Le due tartarughe con il carapace aggiustato dalla stampa 3d

Daisy è una tartaruga di 75 chili che è stata ferita da un’auto. E’ sopravvissuta all’incidente, ma è rimasta  con due buchi nel guscio, rimanendo così vulnerabile alle infezioni e ai possibili danni alla spina dorsale. Sebbene i buchi fossero fasciati, le bende dovevano essere cambiate di frequente, il che era scomodo per Daisy, e le protesi per quel tipo di danno potevano costare centinaia di dollari. Così il dott. Tereza DeMuth, veterinario del Canyon Pet Hospital  di Flagstaff, in Arizona, ha contattato la Northern Arizona University – più specificamente il MakerLab presso la Cline Library dell’università – per avere aiuto con una soluzione stampata in 3D.

Kathleen Schmand, direttore dello sviluppo e delle comunicazioni di Cline Library, Andrew See, responsabile dei servizi per gli utenti della biblioteca e docente d’arte David Van Ness, direttore del programma  New Media Art , è andata all’ospedale per vedere Daisy e valutarla condizione. Van Ness ha effettuato scansioni laser dei pezzi di guscio spezzati della tartaruga, quindi ha creato un modello 3D. Il giusto modello ha richiesto alcuni tentativi, coinvolgendo il tentativo di adattare i pezzi al carapace e rendendosi conto che non avevano tutti i pezzi mancanti.

“È proprio quel processo di prototipazione, che stampa ciò che pensi che funzionerà e poi lo misuri effettivamente contro la realtà e lo aggiusti”, ha detto Schmand.
Il team ha scelto PLA per la stampa 3D dei nuovi pezzi shell. Essi consideravano il chitosano, che è costituito da gamberetti croccanti e conchiglie da cricket e sarebbe vicino al materiale naturale di un guscio di tartaruga, ma quel materiale, e le attrezzature necessarie per lavorarlo, era difficile da procurarsi, così si stabilirono su altro PLA standard. Nonostante il fatto che fossero necessarie più stampe prima della produzione del pezzo finale, la protesi costava solo $ 20.

Il Canyon Pet Hospital tornò presto al MakerLab con un’altra tartaruga, molto più piccola. Tim, una tartaruga del deserto del Mojave di 1,5 libbre, ha perso parte del suo guscio a un cucciolo, lasciando scoperto il suo fegato.

“Entrambe le tartarughe erano ad alto rischio di infezione e sepsi e quindi hanno dovuto sopportare i cambiamenti della fasciatura ogni tre giorni per circa due mesi prima che le ferite fossero pulite e abbastanza sane da coprire con le protesi”, ha detto DeMuth.
Tim era un po ‘più impegnativo, in quanto non c’erano parti rotte del suo guscio lasciate da scansionare. Van Ness ha pensato di usare la plastilina plastilina per modellare il pezzo mancante sul guscio di Tim e poi scansionarlo, ma si è rivelato non necessario poiché Tim sta guarendo molto rapidamente.

“Ha bisogno di un po ‘di armatura che può essere lasciato acceso per un periodo di tempo più breve”, ha detto Schmand. “Sta guarendo a un ritmo davvero veloce.”
Van Ness, che è stato consulente per la biblioteca mentre progettava MakerLab, dice che dedica più tempo alla scultura 3D che alla scultrice tradizionale. Schmand ha visto le stampanti 3D in laboratorio utilizzate per un’ampia varietà di progetti, da professori che hanno stampato in 3D ossa umane antiche a uno studente che ha stampato in 3D un vaso sanguigno per mostrare come appare un aneurisma.

“Le opportunità sono infinite”, ha detto. “Semplicemente non sai mai cosa potresti ottenere per ricreare o produrre.”
Daisy e Tim stanno entrambi rispondendo bene al trattamento. Daisy avrà due pezzi impiantati sul guscio per il resto della sua vita, cambiata circa una volta all’anno, mentre Tim sarà in grado di andare senza la sua copertura protesica una volta che il suo guscio guarirà completamente.

“Diversamente dalla medicina umana, i nostri pazienti animali sono disponibili in una gamma molto diversificata di forme e dimensioni, quindi avere la capacità di creare materiali su misura per ogni individuo unico rende questo momento molto eccitante per essere nella pratica veterinaria”, ha affermato il Dr. DeMuth.

Be the first to comment on "Le due tartarughe con il carapace aggiustato dalla stampa 3d"

Leave a comment