Le presunte sculture in bronzo di Michelangelo definitivamente attribuite al Genio fiorentino grazie anche alla stampa 3d ?

Un anatomista presso l’Università di Warwick ha collaborato con ingegneri e designer del Warwick Group  dell’Università Manufacturing (WMG) e con storici dell’arte dell’Università di Cambridge; della metallurgia di Birmingham University; e scienziati di conservazione del Rijksmuseum, Amsterdam; e del Fitzwilliam Museum per svelare la storia di due misteriose sculture in bronzo del Rinascimento. Figure leader  nella nuova attribuzione a MIchelangelo comprendono il professor Paul Joannides, il Professore Emerito di Storia dell’Arte, dell’ Università di Cambridge; il Dr. Victoria Avery, Custode delle Arti Applicate del Museo Fitzwilliam; il Dr. Robert van Langh, responsabile della Conservazione al Rijksmuseum; e il professor Peter Abrahams, Anatomista Clinico, alla Warwick Medical School, dell’ Università di Warwick.

Le due sculture in bronzo una di un uomo più giovane, e una di un uomo anziano, sono state esposte per la prima volta  nel tardo 19 ° secolo a Parigi . All’inizio sono state attribuite a Michelangelo innescando polemiche visto che le  le opere non sono firmate e non sono documentate. A febbraio 2015, questo gruppo di studiosi ha dichoarato che secondo loro questa opera è da attribuire a  Michelangelo  , e per farlo hanno usato tutte le miglioritecnologie a disposizione. Alla Metallurgia di WMG hanno impiegato l’imaging a neutroni, l’analisi XRF, la radiografia videografica, e, cosa più interessante, una scansione laser a 360 gradi e la stampa 3D, per arrivare alla radice del problema.

Una chiave per la comprensione dell’arte rinascimentale sta in chi poteva fare questo tipo di opera visto che a quel tempo gli unici tra gli artisti, solo Michelangelo e Leonardo da Vinci avevano la conoscenza anatomica per creare delle figure umane così precise. Sapendo poi che MIchelangelo ha prodotto alcune sculture in bronzo gli indizi si rafforzano.

“Sono molto fiducioso che questi  Bronzi saranno  finalmente attribuiti a Michelangelo visto che nessuno nel  1500, aveva  tali conoscenze e competenze di modellazione anatomiche così dettagliate per rendere perfetti degliuomini muscolosi,” ha detto il professor Abrahams.

Andrew Lacey farà delle repliche sperimentali delle sculture. Lacey lavorerà con scansioni ad alta risoluzione scattate dagli originali dai ricercatori del WMG, guidati dal professor Mark Williams. Le scansioni hannno una precisione non inferiore ai 100 micron,  necessaria al fine di ottenere la comprensione delle figure ‘precisione difficile da vedere nei bronzi fisici a causa dello spessore e dell’imprecisione del materiale e della tecnica di colata originale utilizzata .

“E ‘stato fantastico poter applicare la nostra tecnologia per un progetto così entusiasmante e aiutare a far luce sull’origine di queste bellissime statue. Di solito lavoriamo su progetti molto tecnici, ma impiegare il nostro know-how e per qualcosa di completamente diverso e così storicamente significativo è stata un’occasione davvero interessante “, ha detto il professor Williams.

Il modello digitale del Michelangelo in 3D creato dalle scansioni è stato lavorato a Pinewood presso i famosi studi  cinematografici londinesi con  Propshop per creare modelli stampati 3D sia si scala ridotta che a dimensioni naturali. Da queste repliche stampate in 3d, Lacey userà gli stampi per creare le sculture replicando le tecniche dell’epoca.

La Dr. Victoria Avery del Fitzwilliam Museum ha coordinato il progetto oltre a presentare i risultati al pubblico.

“Grazie a questa nuova collaborazione tra storici dell’arte, scienziati della conservazione, anatomisti, ingegneri, prop-maker e artisti, e  sfruttando le tecnologie allo stato dell’arte e le attrezzature  di imaging, possiamo ora rivelare che questi bronzi enigmatici sono stati fabbricati utilizzando alcune tecniche di lavoro piuttosto idiosincratiche, e ciò presta ulteriore peso alla analisi tecnica visiva e preliminare “, ha osservato il dottor Avery.

Lunedi 6 luglio l’Università di Cambridge ha ospitato una giuria internazionale a cui  presentare la ricerca e i risultati per quanto riguarda le statue in bronzo. Se queste due statue fossero l’opera di Michelangelo,  rappresenterebbero gli uniche due sculture  superstiti in bronzo dell’artista.

Be the first to comment on "Le presunte sculture in bronzo di Michelangelo definitivamente attribuite al Genio fiorentino grazie anche alla stampa 3d ?"

Leave a comment