La UL Blue Card

UL offre una nuova carta blu additiva specifica per la produzione per la certificazione delle materie plastiche

La compagnia di sicurezza e compliance Underwriters Laboratories (UL) ha lavorato molto con la produzione additiva, dalla creazione di centri di eccellenza alla ricerca di emissioni, all’offerta di corsi di formazione e altro ancora. Ora UL offre ciò che chiama il programma Plastics for Additive Manufacturing o Blue Card Program. Questo è un servizio che consente ai clienti di avere dati pubblicati che facilitano la preselezione di materiali e componenti stampati in 3D da utilizzare in vari prodotti finali. Definisce i requisiti necessari per riconoscere le materie plastiche destinate alla stampa 3D, dimostrando la sicurezza, l’integrità e l’utilità dei materiali.

La UL Blue Card, afferma l’organizzazione, contribuisce a garantire che il produttore del componente o del prodotto finale utilizzi un materiale testato e certificato, oltre ad essere monitorato a intervalli regolari da un laboratorio di test indipendente.

Il programma Blue Card può essere applicato quando il materiale è stato elaborato utilizzando una delle diverse tecnologie di stampa 3D, tra cui estrusione del materiale, sistemi di fusione a letto in polvere, polimerizzazione dell’IVA, getti di materiale, legatura a getto, laminazione di lastre e deposizione diretta di energia. La Blue Card include anche, secondo UL:

informazioni sulla tecnologia di stampa 3D utilizzata per elaborare il materiale
la designazione del modello di stampante 3D
parametri di configurazione del provino specifico per la tecnologia (ad es. piano di costruzione, angolo raster, traferro, ecc. per la tecnologia di estrusione di materiale)
più valutazioni di proprietà relative alla sicurezza e alle prestazioni testate secondo gli standard appropriati
Una Blue Card viene emessa automaticamente quando un materiale destinato alla stampa 3D riceve un marchio con il marchio UL riconosciuto. I materiali certificati vengono aggiunti ai database UL iQ e UL Prospector .

La Blue Card avvantaggia i produttori di materiali che producono materiali da utilizzare in componenti stampati in 3D e i produttori di componenti interessati all’uso di materiali testati e certificati per poter offrire componenti stampati 3D certificati. Per questi produttori, poiché i materiali certificati vengono aggiunti ai database UL iQ e UL Prospector, le loro Blue Card sono immediatamente visibili alle migliaia di progettisti, ingegneri e fornitori alla ricerca di un fornitore di materiali o componenti che soddisfi determinati requisiti di sicurezza o prestazioni.

La Blue Card beneficia anche i produttori di prodotti finali interessati a utilizzare componenti e componenti stampati 3D testati e certificati nelle loro applicazioni. Utilizzando materie plastiche certificate UL, questi produttori possono risparmiare tempo e denaro nel processo di ricerca della certificazione per prodotti o sistemi finali. I materiali plastici certificati UL sono anche coperti dai servizi di follow-up di UL, che sono valutazioni in corso di certificazione dei prodotti che aiutano i prodotti a soddisfare gli standard UL di sicurezza e prestazioni.

UL offre anche una White Card, che è un’estensione di una Blue Card. Questa scheda si riferisce agli standard internazionali e consente ai produttori di promuovere le credenziali di performance dei propri prodotti nei mercati globali, aiutandoli ad aggiungere valore aumentando la copertura e aumentando la rilevabilità del prodotto. È proprio questo tipo di processo di certificazione che renderà la stampa 3D più sicura per tutti gli utenti e applaudiamo sviluppi come la UL Blue Card.

Be the first to comment on "La UL Blue Card"

Leave a comment