Le tendenze della stampa 3d emerse da formnext 2019

Essendo la più grande fiera di stampa 3D dell’anno, formnext offre l’occasione perfetta per comprendere i sentimenti del settore e gli sviluppi tecnologici. Sulla spinta verso la produzione additiva per la produzione , un tema chiave apparente al prossimo 2019 era la connettività delle macchine: fornire ai clienti gli strumenti per integrare con successo la stampa 3D nei rispettivi ambienti di produzione.

Gran parte di questa integrazione è guidata dal punto di vista del software. OEM e sviluppatori si stanno concentrando su API e flussi di lavoro del prodotto in grado di portare i clienti senza soluzione di continuità dal concetto al prodotto finale. L’automazione ha anche un ruolo da svolgere nell’integrazione e le versioni dei prodotti, come i moduli condivisi di EOS , riflettono questo.

Parlando con i dirigenti di livello C alla fiera di quest’anno, ho appreso di più sulle sfide dell’integrazione e sui passi da compiere per introdurre più stampanti 3D nella fabbrica.

Essentium Inc. , con sede a Pflugerville, in Texas, è il produttore di sistemi polimerici industriali basati sulla tecnologia proprietaria di estrusione ad alta velocità (HSE) e FlashFuse . A formnext 2019, la società aveva in mostra l’intera gamma di macchine (HSE 180 S LT, 180 S e 180 S HT). Entro il 2020, il numero di macchine nel portafoglio di Essentium dovrebbe salire a circa dieci come Blake Teipel, CEO della società, mi ha detto, il piano è di lanciare macchine con doppi estrusori indipendenti per le rispettive tecnologie HSE e FlashFuse. Oltre alle macchine, Essentium fornisce i propri materiali tra cui PEEK, nylon ad alta temperatura (HTN), HTN-CF25 e HTN-Z sicuro ESD che sono stati recentemente lanciati per le sue macchine ad alta temperatura.

Parlando dei prossimi passi per l’azienda e per l’intero settore, la risposta del CEO Teipel all’automazione è stata inaspettata. “Non abbiamo bisogno di più automazione”, ha spiegato, “Ciò di cui abbiamo bisogno sono piattaforme più incentrate sugli ecosistemi in cui i sistemi di automazione del mondo possano collegarsi alla macchina utensile”.

Essentium sta attualmente pianificando il lancio di un nuovo software di slicing che sarà reso disponibile all’inizio del prossimo anno come standalone e con licenza perpetua. Concentrandosi sulla stampa 3D a livello di produzione, il software è completo di una funzione di etichettatura che trasporta i numeri di serie durante la produzione di una parte. Una precisa programmazione dell’estrusione nell’affettatrice fornirà anche un maggiore controllo sulla funzione (e sulla potenziale facilità di post-elaborazione) nella parte finale, che è uno sviluppo chiave per la produzione.

Per quanto riguarda Teipel, le consolidate macchine per lo stampaggio a iniezione e a controllo numerico sono ora un metro realistico per la produzione di additivi industriali. “Devi avere una stampante costruita come una macchina utensile”, aggiunge Teipel, “Quindi è il mulino a controllo numerico, è una macchina per lo stampaggio a iniezione e funziona bene con altri sistemi.

“NON HO BISOGNO DI PIÙ ROBOT. HO BISOGNO DI ROBOT IN GRADO DI COMUNICARE CON IL LORO SOFTWARE CON IL NOSTRO SOFTWARE, CHE DEVE ANCHE PARLARE COME UN SOFTWARE DI ESECUZIONE DI PRODUZIONE BASATO SU SIEMENS O SAP. “

Una startup con sede a Tel Aviv, in Israele, LEO Lane offre agli utenti della produzione di stampanti 3D una soluzione per proteggere e proteggere le loro catene di processi digitali.

Lee-Bath Nelson è VP Business dell’azienda e uno dei quattro membri del team co-fondatore di LEO Lane. Proveniente da un background software di base, per il team LEO Lane, la connettività è fondamentale. “Fin dal primo giorno avevamo API molto ricche, quindi è molto facile integrarsi con noi”, spiega Nelson. Sebbene le API siano sempre più considerate dagli OEM, non sono comunque qualcosa che Nelson ritiene essere stato considerato dall’industria nel suo insieme, “Penso che questo sia qualcosa a cui tutti devono pensare”.

“Penso che l’industria debba andare avanti, deve essere accelerata”.

Aggiungendo ai sentimenti relativi all’integrazione della macchina, Nelson aggiunge: “Devi giocare bene con gli altri. Devi integrarti. E se non puoi farlo, allora sei in grande svantaggio. “

Attraverso il suo software NX , Siemens ha fatto il suo meglio per aiutare a risolvere le sfide dell’integrazione della produzione additiva da qualche tempo. Basandosi su tali offerte di software di base, una delle mostre più intriganti dell’azienda alla fiera era un pianificatore di fabbrica intuitivo.

La prima parte di questo pianificatore, offerto come servizio da una base di consulenza di Siemens, è una scacchiera fisica popolata con modelli stampati in scala 3D di stampanti 3D e sistemi ausiliari. In cima a ciascuno di questi modelli c’è un tag QR che viene tracciato da una telecamera aerea. Ogni volta che uno dei modelli viene spostato, la telecamera ritorna in tempo reale allo schermo di un computer che mostra le macchine in una rappresentazione virtuale del pavimento della fabbrica.

Pianificazione intuitiva della fabbrica da parte di Siemens. Foto di Beau Jackson
Pianificazione intuitiva della fabbrica da parte di Siemens. Foto di Beau Jackson
Un marcatore, con una freccia che rappresenta la sua direzione di “vista”, rappresenta un membro del personale sul pavimento della fabbrica. Come per tutti i modelli di macchine, questo marker può essere spostato in qualsiasi punto della scacchiera, cambiando così il punto di vista all’interno della fabbrica. Posizionando virtualmente il cliente in un accordo di fabbrica, questa configurazione viene utilizzata per aiutare a costruire la configurazione di fabbrica più efficiente per le operazioni ed esplorare i limiti fisici senza dover spostare le macchine reali. I clienti hanno anche la possibilità di esplorare un accordo di fabbrica in VR. Questo strumento è particolarmente utile quando si lavora su un progetto internazionale quando è meno fattibile per tutto il personale in loco allo stesso tempo.

La seconda parte dell’intuitivo pianificatore di fabbrica di Siemens, che funziona in linea con lo strumento VR, è il software Siemens Simulation Plant Tecnomatix di Siemens Digital Industries. Questo strumento software esegue una dimostrazione virtuale della fabbrica, inclusi i percorsi degli operatori (o dei veicoli robot) tra le diverse parti della catena di processo. Aiuta i clienti di Seimens a identificare i potenziali colli di bottiglia che rappresentano operazioni costose e di nuovo a prendere decisioni sul layout della fabbrica al fine di ottimizzare la produzione.

Nel complesso, l’intuitivo pianificatore di fabbrica di Siemens ha lo scopo di aiutare i clienti a incrementare la produzione, creare un impianto di produzione additiva o organizzare una fabbrica ibrida e giungere a conclusioni su quali e quante macchine richiedono investimenti.

L’industria progredisce

Pur non essendo un’esplorazione esaustiva dei molti modi in cui le aziende stanno migliorando la propria integrazione in fabbrica, Essentium, LEO Lane e Siemens forniscono alcuni buoni esempi di azioni intraprese su tutta la linea.

La produzione additiva per la produzione è ancora in prima linea nelle innovazioni del settore della stampa 3D e poiché le macchine continuano a diventare più efficienti nella produzione di parti per uso finale, l’industria sta rispondendo con soluzioni di supporto nel software e nei sistemi ausiliari.

Be the first to comment on "Le tendenze della stampa 3d emerse da formnext 2019"

Leave a comment