La Svezia e il +Project il progetto europeo per stampare in 3d le case con la cellulosa

Svezia lancia + Project 3D Case stampa di cellulosa

Casa stampata in 3d con la cellulosa 01Cellulosa – il più abbondante polimero organico sulla Terra. Si trova nelle pareti cellulari delle piante verdi nonché all’interno di molte forme differenti di alghe. La cellulosa è anche secreta da alcuni tipi di batteri. Mentre l’industria delle costruzioni oggi dipende molto dal  legno e dai prodotti in legno, che ha un grande impatto negativo sul nostro ambiente, ricercatori svedesi potrebbero  essere in grado di cambiare l’intero quadro grazie ad una nuova tecnologia di stampa 3D.
Oggi, è stato annunciato  un progetto di collaborazione  europeo , chiamato + Project. Finanziato grazie ai Fondi strutturali dell’Unione europea, per un importo di 17,6 milioni di corone svedesi (circa 2,1 milioni dollari), il progetto ha ora un valore di oltre 35,3 milioni di corone svedesi (circa 4,25 milioni dollari). Il + Project, che ha sede presso Sliperiet a Umeå Arts Campus, una parte della Umeå University, ha lo scopo di stampare in  3D su larga scala con materiale a base di cellulosa, con l’obiettivo finale di ottenere delle case di cellulosa stampate in 3d.

“L’idea del progetto è quello di sviluppare una tecnologia che può essere utilizzata per rafforzare l’industria manifatturiera nella regione”, spiega Marlene Johansson, direttore di Sliperiet. “Per Sliperiet il progetto  è una parte della strategia di formare collaborazione in un ambiente innovativo aperto e interdisciplinare. Qui, incontri e collaborazioni sono creati tra i vari settori scientifici insieme con aziende della regione. ”

Il + project guarda alle industrie nei settori del legno e delle costruzioni, così come all’interno di design, architettura e addirittura bersaglio. Ha obiettivi di produzione di materiali stampabili 3D a base di cellulosa che possono essere utilizzati per la stampa di tutto, dai muri all’interno di una casa, porte e persino intere case.

A partire da ora, le aziende e gli individui che sono interessati, avranno il compito di sviluppare prototipi per i prodotti che possono essere utilizzati dalle aziende locali e di altri soggetti, in base alla infrastrutture regionali di materie prime disponibili. Il + project è finanziato fino al 2018, momento in cui un  World Expo si terrà. Le idee possono essere condivise, e spero che se tutto va come previsto, si cominceranno a vedere case di essere stampato in 3D su più abbondante polimero organico al mondo, in un futuro molto prossimo.

“C’è già la tecnologia  per stampare parti di case in calcestruzzo, per esempio”, spiega Teresa Linnéa Dimitriou, direttore creativo di Sliperiet. “Ora, con questo progetto, la regione è  un passo più vicino alla produzione digitale, è la  cosiddetta  personalizzazione di massa. Questo apre per il futuro degli scenari incredibilmente interessanti  per la foresta regionale  “.

Sicuramente sarà interessante vedere come questo progetto si evolverà nel corso dei prossimi anni.

Be the first to comment on "La Svezia e il +Project il progetto europeo per stampare in 3d le case con la cellulosa"

Leave a comment