L’Argentina e la stampa 3d

Una nuova edizione del Congresso sulla stampa 3D in Argentina si è conclusa giovedì scorso dopo due giorni di seminari, stand di fornitori e relatori che hanno parlato delle sfide e delle soluzioni della produzione utilizzando la stampa 3D. Dai biomateriali alle resine, dalla stampa 3D nell’industria automobilistica, ai simulatori medici 3D e alle invenzioni biomediche, alcuni degli usi più innovativi per la tecnologia mostrano che sta avanzando nel paese, sebbene un po ‘più lentamente del previsto.

Sergio Cavaliere, Product and Applications Manager for Advanced Machine Systems (AMS), ha dichiarato : “Il mercato locale è instabile, complesso e ingabbiato da controlli, ma a livello di produzione generale notiamo che le aziende hanno iniziato ad acquisire tecnologia di produzione additiva , forse non ai livelli di iper aspettativa previsti cinque anni fa, tuttavia, sanno che se non iniziano a utilizzare la stampa 3D, perderanno la competitività. ”

Si è tenuto dal 6 al 7 novembre nella città di Buenos Aires, l’evento ha riunito oltre 3.500 appassionati, professionisti e ricercatori della stampa 3D che hanno discusso con entusiasmo su come ottenere risultati migliori, più economici ed efficienti, oltre a ciò che è all’orizzonte per il 3D locale aziende di stampa. I temi principali di quest’anno si sono concentrati sulla stampa 3D nell’industria e nella biomedicina.

L’anno scorso, quando lo stabilimento Mercedes Benz di Buenos Aires stava cercando di migliorare la sua linea di produzione di camion e furgoni, hanno consultato Cavaliere e AMS. Gli specialisti del processo di produzione hanno raccomandato di acquisire una macchina di produzione additiva per accelerare la produzione. La filiale locale del costruttore di veicoli tedesco iniziò presto a utilizzare uno Stratasys F270 24/7 e in soli 23 giorni creò i dispositivi necessari per l’ingegneria di produzione della catena di montaggio.

Workshop: creazione di forme uniche con la matita 3D

“In generale e in tutto il mondo, quasi il 70% di tutta la stampa 3D viene utilizzata per la prototipazione. Tuttavia, questo non è il caso dell’Argentina, dove le industrie sono alla ricerca di modi per utilizzare la tecnologia nella produzione di strumenti come maschere, dispositivi, piattaforme e strumenti (principalmente nel settore automobilistico). Ciò significa che richiedono materiali più durevoli con elevate qualità termiche e resistenti agli urti. E mentre la maggior parte delle macchine vendute localmente oggi sono stampanti PLA molto comuni per la prototipazione, non sono utili nella produzione. Questo è il motivo per cui il nostro prodotto ha suscitato molto interesse tra i partecipanti al Congresso ”, ha suggerito Demian Gawianski, CCO di Kodak 3D Printing durante un’intervista

Lo stand Kodak molto popolare

Gawianski ritiene che il know-how della stampa 3D sia cresciuto negli ultimi anni, maggiormente focalizzato sull’industria e sulle applicazioni di ingegneria. Nel 2012, Smart International , con sede in Argentina , ha iniziato a sviluppare e produrre stampanti 3D e nel 2018 ha rilasciato la stampante Portrait 3D di Kodak , una nuova soluzione di stampa 3D professionale sviluppata attraverso un accordo di licenza del marchio globale.

Inoltre, il team dietro Kodak ha presentato le parti prodotte come parte del loro nuovo segmento, un’alleanza con rinomati produttori di polimeri in tutto il mondo, come BASF , Owens Corning , Clariant e DSM .

“I pezzi stampati con le nostre macchine utilizzando l’acciaio inossidabile BASF sono molto allettanti per i produttori perché hanno l’80% di acciaio inossidabile e il 20% di un polimero che dopo pochi post-processi diventa acciaio inossidabile al 100%”, ha spiegato Gawianski. “Le nostre macchine sono certificate per lavorare con materiali già affermati di grandi produttori, consentendo ai nostri clienti di sviluppare pezzi di ingegneria ad alta resistenza.”

Ingranaggio in acciaio inossidabile realizzato con materiale BASF 319 L, Kodak

Da non perdere il discorso di Juan Manuel Romero sui suoi cucchiai di Il Trono di Spade , realizzati all’inizio di quest’anno in esclusiva e in collaborazione con la HBO America Latina, giusto in tempo per l’anteprima della sesta e ultima stagione mondiale dello spettacolo. Lo sviluppo innovativo ha anche gareggiato al Festival Internazionale della Creatività di Cannes durante la stagione del premio 2019.

“La stampa 3D offre infinite nuove possibilità per creazioni di gioielli, caratterizzazione e qualità migliorata. L’approccio di precisione delle macchine è un vantaggio rispetto ai metodi più tradizionali di creazione di gioielli “, ha dichiarato Romero . “Nel 2014 ci siamo resi conto che dovevamo ridimensionare la produzione senza perdere il vantaggio del design e la stampa 3D ci ha dato tutto questo e molto altro.”

Romero, il proprietario di Quimbaya , è un gioielliere orafo da oltre 10 anni, eppure ha imparato rapidamente che l’uso della stampa 3D per passare dal design allo stampaggio fa una grande differenza per il suo prodotto finale. Afferma che “morfologicamente, il design del gioiello non ha limiti, mentre con i metodi convenzionali lo stesso livello di precisione non potrebbe mai essere raggiunto.”

Per i suoi cucchiai di Il Trono di Spade, ha usato le macchine di precisione 1.5 di Photocentric per creare il prototipo e gli stampi che sono stati quindi utilizzati per produrre i cucchiai di metallo. I quattro cucchiai (che rappresentano le case più iconiche della serie: Stark, Lannister, Targaryen e Greyjoy) hanno viaggiato dall’Argentina all’Europa con HBO, e sono diventati un oggetto molto popolare e desiderabile a causa della qualità visibilmente unica, dei tratti e del lavoro intricato.

Il molto popolare colore verde PLA

Uno degli stand più popolari tra i partecipanti è stato PrintaLot . Il direttore dell’azienda, Mariano Perez, ha sottolineato il successo dei suoi filamenti , affermando che: “Il nostro portafoglio clienti era composto principalmente da hobbisti e oggi riceviamo principalmente ordini di mercato industriale da aziende che guidano la trasformazione digitale di l’industria”.

In questo senso, aggiunge che “abbiamo iniziato a lavorare con altri mercati della regione, come il Brasile, che ha una grande domanda per i nostri prodotti”. Uno dei maggiori ordini che l’azienda ha ricevuto dai clienti brasiliani è stata la richiesta di un nuovo colore PLA , la tonalità verde-blu resa famosa dal produttore di gioielli Tiffany.

“Le macchine e i materiali per la stampa 3D stanno cambiando i processi di produzione di diversi settori economici e creando nuovi modelli di business. Abbiamo anche iniziato a rivendere Wiiboox Sweetin , la stampante 3D per buongustai e Ultimaker , perché abbiamo notato che molti imprenditori locali stavano cercando questo tipo di soluzioni “, ha detto Mariano .

Oltre ai sempre più popolari fornitori di stampanti 3D locali che espongono le ultime novità di MakerBot , Formlabs , BCN3D e Trideo (uno dei marchi locali più popolari), le nuove e creative applicazioni hanno attirato grandi folle. Gli esempi includono un simulatore chirurgico; Bioprinter 3D per il trattamento di ferite in pazienti diabetici; impianti in titanio stampati 3D su misura; e WalkingMaker, una stampante 3D con ruote che estrude materiale obliquamente.

Nicolas Meer, co-creatore di un simulatore chirurgico pediatrico per residenti in medicina, ha dichiarato: “abbiamo parlato con i chirurghi pediatrici che hanno suggerito il modo migliore per insegnare agli studenti le tecniche di laparoscopia e i futuri dottori era attraverso un simulatore, invece di aspettare un vero caso o pratica con parti di animali. Lavoro con le stampanti 3D dal 2012, quindi ho deciso di progettare e stampare un piccolo simulatore che non sarebbe costato più di $ 500 “.

Anche se gli spiriti sono molto attivi durante l’evento, il panorama che ci aspetta sembra oscuro per la tecnologia a livello locale. Con pochi sforzi e una complessa situazione economica, le startup che una volta scommettevano sulla creazione della propria tecnologia, notarono rapidamente che era meglio importare le stampanti da altri paesi. Come di consueto nella regione latinoamericana, la maggior parte delle macchine utilizzate proviene da Europa, Asia e Stati Uniti. Alcuni dei marchi più venduti includono Formlabs, Photocentric, MakerBot e Stratasys di fascia alta. Nondimeno, l’incertezza politica ed economica tende ad aumentare le perdite di posti di lavoro, a sostenere l’economia e a compromettere seriamente la crescita, quindi possiamo aspettarci che le aziende locali inizieranno a guardare ad altri paesi e mercati regionali in espansione. I finanziamenti sono limitati e gli investitori internazionali guardano attentamente allo scenario locale a venire.

Be the first to comment on "L’Argentina e la stampa 3d"

Leave a comment