Le biblioteche e la stampa 3d il caso del Nebraska e della biblioteca pubblica di Kearney

Gli spazi di Library Makers portano la tecnologia al pubblico

Le biblioteche sono luoghi accoglienti e pacifici. La ragione ovvia per questo è che sono pieni di libri, ma sono molto più di questo. Sono posti tranquilli di tregua, mentre allo stesso tempo sono luoghi che abbracciano la comunità. E l’ascesa della tecnologia non ha diminuito la loro rilevanza, anzi, al contrario. Le biblioteche sono sempre state il primo punto di accesso alle nuove tecnologie per molte persone. In effetti, posso ricordare di aver usato Internet per la prima volta nella mia biblioteca scolastica, aprendo una finestra del browser e non avendo idea di come navigare oltre la home page della biblioteca. È un po’ ridicolo pensare ora, ma quante persone hanno avuto la stessa esperienza della loro prima volta su Internet?

Allo stesso modo, molte persone hanno sperimentato la stampa 3D per la prima volta in una libreria. Sempre più biblioteche, sia scolastiche che comunitarie, stanno iniziando a offrire l’accesso a stampanti 3D – e talvolta a spazi di produzione completi. La biblioteca pubblica di Kearney in Nebraska ha recentemente aggiunto un makerspace come parte delle sue offerte pubbliche e lo staff è entusiasta di aprirlo alla comunità.

“Molte persone non avranno queste cose nelle loro case”, ha detto il bibliotecario della tecnologia Beth Rosenthal. “Queste sono cose che possono usare per essere creativi e fare nuove cose. Il nostro obiettivo è creare un posto dove essere creativi. “

Queste cose includono una stampante 3D, il software Adobe Creative Cloud e un creatore di Cricut.

“Un’altra stazione includerà una macchina per il salvataggio di nastri VHS in un formato digitale”, ha affermato Rosenthal. “Abbiamo anche una macchina da cucire che farà lavori di ricamo, un produttore di bottoni e alcune macchine divertenti che pensavamo potessero utilizzare.”

Personalmente, penso che l’accesso a una macchina che trasferisce nastri VHS in formato digitale sia un’idea geniale, e che molte persone saranno entusiaste di sfruttare. Quante persone hanno vecchie videocassette – di matrimoni, feste di compleanno, giochi di campionato, ecc. – che gironzolano per le loro case raccogliendo polvere, aspettando il giorno in cui i loro proprietari finalmente riusciranno a trovare qualcuno che possa digitalizzarli? Il makerspace offre a queste persone l’opportunità di farlo da sé – e questo è uno dei grandi scopi di un makerspace: dare alle persone strumenti per fare le cose e creare le cose da soli.

“In questa società, per lo più consumiamo solo”, ha affermato Rosenthal. “Speriamo di vedere gli utenti esplorare e scoprire. Le persone lo fanno comunque nella biblioteca; stanno studiando, scrivendo e facendo cose qui. Questo spazio lo porterà ad un altro livello. Realizziamo programmi qui, ma questo spazio sarà più autosufficiente per le persone. Daremo loro uno spazio da esplorare. Ci piace pensare alla citazione di Albert Einstein, “La creatività è l’intelligenza che si diverte”. Vogliamo uno sbocco per le persone a esplorare in un modo nuovo. “

Il 10 gennaio, le persone possono venire in una casa aperta gratuita per esplorare il makerspace dalle 4.30 alle 19.30. Attualmente esiste solo una stampante 3D, ma Rosenthal spera di ottenere di più se c’è una risposta entusiastica al primo. Gli utenti inseriranno file di cose che desiderano stampare in 3D e il personale gestirà la stampa effettiva mentre gli utenti guarderanno un live streaming online, se lo desiderano.

La biblioteca di Kearney è lontana dall’essere da sola nell’offrire un makerspace, ed è una cosa meravigliosa. Molte persone che sono andate avanti per avviare attività commerciali e fare cose incredibili con la stampa 3D puntano agli spazi di creazione di comunità come prima esposizione alla tecnologia, quindi non c’è dubbio che questi luoghi siano preziosi. Proprio come l’accesso alle biblioteche ha aiutato le persone a trovare lavoro, registrarsi per votare, imparare a leggere, gestire le tasse, è anche permettere loro di scoprire e acquisire familiarità con alcune delle più importanti nuove tecnologie là fuori – e non si sa dove potrebbe condurre.

Be the first to comment on "Le biblioteche e la stampa 3d il caso del Nebraska e della biblioteca pubblica di Kearney"

Leave a comment