti strappati. Recentemente, i ricercatori del Queensland hanno rivelato un nuovo metodo di stampa 3D della cartilagine articolare , che potrebbe ridurre notevolmente i tempi di recupero dopo l’intervento per l’artrite e le lesioni alle articolazioni – e questo è solo un esempio della vasta ricerca che si sta svolgendo in tutto il mondo che prevede l’uso della stampa 3D per la riparazione di ossa e muscoli danneggiati.

La ricerca della dott.ssa Salas coinvolge i legamenti artificiali, ma sono in corso altri lavori che prevedono la stampa 3D di nuovi tessuti utilizzando le cellule staminali del paziente stesso. Molte persone passano direttamente direttamente a parlare di organi di stampa 3D quando viene citato il bioprinting in 3D, ma i progressi maggiori vengono compiuti in altre aree, come i trattamenti di malattie degenerative e lesioni comuni. Con la stampa 3D, gli atleti hanno il potenziale per rimanere nel gioco per molto più tempo di quanto avrebbero altrimenti. Ci possono anche essere meno necessità di cose come camminatori e sedie a rotelle mentre le persone invecchiano, poiché malattie come l’artrite sono guarite con una nuova cartilagine.

Quando gli organi stampati in 3D alla fine si realizzeranno, permetteranno potenzialmente alle persone di vivere più a lungo che mai. Fino ad allora, la bioprinting ha la capacità di aiutare le persone a vivere con una migliore qualità della vita per la loro durata naturale.

Be the first to comment on "Legamenti stampati in 3D"

Leave a comment