Le specifiche del polimero sae international

PARTI DELLA CABINA STAMPATE IN 3D ORA SONO POSSIBILI CON LE SPECIFICHE DEL POLIMERO SAE INTERNATIONAL

L’associazione internazionale degli standard di ingegneria SAE International ha pubblicato le sue prime specifiche per i polimeri di fabbricazione additiva utilizzati nel settore aerospaziale. In particolare, la documentazione si riferisce al processo e al materiale utilizzato in, Fused Filament Fabrication (FFF). Sono stati sviluppati su richiesta delle compagnie aeree che stanno cercando di applicare la stampa 3D alla produzione di parti in plastica per cabine, come bordi del monitor , pannelli distanziatori e braccioli. Adottate da queste parti e dai fornitori che cercano di soddisfare i requisiti aerospaziali, le specifiche aiuteranno a incoraggiare l’adozione della stampa 3D.

Il comitato AMS-AM Additive Manufacturing Non Metallic (AMS-AM-P) è stato creato appositamente per la loro creazione. Paul Jonas , direttore dello sviluppo tecnologico e dei programmi presso il National Institute for Aviation Research (NIAR) e il presidente AMS-AM-P, afferma: “Sia gli utenti che i produttori di additivi che i produttori trarranno beneficio dall’implementazione degli standard AMS-AM.

“Questi standard aiutano a definire un insieme coerente di materiali e limiti di processo che l’utente e il produttore concordano a supporto delle attività di approvvigionamento delle parti.

“GLI STANDARD AMS-AM SUPPORTANO LA PROMOZIONE DELLA CONOSCENZA, LA STANDARDIZZAZIONE DELLE PRATICHE E L’AVANZAMENTO DEL COMMERCIO NEL SETTORE AEROSPAZIALE EMERGENTE AM.”

La standardizzazione è fondamentale per l’adozione della stampa 3D nella produzione, in particolare per quanto riguarda l’industria aerospaziale strettamente controllata. In risposta a questo requisito, SAE International ha già pubblicato una vasta gamma di materiali relativi all’utilizzo del metallo nell’industria aerospaziale, inclusi gli standard per la fusione laser a letto di polvere (LPBF). In collaborazione con fornitori aerospaziali, come Norsk Titanium , l’organizzazione ha anche sviluppato specifiche per le tecnologie emergenti di produzione additiva . Finora, il comitato AMS-AM per questo sviluppo ha pubblicato un totale di nove specifiche per la stampa 3D in metallo, con piani per introdurne di più in futuro.

Le nuove specifiche AMS-AM-P per i polimeri sono numerate e denominate AMS7100: processo di fabbricazione del filamento fuso e AMS7101: materiale per la fabbricazione del filamento fuso. Il primo specifica i controlli e i requisiti critici per produrre ripetutamente parti con la tecnologia FDM del marchio Stratasys e altri processi di estrusione di materiale. Gli utenti possono utilizzare i documenti per approvare il processo e il materiale delle nuove macchine, nonché per verificare la configurazione e la metodologia di test appropriate. Quest’ultima specifica, AMS7101, delinea informazioni tecniche, linee guida di produzione e requisiti di documentazione per i produttori di materiali.

David Alexander , direttore del programma di standard aerospaziali SAE, aggiunge: “Dopo il successo e lo slancio del comitato SAE AMS-AM Metallic Materials, i rapidi sforzi del comitato AMS-AM-P hanno contribuito a portare queste rivoluzionarie specifiche AMS di livello aerospaziale alla comunità globale degli stakeholder “.

Nel suo sviluppo di standard SAE International collabora con organismi regolatori specifici del settore, come la Federal Aviation Administration (FAA), produttori, fornitori e utenti finali, incluso il lavoro con l’organizzazione di standard tecnici colleghi ASTM International . Nel 2018, ASTM ha annunciato lo sviluppo di uno schema di pratica standard per l’uso delle tecnologie di fusione a letto di polvere (PBF) e da allora ha sviluppato l’appartenenza al suo programma del Centro di eccellenza di produzione additiva incentrato sugli standard.

In altre notizie per l’industria manifatturiera degli additivi per metalli, la Metal Powder Industries Federation (MPIF) ha anche pubblicato un’edizione rivista dei suoi standard di caratterizzazione delle polveri, lanciata originariamente nel gennaio di quest’anno .

Be the first to comment on "Le specifiche del polimero sae international"

Leave a comment