La stampante alimentare di Daniel Peng Zhuo studente di Singapore

Studente Singapore costruisce una stampante 3D che stampa biscotti, purè di patate e cioccolato

Daniel Peng Zhuo e la stampante 3d alimentare di Singapore 01Potrebbe essere il 2015 l’anno del  cibo stampato in 3d ? Si potrebbe quasi cominciare a crederci, considerando i progetti promettenti e i primi primi risultati. Quest’anno dovrebbe essere l’anno della Foodini , mentre il produttore Taiwanese della  XYZPrinting ha già presentato la sua stampante 3D alimentare ai primi di gennaio.

Ma Daniel Peng Zhuo studente ci dimostra che questa tecnologia non è impossibile, visto che si è  appena costruito una stampante alimentare  3D come prova del corso all’Università Nazionale di Singapore (NUS). “Ho avuto modo di conoscere la stampa 3D  3 anni fa seguendo dei corsi sulla Prototipazione Rapida  . Da allora , ho cominciato ad utilizzare una stampante 3D per i miei progetti di design”

Poi un gruppo di studenti di NUS  si sono sfidati a costruire una macchina in grado di stampare cibo. “Ci sono alcune ragioni per cui abbiamo scelto il cibo, ma il motivo principale è il vantaggio della personalizzazione di massa portata dalla tecnologia di stampa 3D che potrebbe beneficiare l’industria  alimentarecon un percorso personalizzato. Inoltre, la personalizzazione nella nutrizione potrebbe migliorare la salute e il benessere ed essere perciò importante per noi.   spiega Daniel.

La stampante 3D prototipo opera sui principi delle stampanti XYZ FDM 3D, ma per ora è ancora in una fase di ricerca e sviluppo. “Fondamentalmente, si inizia con la modellazione cibo, il materiale di preparazione, la stampa, e la cottura. In realtà è una stampante per biscotti , anche se siamo riusciti a stampare purè di patate, crema di cioccolato e altri cibi. Attualmente, i parametri per la pasta biscotto sono stati scientificamente ottimizzati, ”

Inoltre, i prodotti a base di farina  devono essere tolti manualmente e cotti in forno. “Stiamo cercando di installare  alcune tecnologie  di riscaldamento ma è impegnativo e stiamo ancora lavorando su questo.”

Tuttavia, si tratta semplicemente di una stampante 3D FDM che ha bisogno di un computer portatile per il controllo dell’interfaccia utente. “Ci vogliono dai 3 ai 4 minuti per ottenere un biscotto  fatto con pochi strati. Finora siamo riusciti a impilare fino a 11 o 12 strati senza che l’intero biscotto collassasse ,” ci ha detto Daniel. Attualmente, si sono limitati a un ugello con una testina di stampa di 1,5 mm e di uno spazio di costruzione di 15 x 15 cm, che non è male per una stampante alimentare .

E’ ancora un prototipo  in ogni senso . Ma Daniel  e la sua squadra non stanno attualmente cercando di commercializzare la loro macchina. “Sto davvero aspettando. La domanda per la stampa e la personalizzazione di cibo attraverso le stampanti 3d è debole. La desiderabilità dei clienti è ancora relativamente bassa”, cidice. Questo è  da sottolineare, considerando le ondate di ottimismo che attraversano  la comunità di stampa 3D quando il potenziale della stampa del cibo è trattato. Dopo tutto, il suo potenziale di mercato è costituito da ogni cucina con un forno a microonde, e non solocome adesso  dai garage di smanettoni e appassionati.

Ma mentre molte altre start-up stanno già immaginando quanti soldi faranno  in caso di successo della stampa del cibo, Daniel è più cauto e preferisce aspettare e vedere come  come il mercato

Be the first to comment on "La stampante alimentare di Daniel Peng Zhuo studente di Singapore"

Leave a comment