Le gemelline siamesi americane Knatalye e Adeline separate anche grazie alla stampa 3d che ha simulato la parte condivisa

Le statistiche riguardanti i gemelli siamesi sono molto negative . La presenza di gemelli congiunti – in cui un embrione  inizia la divisione in due gemelli identici, ma non completa la scissione, lasciando qualche forma di attaccamento fisico tra i due feti – è di circa 1 ogni 200.000 nati vivi, le aspettative per vita sono mediamente molto basse. Alcune stime, come quelle dell’Università del Maryland, che calcola  un tasso di sopravvivenza dal 5-25% di tutti i gemelli siamesi, con il 40-60%  destinati a morire subito dopo il parto  e il 35% dei nati vivi che sopravvive un solo giorno. Per coloro che riescono a sopravvivere, solo in alcuni casi è possibile la separazione. Questi casi, richiedono gemelli sani, che non siano collegati  con la testa, col cuore, o con la colonna vertebrale.

Nel gennaio 2013, Elysse Mata ha appreso che era incinta di  due gemelle ma che erano probabilmente siamesi. Elysse e suo marito, John, che hanno un figlio sano di 5 anni , Azaria ; si sono trasferiti più vicino al Texas Children Hospital, dove hanno scoperto che potevano ricevere cure adeguate per tutto il resto della gravidanza e dopo la nascita delle gemelline .

In aprile a 31 settimane, le gemelle sono nate col taglio cesareo, vive e in buona salute, anche se unite. La famiglia cominciò allora a pianificare il futuro delle gemelline sperando nella possibilità di separarle. Le gemelline , Knatalye Hope  e Adeline Faith, ( Speranza e Fede ) erano collegate per il torace, condividendo il torace appunto , l’addome e le pelvi . Capire come separarle e nel miglior modo possibile è stata la sfida del team medico. Fortunatamente, gli specialisti  avevano la tecnologia dalla loro parte.

Per procedere all’operazione  i medici hanno  stampato in 3d un modello  che ha mostrato all’equipe medica esattamente come le gemelline erano attaccate . Il modello medico è stato prodotto in meno di una settimana, con tre giorni di radiologia di imaging per creare i modelli e poi tre giorni di modellazione 3D e stampa a Dallas. Il modello ha mostrato in modo molto dettagliato  il cuore, i polmoni, lo stomaco e le reni nella loro gabbia toracica  di Knatalye e Adelinein modo fine e dettagliato , infatti, il modello di fegato era trasparente e mostrava i vasi sanguigni.

“Questo tipo di pianificazione chirurgica in 3d diventa molto importante quando si decide di assegnare un organo ad un gemello o l’altro,” Ha dichiarato il dottor Rajesh Krishnamurthy, Capo della Radiologia e dell’ Imaging cardiaca all’ospedale dei bambini del Texas,   in un video recentemente pubblicato dall’ospedale. “Avere un modello  stampato in 3D ti dà indicazioni su ciò che si sta andando a operare . Il modello aveva  un buon grado di dettaglio. ”

Inoltre grazie al modello 3D, i chirurghi erano anche preparati per l’operazione principale con la pianificazione chiara step-by-step.

Già nel mese di dicembre, in previsione della loro separazione, i gemelli sono stati preparati  con espansori di tessuti impiantati nei loro torsi. Gli espansori portano ad  una lenta espansione del petto e della pelle addominale  , che così si estende per avere la pelle in più di cui si ha  bisogno una volta separati. Oltre al lavoro diretto sulle bambine, chirurghi hanno intrapreso una simulazione chirurgica di 5 ore  per la procedura di separazione finale. Poi questo Febbraio finalmente hanno eseguito l’operazione.
Ci sono voluti

13 reparti coinvolti nella progettazione, tra cui
chirurgia pediatrica
chirurgia plastica
chirurgia cardiovascolare
urologia
Chirurgia del trapianto di fegato
chirurgia ortopedica
ginecologia pediatrica
Più di 26 medici tra cui:
12 chirurghi
6 anestesisti
8 infermieri chirurgici
Quasi 30 ore di intervento chirurgico, con:

23 ore di intervento chirurgico su Knatalye
26 ore di intervento chirurgico su Adeline
Le gemelline alla fine sono stati separate. L’operazione ha avuto i suoi momenti di tensione, come ad esempio quando la pressione del sangue di Adeline è scesa pericolosamente per diversi minuti, ma alla fine le due ragazze sono sopravvissute e sono uscite separate dalla sala operatoria.

Le gemelline sono ora in ripresa, in condizioni critiche, ma stabili. Rimarrannoin rianimazione per un po ‘, ma dovrebbero essere stabilizzata in  una settimana o giù di lì. Essi richiederanno in futuro più interventi chirurgici, nel corso dei prossimi settimane e mesi, ma la parte più critica è alle loro spalle.

Be the first to comment on "Le gemelline siamesi americane Knatalye e Adeline separate anche grazie alla stampa 3d che ha simulato la parte condivisa"

Leave a comment