l’artista islandese Steinunn Thorarinsdottir installa delle armature a grandezza naturale stampate in 3d al Fort Tryon Park di Manhattan al Cloisters Lawn

Normalmente, la prima cosa che mi viene in mente quando qualcuno parla di armature stampate in 3D è il bellissimo lavoro di Melissa Ng. In un’affascinante nuova installazione d’arte pubblica, l’artista islandese Steinunn Thorarinsdottir  ha portato copie a grandezza naturale di  armature al Fort Tryon Park di Manhattan, dove adoreranno il Cloisters Lawn . L’armatura è stata scannerizzata in 3D dalla collezione del  Metropolitan Museum of Art  (il Met) .

Thorarinsdottir ha pensato inizialmente all’idea per la sua installazione di “ARMORS” cinque anni fa, quando è rimasta affascinata dal dipartimento di armi e armature della Collezione Medievale del Met durante una lunga visita a New York.

Alla cerimonia di apertura del suo spettacolo dei Cloisters, Thorarinsdottir ha dichiarato: “Ho iniziato a pensare a come incorporare l’armatura nel mio lavoro figurativo visivo.

“Due anni fa, ho pensato, ‘Devo renderlo realtà perché è rimasto con me per così tanto tempo’”.
Un motivo ricorrente nel suo lavoro sono figure androgine, e pensava che sarebbe stata una buona idea per un progetto collocare l’armatura solida e potente accanto alla “vulnerabilità della figura nuda”.

Steinunn Thorarinsdottir, “ARMORS” a Fort Tryon Park. [Immagine: Azhar Kotadia]
Nel 2011, Thorarinsdottir è stato oggetto di una mostra con il Dipartimento di Parchi e Ricreazioni di New York City di fronte alle Nazioni Unite, e così quest’anno ha affrontato il programma Art in the Parks con la sua nuova idea, che è stata accettata con entusiasmo. Jennifer Hoppa, l’amministratore del Parco del Nord di Manhattan, fu colui che suggerì Fort Tryon Park.

Hoppa ha spiegato: “Abbiamo un’incredibile collezione medievale qui, quindi è stata una buona idea”.
Una volta che Thorarinsdottir ha notato il rigoglioso prato verde del sito situato sotto i Cloisters, uno straordinario pezzo di architettura costruito negli anni ’30 da più cattedrali gotiche spedite oltremare dall’Europa pietra su pietra, ha deciso che era il posto perfetto.

Il Met ha anche acconsentito rapidamente al progetto, e il curatore, Donald La Rocca, ha persino portato il Thorarinsdottir in una panoramica delle armi e dell’esibizione del museo, indirizzando la sua attenzione sugli specifici semi dell’armatura che riteneva più adatti all’installazione . Fortunatamente, i tre pezzi che ha indicato sono gli stessi che Thorarinsdottir ha voluto utilizzare da quando ha avuto l’idea.

Thorarinsdottir ha collaborato con il reparto di imaging avanzato del Met per creare le sculture uniche, sviluppando in primo luogo le scansioni 3D delle armature scelte. Vennero usate vecchie e nuove tecnologie – prima, i tre semi furono stampati in 3D, poi riprodotti in fusione di alluminio usando il metodo della cera persa in una fonderia cinese.

Ci sono molte ragioni per cui i musei possono sfruttare la stampa 3D e la scansione 3D, come mettere insieme cataloghi 3D e condividere informazioni con le masse, oltre a creare nuove mostre uniche . Il Met in genere esegue la scansione solo degli artefatti necessari per gli scopi di conservazione, come la creazione di montaggi di visualizzazione e, sebbene al momento non abbia piani per scansionare tutti gli oggetti della sua collezione, ha goduto della sfida della scansione 3D delle armature.

Il direttore generale del reparto di imaging avanzato del Met, Scott Geffert, ha dichiarato: “Questo è divertente perché questo è un problema artistico da risolvere. Se hai chiesto a qualcuno di scannerizzare un’armatura probabilmente direbbero di no. ”
Perché Geffert lo ha classificato come un problema? Perché è difficile scansionare con precisione le molte parti di interblocco che costituiscono un’armatura completa.

 

Geffert ha spiegato, “Se tu fossi in un mondo perfetto potevi scansionare ogni pezzo e metterlo insieme, e avresti molto più controllo.”
Il team del laboratorio di imaging teneva le tute su manichini, quindi se l’armatura si muoveva ancora leggermente, i pezzi si sarebbero spostati, nel senso che avrebbero dovuto ricominciare tutto da capo. Ma alla fine tutto è andato tutto bene.

“Da una scansione 3D ad alta risoluzione, a una stampa 3D a uno stampo a cera per la fusione dell’alluminio, è incredibile mantenere quel livello di dettaglio. Mi aspettavo qualcosa di molto più low-res con tutte quelle iterazioni “, ha detto Geffert. “Tecnicamente, sono molto impressionato.”
Ogni scultura di armature affronta una delle figure androgine di  Thorarinsdottir, che sono state lanciate usando stampi per bende dal corpo di suo figlio – il suo modello per oltre un decennio. Posò allo stesso modo di ognuno dei tre semi dell’armatura per gli accoppiamenti scultorei.

Thorarinsdottir è molto contento del modo in cui è stata realizzata la sua installazione di arte pubblica, in particolare del modo in cui le armature, rese possibili dalla scansione 3D, brillano sul prato.

Thorarinsdottir ha dichiarato : “È completamente diverso che guardarle da dietro un vetro al Metropolitan”.

Be the first to comment on "l’artista islandese Steinunn Thorarinsdottir installa delle armature a grandezza naturale stampate in 3d al Fort Tryon Park di Manhattan al Cloisters Lawn"

Leave a comment