Le stampanti 3d BigRep 3D e il film First Man

Come le stampanti BigRep 3D sono state utilizzate sul set di “First Man” per creare repliche in scala del modulo lunare Apollo 11, del razzo Saturn V e di altri oggetti di scena del film.

Da innovativi film di stop-animation a costumi per Black Panther , la stampa 3D sta rapidamente diventando uno strumento essenziale per i registi e gli scopi di pre-produzione. Di recente, la tecnologia ha persino iniziato a rubare i riflettori in alcuni dei principali film di Hollywood.

Il film medio ad alto budget in genere contiene oggetti di scena che devono essere accattivanti e spesso ultraterreni. E così, avere una stampante 3D considerevole e altamente capace sul set può aiutare a semplificare il processo prop-making per il team di produzione costantemente impegnato.

Uno degli ultimi successi di successo a essere sostenuto dall’uso della stampa 3D è First Man , il famoso film biografico prodotto da Steven Spielberg che racconta la storia rivoluzionaria dell’astronauta Neil Armstrong (interpretato da Ryan Gosling) e di come è diventato il primo uomo a cammina sulla luna.

Al fine di creare una replica in scala storicamente accurata della famosa capsula Apollo 11, insieme ad altri oggetti di scena cruciali, il team di produzione si è rivolto ai guru della stampa 3D di grande formato con sede in Germania presso BigRep .

Utilizzando la stampante 3D BigRep ONE di punta dell’azienda e uno specifico software di taglio, il team di produzione di First Man è riuscito a produrre l’intera replica della capsula in meno di sei mesi. Hanno anche usato la macchina di grande formato per creare una replica in scala del modulo del razzo Saturn V, tra gli altri oggetti di scena.

La relazione tra BigRep e First Man è iniziata quando lo scenografo Nathan Crowley, che ha lavorato anche a film come Dunkirk e Interstellar , si è imbattuto in una macchina BigRep presso la sede statunitense della sede di New Labs , un centro tecnologico multidisciplinare che è situato nel Brooklyn Navy Yard.

Dopo aver guardato un intero pezzo di manifesti di mobili stampati in 3D davanti ai suoi occhi, Crowley è stato immediatamente affascinato dalla stampante 3D FDM di grandi dimensioni.

“La prima cosa che ho chiesto è stata” quante volte la testina di stampa si è inceppata nell’ultimo mese? ” E hanno detto “una volta”. Mi è stato subito necessario, ho bisogno di entrare in contatto con queste persone perché eravamo sempre di fretta e non abbiamo il tempo per una stampante 3D che si inceppa su di noi “, ha detto Crowley a All3DP.

Nel mondo frenetico e grintoso della produzione cinematografica di Hollywood, il tempo è sempre essenziale. Quindi, per Crowley, trovare una stampante 3D con un volume di grandi dimensioni e gestito in modo efficiente era particolarmente allettante. E così, il team di produzione di First Man ha deciso di noleggiare una stampante 3D BigRep ONE per creare repliche su larga scala e vari oggetti di scena.

Con un enorme volume di costruzione di 1005 x 1005 x 1005 mm e una risoluzione minima di 100 micron, questa stampante 3D di grande formato era ideale per produrre una replica storicamente accurata del modulo lunare Apollo 11. Poco dopo la messa in funzione della prima macchina, l’equipaggio ha deciso di ordinare un altro BigRep ONE e aggiungerlo al piano di pre-produzione, portando il numero totale di stampanti 3D a due.

“Il team di produzione era alla ricerca di una soluzione di grande formato per la stampa 3D di razzi e moduli lunari e altri pezzi per il film e si sono imbattuti in BigRep nel nostro ufficio di New York City e si sono innamorati delle sue capacità. Come ogni film, avevano molti bisogni a breve termine, ma non avevano bisogno di acquistarlo, quindi hanno affittato la macchina per tutta la durata della produzione “, afferma Frank Marangell, presidente di BigRep America Inc. e Vicepresidente esecutivo ( EVP) delle vendite globali.

“Poco dopo aver preso la macchina e iniziato a usarla, hanno scoperto che stavano stampando molte più cose di quanto si aspettassero e stavano esaurendo la capacità e avevano bisogno di più. E così hanno preso in affitto un’altra macchina da noi. “

Il team di produzione “First Man” utilizza BigRep per creare Apollo 11 Capsule, Saturn 5 Rocket e altro
La stampante 3D BigRep ONE è stata una delle prime cose ad essere installata all’interno dell’officina di pre-produzione di First Man , e l’equipaggio non ha perso tempo a fare in modo che la stampante fosse pronta per estrudere. Il primo oggetto che avevano intenzione di stampare era una replica in scala del modulo lunare Apollo 11.

“Abbiamo inserito il BigRep ONE nel negozio di costruzione in cui abbiamo costruito i set, quindi abbiamo dovuto costruire una stanza intorno per mantenerlo pulito e mantenere la temperatura stabile. Per avere un letto di stampa di queste dimensioni, possiamo avere un modulo lunare ad un sesto della sua altezza reale che è di 23 piedi. Stiamo parlando di almeno un modello di dimensioni decenti. E davvero, il BigRep poteva stampare tutto in una volta “, ha spiegato Crowley.

Per aiutare con il processo di installazione e addestramento, lo specialista senior di stampa 3D di BigRep, Michel David, ha trascorso alcuni giorni con l’equipaggio. Sebbene in passato Crowley e il team di produzione abbiano avuto un’esperienza pratica con la stampa 3D, il BigRep ONE era una bestia completamente nuova da domare.

Una volta che hanno realizzato le capacità di velocità e dimensioni di questa macchina monumentale, la troupe del Primo uomo ha iniziato a considerare altri usi della stampante 3D di grande formato al di fuori della capsula Apollo 11 e dei moduli razzo Saturn V.

“All’inizio, erano molto entusiasti delle dimensioni della macchina e avevano inventato alcuni oggetti di cui avrebbero avuto bisogno per le riprese. La maggior parte delle volte parlavamo dei razzi Saturn V, volevano averli intorno agli otto metri di altezza. Scelgono lo strumento che consentirebbe loro di realizzare oggetti più grandi “, ci ha detto David.

Certamente, tecnologie più avanzate come CGI sono comunemente usate per film di successo come First Man , ma Crowley è sempre stato irremovibile nel creare repliche e miniature nel regno fisico, sostenendo che consentono un aspetto più realistico e artistico, specialmente quando sono ” Riprese gli oggetti fisici con luce e fumo.

Oltre alle due repliche in scala, anche l’equipaggio del Primo uomo ha stampato in 3D una varietà di componenti del cruscotto per l’interno della navicella Apollo 11.

“Erano molto, molto eccitati. Avevano una dozzina di stampanti più piccole, ma in termini di volume si parlava di 100 piccole stampanti in un BigRep. Significa molto assemblare e tagliare i modelli, quindi stamparli e collegarli insieme come un puzzle. Siamo stati in grado di aiutarli a produrre modelli grandi e complessi in una stampa semplice “, aggiunge David.

Il vantaggio di BigRep: perché la stampa 3D di grande formato appartiene a Hollywood
Mentre Crowley ha utilizzato la tecnologia di stampa 3D su una serie di set cinematografici in passato, la sua precedente esperienza era principalmente limitata alle macchine desktop. Con due stampanti BigRep ONE 3D, il team di produzione di First Man è stato in grado di produrre repliche in scala di dimensioni considerevoli della capsula Apollo 11 e del razzo Saturn 5 in un’unica operazione di stampa.

In precedenza, lo scenografo avrebbe dovuto dividere il modello in parti, stamparle in una fattoria di stampanti 3D più piccole e quindi assemblarle pezzo per pezzo.

“Stampando quello su stampanti desktop più piccole, avremmo dovuto dividerlo in parti, e poi buttarle tutte insieme e poi rifinirle. Dovremmo mettere insieme questi pezzi del puzzle e questo presuppone che una di quelle stampanti non si rompa e non ci manchi una parte. Quindi, per stamparlo, è stato un punto di svolta per noi “, ha spiegato Crowley.
Inoltre, molte stampanti 3D desktop richiedono ancora una quantità significativa di ritocchi e tempo per ottenere risultati ottimali. E, in un ambiente frenetico e ad alto stress come un set cinematografico, la maggior parte degli addetti alla produzione non ha molto tempo da perdere. Nell’esperienza personale di Crowley, questa competenza e impegno richiesti sono stati uno dei suoi punti di forza nella tecnologia di stampa 3D.
“Inutile dire che non avevamo una stampante stabile affidabile. E questo è un grosso problema. E voglio dire, per me, questo è il problema principale con la stampa 3D desktop. Devi essere un hobbista totale. Devi sapere come smontarlo e stamparlo e rimetterlo insieme per usarlo effettivamente. “

Ma con l’aiuto di BigRep, lo scenografo è stato in grado di stampare repliche di dimensioni considerevoli e oggetti di scena cinematografici a una velocità incredibilmente veloce. Non solo la stampante BigRep ONE 3D ha fornito al team First Man un volume di generazione gigantesca, ma ha anche reso il processo complessivo di produzione di oggetti di scena molto meno dispendioso in termini di tempo.

“Siamo in grado di offrire ai clienti più macchine di grandi dimensioni e il ritmo di creazione di un set è molto veloce. E stiamo parlando di tempo qui. Il team di produzione si è riunito per circa sei mesi, ha progettato, prodotto e installato il set. Quindi fanno solo pochi giorni di riprese e tutti vanno a casa. Dopodiché, richiede post-elaborazione e modifica e in breve tempo produce tutto questo. È qui che la stampa 3D di grande formato diventa molto vantaggiosa “, afferma David.

Per quanto riguarda il modo in cui il team BigRep pensa di avere la loro stampante 3D di punta fortemente coinvolta nella produzione di First Man , sicuramente vedranno un futuro nel mondo dell’intrattenimento su grande schermo. Tuttavia, invece di essere sorpreso dalla nuova collaborazione, David ha espresso curiosità sul motivo per cui Hollywood ha impiegato così tanto tempo ad adottare la stampa 3D di grande formato nel processo di pre-produzione e produzione cinematografica.

“Lo guardo dal contrario. Da un lato, perché ci è voluto così tanto tempo per Hollywood o per i team di produzione per scoprire la magia della stampa 3D? D’altra parte, la stampa 3D di grande formato, in particolare, ha un enorme potenziale. Forse è il modo tradizionale in cui stanno lavorando, ma mi aspetto di vedere un modo in cui la stampa 3D verrà utilizzata in futuro “, conclude.

Be the first to comment on "Le stampanti 3d BigRep 3D e il film First Man"

Leave a comment