La voce della mummia Nesyamun stampata in 3d

Ricreare la voce di una mummia di 3000 anni usando la stampa 3D

Sappiamo che la stampa 3D viene utilizzata come strumento per aiutare a preservare i manufatti e condividere storie culturali , ma a quanto pare viene anche utilizzata per preservare il suono, per così dire. Un team della Royal Holloway University di Londra e dell’Università di York ha utilizzato la stampa 3D per ricreare il tratto vocale di una mummia di 3000 anni in grado di emettere un suono unico.

In uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports , il team di ricerca ha spiegato come ha usato una combinazione di scansione TC e stampa 3D per riprodurre il tratto vocale appartenente al sacerdote egiziano Nesyamun, che visse circa 3.000 anni fa. Ora abbiamo qualche idea di come sarebbe suonato l’antico prete, il cui corpo mummificato ora risiede al Leeds City Museum.


Il suono è stato creato utilizzando il tratto vocale stampato in 3D con una laringe elettronica, il tipo tipicamente usato per la sintesi vocale. Il rumore emesso dalla replica stampata in 3D era un suono unico, simile alle vocali tra le parole “letto” e “cattivo”.

Secondo i ricercatori, il metodo utilizzato per creare il suono non sarà in grado di sintetizzare il discorso corrente, ma fornisce comunque una visione unica e interessante di come suonava un essere umano vissuto tre millenni fa.

La ricerca è stata possibile grazie a una combinazione di fattori. Per uno, il tratto vocale di una persona ha dimensioni uniche che influenzano il suono della loro voce. In secondo luogo, a causa del processo di mummificazione, il tratto vocale del sacerdote Nesyamun e i tessuti molli al suo interno erano per lo più mantenuti intatti.

Ciò significa che il team di ricerca è stato in grado di utilizzare la scansione CT non distruttiva per catturare e misurare una parte significativa della laringe e della gola della mummia e ricrearle digitalmente. Con le informazioni di scansione TC, il team ha quindi stampato in 3D la struttura del tratto vocale e l’ha impostata con una laringe artificiale.

“Questa collaborazione interdisciplinare innovativa ha prodotto l’opportunità unica di ascoltare l’output del tratto vocale di qualcuno morto da tempo in virtù della sua conservazione dei tessuti molli e dei nuovi sviluppi nella tecnologia, nella scansione digitale e nella stampa 3D”, conclude lo studio . “Sebbene questo approccio abbia ampie implicazioni per la gestione del patrimonio / esposizione museale, la sua rilevanza si conforma esattamente alla convinzione fondamentale degli antichi egizi che” pronunciare il nome dei morti è farli vivere di nuovo “.”

Be the first to comment on "La voce della mummia Nesyamun stampata in 3d"

Leave a comment