” Lace to Meet You ” mostra a cura di Ma Daixia e Edith Cheun presso la Textile Library di Hangzhou

Le industrie di tutto il mondo hanno abbracciato la stampa 3D da anni – e in alcuni casi, persino da decenni – molto prima che chiunque altro conoscesse i materiali e le tecniche messe a disposizione di pochi eletti (di solito in laboratorio). Oggi, con una tecnologia così progressiva, molte aziende di tutte le dimensioni sono state in grado di produrre componenti esistenti in modo molto più rapido ed economico, insieme a una maggiore durata e al peso più leggero comunemente desiderato, sia per le industrie automobilistiche o aerospaziali che per altri settori.

Ancora più importante, tuttavia, designer e ingegneri di tutto il mondo sono stati dotati della capacità di innovare e creare nuove parti che non sarebbero mai state possibili senza le funzionalità avanzate della stampa 3D. Altri bonus abbondano per coloro che sono interessati all’utilizzo di questa tecnologia, dalla possibilità di realizzare progetti 3D o di apportare modifiche in loco (eliminando l’intermediario), ridurre i tempi di produzione in modo esponenziale e utilizzare un’ampia varietà di materiali, dalla plastica a tessuti morbidi o anche prodotti alimentari (il cioccolato è popolare in questi giorni), al metallo e al cemento.

E mentre permettendo la creazione di importanti dispositivi medici, da paziente-specifici impianti chirurgici craniomaxillofacial a protesi rimovibili , la stampa 3D ha anche aggiunto in modo significativo al mondo del design, dell’arte, e anche di alta moda. Abbiamo seguito gli innovatori che hanno realizzato abiti , scarpe da corsa , cappotti , borse e molto altro ancora, con un accesso e una convenienza molto maggiori a disposizione degli innovatori emergenti, specialmente degli studenti.

Recentemente, la stampa 3D ha avuto un ruolo in una mostra affascinante, ” Lace to Meet You “, a cura di Ma Daixia e Edith Cheun presso la Textile Library di Hangzhou .

Un ricamo in pizzo nero stampato in 3D
La mostra incentrata sul tessuto ha esaminato i dettagli dei tessuti più vecchi e come sono progrediti in altri design di pizzo moderni. La storia del merletto rappresentava una parte importante della mostra, discutendo le origini di questo tessuto ancora popolare, che probabilmente era europeo intorno al XIV secolo. Altri tessuti con un motivo a forma di lacci sono stati usati per secoli, ma il pizzo chiaramente definito non è stato prodotto fino a più tardi.

“Lace forest”, un’installazione luminosa alla mostra “Lace to meet you” a Hangzhou
La città svizzera di San Gallo è nota per le prime macchine da ricamo e produce oltre metà del merletto nel mondo nel XIX secolo, grazie a Charles Wetter. Ha usato la seta per scopi di ricamo, e il cotone per fare modelli. Dopo aver bruciato la seta, il ricamo è stato lasciato come una forma di merletto chimico. ‘Lace to Meet You’ include anche altre tecniche per la produzione; ad esempio, viene dimostrato un punto in esecuzione e un punto catenella, insieme a un pezzo ricamato di un’altra collezione con un carattere cinese cucito.

La sezione “bellezza della meccanica” ha permesso ai partecipanti alla mostra di comprendere meglio la tecnologia alla base del pizzo, dalle macchine a funzionamento manuale alle stampanti 3D. Incluso anche un complicato motivo di clonazione in pizzo nero stampato in 3D per il tessuto.

“Lace to Meet You” si è svolto dal 22 aprile al 22 giugno quando la Textile Library ha detto: “Ti auguriamo una diversa esperienza di pizzo”.

Be the first to comment on "” Lace to Meet You ” mostra a cura di Ma Daixia e Edith Cheun presso la Textile Library di Hangzhou"

Leave a comment