Le maschere mortuarie  di Vesper stampate in 3D di Neri Oxman

Le maschere mortuarie  di Vesper stampate in 3D di Neri Oxman esplorano il concetto di rinascita
Abbiamo già scritto a proposito dell’uso della stampa 3D da parte del MIT  Mediated Matter Group per creare una gamma notevole di “maschere mortuarie”. La più recente raccolta di cinque maschere è stata la terza e ultima serie della trilogia dei Vespri, parte di una mostra di design intitolata The New Ancient Collection, curata da Naomi Kaempfer. Queste ultime cinque maschere sono stampate in 3D da materiali bioattivi e hanno lo scopo di esplorare il concetto di rinascita. Mediated Matter Group è guidato dal designer e professore americano-israeliano Neri Oxman, insieme a Christoph Bader, Rachel Soo Hoo Smith, Dominik Kolb, Sunanda Sharma, João Costa e James Weaver.

I progetti per le maschere sono stati creati con un software personalizzato avanzato che è stato utilizzato per modellare forme complesse ad alta risoluzione basate su dati. Questi progetti 3D sono stati stampati utilizzando una stampante 3D multi-materiale Stratasys Objet500 Connex3 e materiali bioattivi.

Il progetto Vespers è iniziato nel 2016, con le prime cinque maschere mortuarie stampate in 3D, basate su antiche maschere mortuarie modellate in argilla o altri materiali. Il primo set da rivelare era in realtà la seconda parte della trilogia, conosciuta come Present, The Digital World . Queste cinque maschere erano destinate a trasmettere idee di metamorfosi, e i loro colori e forme erano basati su quelli della prima parte della trilogia, che è stata rivelata in seguito.

“Usando algoritmi di mappatura spaziale, le colorazioni di superficie e le geometrie troncate culturalmente codificate nella prima serie si trasformano in fili colorati interni, all’interno di volumi trasparenti e incurvati nel secondo”, ha spiegato il team.

Il secondo set era chiamato Past, The Natural World , e il suo concetto era che il soffio finale di cinque martiri era intrappolato all’interno delle maschere in cui erano sepolti. Il flusso fisico dell’aria era rappresentato da motivi vorticosi nel materiale, realizzati usando diversi minerali nella struttura stampata in 3D.

Per questa terza e ultima parte della trilogia, Future: The Biological World , le maschere sono destinate a funzionare come urne biologiche e sono abitate da vari microrganismi viventi. Questi microbi sono stati sinteticamente progettati dal team di Oxman per produrre pigmenti colorati, nonché i tipi di sostanze chimiche utili che vengono spesso utilizzate per l’aumento umano, come vitamine, anticorpi o farmaci antimicrobici. The Mediated Matter Group voleva suggerire la possibilità che i futuri dispositivi e interfacce indossabili bioingegnerizzati potessero essere personalizzati in base alla composizione chimica e genetica di un individuo, nonché alla loro forma fisica.

Secondo il team, “queste maschere sono paradossalmente le più” vere “delle tre serie: letteralmente” reingegnerizzano “la vita guidando i microrganismi viventi attraverso minuscole caratteristiche spaziali all’interno dei manufatti dei morti.I loro microrganismi sono distribuiti secondo il logica spaziale fornita dalla seconda serie … Il progetto punta verso un futuro imminente in cui le interfacce e le skin indossabili sono personalizzate non solo per adattarsi a una particolare forma, ma anche per un materiale specifico, chimico e anche per il trucco genetico, adattando il wearable al corpo e all’ambiente in cui vive “.

In futuro, prevedono che il tipo di personalizzazione che hanno esplorato con queste ultime cinque maschere stampate in 3D potrebbe portare a interfacce mediche che rilasciano antibiotici secondo il patrimonio genetico di qualcuno, oltre a confezioni intelligenti in grado di rilevare la contaminazione e superfici architettoniche che rispondono e si adattano ai segnali ambientali.

Be the first to comment on "Le maschere mortuarie  di Vesper stampate in 3D di Neri Oxman"

Leave a comment