La tecnologia a getto d’inchiostro per la stampa 3D metal di XJet ottiene nuovi finanziamenti e sbarca da Israele in Cina

La Rivoluzionaria tecnologia a getto d’inchiostro per la stampa 3D metal di XJet riceve  25 milioni di dollari di investimento da Autodesk & Company

Quando  abbiamo sentito parlare per la prima volta della tecnologia XJet in Israele lo scorso anno, eravamo già convinti che la tecnologia di metal  inkjetting della società sarebbe stata rivoluzionaria. Non siamo stati gli unici a pensarlo. Un investimento guidato  da un fondo di private equity  israelo-cinese CEL e da  Autodesk  vi sta investendo 25 milioni di dollari.

Il concetto di inkjetting potrebbe associare nella nostra mente le immagini della tecnologia PolyJet Stratasys , invece la tecnologia di XJet è completamente nuova e non si basa sulla polimerizzazione UV, su un legante, o sul laser. Invece, si tratta di un inchiostro metallico a nanoparticelle generato dalle testine  piezo-elettriche alle alte temperature (550 ° F / 300 ° C) che formano un “jacket” liquido che circonda le nanoparticelle metalliche evaporate, lasciando solo il metallo fuso insieme.  “Per dare una idea è come  fare dei castelli di sabbia per gocciolamento con la sabbia bagnata, che si asciuga e si solidifica una volta depositata .” Sostituite la sabbia con il metallo e la giornata di sole in spiaggia con temperature estreme e avrete una idea di come funziona.

La tecnologia di XJet, è già in funzione a Rehovot, non richiede un vuoto o  il gas argon, è anche più sicura rispetto ad alcuni altri processi di stampa in metallo, come EBM o DMLS. Inoltre non richiede materiale in eccesso  come nel caso con processi powderbed e lo spessore dello strato  è inferiore a 2 micron, mai prima d’ora possibile con la stampa 3D metal. L’azienda sostiene inoltre che tutto questo si fa a velocità cinque volte più veloce di processi powderbed laser e con una precisione senza precedenti.

Dopo aver inventato la tecnologia  quasi dieci anni fa, XJet ha già ricevuto  capitale significativo per evolvere questatecnologia. Nel periodo tra il 2007-2011, l’azienda ha raccolto 60 milioni di dollari, seguiti da 22 milioni di dollari nel 2014. Questo ultimo round vede un altro contributo di di 25 milioni di dollari  per aiutare la tecnologia XJet a penetrare nel settore manifatturiero in Cina. Hanan Gothait, co-fondatore di Objet, è diventato  CEO di XJet dopo che la sua ex società si è fusa con Stratasys.

Be the first to comment on "La tecnologia a getto d’inchiostro per la stampa 3D metal di XJet ottiene nuovi finanziamenti e sbarca da Israele in Cina"

Leave a comment