La Stazione Spaziale Internazionale ha un nuovo partner nella medicina rigenerativa

La Stazione Spaziale Internazionale ha un nuovo partner nella medicina rigenerativa

Le indagini scientifiche condotte da persone sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) stanno attualmente contribuendo alla nostra conoscenza in molti campi.

L’alleanza di ricerca tra l’ Università di Pittsburgh ‘s (Pitt) McGowan Istituto per la medicina rigenerativa (MIRM) e l’ISS è un grande esempio della visione finale di uno sviluppo spazio che potrebbe comportare l’ avanzamento dei prodotti biomedicali nello spazio , che potrebbe alla fine avvantaggia la salute umana sulla Terra e alla fine spinge avanti le scoperte della scienza spaziale .

Nel 2018, la NASA ha contattato i ricercatori del McGowan Institute, in Pennsylvania, per condurre uno sforzo pluriennale e all’inizio di questo mese, l’alleanza (un elemento chiave del programma di biomedicina industriale del laboratorio nazionale ISS ) è stata svelata all’ottava edizione della ISS Research e Conferenza sullo sviluppo tenutasi ad Atlanta. La nuova partnership evocherà i principi della microgravità e il suo effetto sulle terapie basate sulla medicina rigenerativa mentre la ricerca si sposta nel laboratorio in orbita e gli scienziati continuano a sperimentare la stampa 3D nello spazio .

La ISS offre una piattaforma unica per condurre studi in un ambiente di microgravità e questa nuova partnership servirà da punto di riferimento per come il laboratorio nazionale ISS sviluppa programmi simili in futuro coinvolgendo attività di ricerca e sviluppo a bordo della stazione spaziale.

“Come partner principale dell’Alleanza per la biomedicina industriale con l’ISS National Laboratory, non vediamo l’ora di utilizzare la stazione spaziale come banco di prova per i progressi della medicina rigenerativa e lo sviluppo del prodotto nell’orbita terrestre bassa”, ha dichiarato William Wagner, direttore dell’Istituto McGowan.

Secondo l’ISS National Lab, il McGowan Institute collaborerà con partner dell’industria, altri centri di ricerca accademica e agenzie governative per guidare i progressi della ricerca sulla medicina rigenerativa a bordo dell’ISS. Come parte dello sforzo, l’Università di Pittsburgh svilupperà anche strutture terrestri nel campus per far avanzare la ricerca e incontrare potenziali partner mentre lavora in coordinamento con la ISS sulle opportunità di volo per il laboratorio in orbita.

Gli scienziati cercheranno di sfruttare il comportamento unico delle cellule staminali nella microgravità per migliorare le terapie a base cellulare per una varietà di malattie e menomazioni, tra cui lesioni cerebrali traumatiche e diabete di tipo I. Allo stesso modo, la microgravità potrebbe consentire alle stampanti 3D di creare strutture tissutali complesse che sono difficili da raggiungere in presenza di gravità completa.

“Il McGowan Institute ha costruito la sua profonda storia promuovendo lo sviluppo di organi artificiali per stabilire una posizione di leadership riconosciuta a livello internazionale nella medicina rigenerativa”, ha suggerito Rob Rutenbar, Vice Cancelliere Senior per la Ricerca presso l’Università di Pittsburgh. “L’ISS National Lab trarrà vantaggio da questa profonda competenza, nonché dal nostro impegno per una rapida traduzione clinica.”

Nella sua esistenza di 26 anni, il McGowan Institute ha rilasciato 140 brevetti, ha depositato oltre 900 divulgazioni di invenzioni e ha espulso quasi 30 aziende dell’università, cambiando il modo in cui i pazienti vengono trattati per una vasta gamma di malattie e lesioni. Con così tante startup provenienti dalla loro ricerca, è probabilmente sicuro affermare che le future alleanze con la ISS porteranno aziende private e partner di ricerca a finanziare i propri progetti, che di solito cercano di capire meglio e trovare soluzioni nello spazio a problemi comuni sulla Terra. In realtà, i prodotti del programma di biomedicina industriale ISS e questa partnership di ricerca aiuteranno a costruire il business case fondamentale per l’industrializzazione di piattaforme con equipaggio in orbita terrestre bassa.

Richard Leach, Chief Strategy Officer dell’ISS National Laboratory, ha spiegato che “parte del ruolo dell’ISS National Laboratory è quello di creare e attuare strategie innovative per migliorare la capacità di ricerca del laboratorio in orbita, e crediamo che alleanze come questa apriranno la strada a future collaborazioni per far avanzare le scoperte della scienza basata sullo spazio. “

All’inizio dell’anno, Wagner – che è anche professore di chirurgia, bioingegneria e ingegneria chimica presso Pitt – ha affermato che la filosofia dell’Istituto è quella di fornire la tecnologia al paziente e ha sottolineato che “se ciò che facciamo non influisce sui pazienti” vite, non abbiamo adempiuto alla nostra missione ”. Sembra che questa intelligente collaborazione possa essere proprio ciò di cui l’istituto ha bisogno per ampliare il proprio lavoro sulla ricerca sulle cellule staminali, sull’ingegneria dei tessuti dei biomateriali e infine sugli organi di bioingegneria con la stampa 3D.

Be the first to comment on "La Stazione Spaziale Internazionale ha un nuovo partner nella medicina rigenerativa"

Leave a comment