La Venere di Milo al Louvre con le braccia protesiche stampate in 3d

Uno delle statue più famose nel mondo dell’arte  è stata dotato ieri di due braccia protesiche stampate in 3D per promuovere la proliferazione e l’accessibilità delle protesi stampate in 3D. La manifestazione di consapevolezza ha mostrato  una replica della  Venere di Milo , la statua senza braccia ospitata nel Louvre, con addizionate due braccia protesiche .

L’installazione è stata creata da Handicap International, un’organizzazione francese di assistenza che fornisce assistenza e dispositivi di assistenza a persone disabili in aree di conflitto. I visitatori del Louvre sono stati accolti dalla famosa replica di stato presso la stazione della metropolitana Louvres-Rivoli nei pressi del museo.

Handicap International, ha anche adattato altre statue limbless con protesi stampate in 3D  a Parigi, tra cui la statua “Alexandre Combattant” che si trova nel Giardino delle Tuilleries di fronte al Louvre come parte della sua iniziativa #BodyCantWait.

L’organizzazione spera che la campagna aumenti la consapevolezza sulla necessità di protesi accessibili e a basso costo nei paesi in via di sviluppo di tutto il mondo. Ci sono 100 milioni di persone che hanno bisogno di protesi di arti artificiali, stima l’organizzazione.

Finora, Handicap International ha solo limato quel numero, dato che recentemente ha equipaggiato 19 persone in Togo, Siria e Madagascar con arti stampati in 3D. Ha anche in programma di inviare circa 100 protesi stampate in 3D in India.

Rispetto alle protesi tradizionali, gli arti artificiali stampati in 3D offrono numerosi vantaggi. Ad esempio, possono essere personalizzati più facilmente per la persona che ne ha bisogno (sia inserendo le misure o catturando una scansione 3D), sono più veloci da produrre e anche potenzialmente meno costose.

Attualmente, Handicap International ammette che le sue protesi stampate in 3D a base di resina sono più costose delle protesi realizzate convenzionalmente (a basso costo), ma continua a ritenere che siano complessivamente più accessibili.

La recente campagna #BodyCantWait a Parigi è stata coordinata dall’agenzia creativa Hérézie, che secondo quanto riferito avrebbe assunto il progetto gratuitamente. Le statue con protesi stampate in 3D sono state esposte il  6 marzo.

Be the first to comment on "La Venere di Milo al Louvre con le braccia protesiche stampate in 3d"

Leave a comment