La stampante 3d metal che lavora anche a gravità zero nello spazio

Gli scienziati hanno sviluppato una stampante 3D metal a gravità zero per lo spazio

iss stazione spazialeCon Fabbricazione Additiva nella Struttura della Stazione Spaziale Internazionale (AMF) in pieno svolgimento, il concetto di avere una stampante 3D a disposizione nello spazio sta diventando sempre più familiare. Nonostante questi progressi, tuttavia, ci sono ancora una serie di ostacoli e sfide che devono essere soddisfatti in modo che la produzione di additivi possa essere utilizzata al massimo delle sue potenzialità nel cosmo. La stampa metal 3D, per esempio, rimane un compito difficile, ma che potrebbe rivelarsi essenziale per la manutenzione delle attrezzature e la creazione di parti necessarie per i viaggi su Marte.

Fortunatamente, alcuni progressi sono stati fatti nella stampa metal 3D nello spazio, infatti un team di scienziati britannici dell’Università di Birmingham ha sviluppato una stampante 3D metal che può funzionare in assenza di gravità. La stampante 3D innovativa è stata recentemente testata presso l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) nella “cometa vomito” la simulazione a gravità zero.

Come ha spiegato Luca Carter, ricercatore presso l’Università di Birmingham, la stampa 3D metal era significativamente più complicata da adattare a gravità zero rispetto alle stampanti 3d ad estrusione . ” E ‘difficile, i metalli sono un gioco diverso”, ha detto al Times. Queste difficoltà sono dovute ad una serie di fattori, tra cui i requisiti di alimentazione trattenuti (la macchina doveva correre su soli  1300W), e la questione evidente è iil problema di avere polvere di metallo (o peggio: gocce di metallo fuso) che galleggiano nel veicolo spaziale.

Per superare il problema della gravità, gli scienziati hanno ideato una stampante 3D che utilizza filo di alluminio al posto delle polveri, che viene alimentata nella macchina, riscaldata poco sopra il suo punto di fusione, ed estrusa in una forma designata, simile ad un filamento di plastica . Come si raffredda l’alluminio stampato, gli strati si sono fusi insieme grazie alla tensione superficiale.

La prova recente, in cui la stampante 3D è stato messa a bordo dell’aeromobile ESA “la cometa del vomito”, ha dimostrato che la stampante 3D è effettivamente in grado di lavorare in ambienti a gravità zero. Secondo i ricercatori, tuttavia, questo è solo un passo nel loro processo, come rendere la stampante valida per le missioni nello spazio profondo, come il viaggio su Marte, richiede molto più lavoro.

“Si inizia a pensare alla fantascienza che diventa realtà “, ha spiegato Carter. “Ci stanno prendendo di mira le missioni spaziali di lunga durata. Viaggi su Marte, una base lunare. Quando siamo andati sulla Luna negli anni ’60 e ’70 abbiamo potuto fare tutto il necessario. E ‘stato un viaggio in campeggio. Se avete intenzione di Marte, si tratta di un viaggio di 18 mesi. “In altre parole, la stampante 3D metallo potrebbe essere indispensabile per mantenere il veicolo spaziale completamente operativo per il lungo viaggio, e potrebbe aiutare gli astronauti a mantenere il loro spazio vitale.

stampante-3d-metal-a-gravita-zeroPer esempio, Carter usa l’esempio di un armadio della cucina rotto sulla navicella spaziale. “Avere una stampante 3D in metallo a bordo potrebbe contribuire a risolvere problemi come questo, apparentemente banale, ma alla fine problematico. Più importante, però, la stampante 3D metal potrebbe essere usato per creare delle parti personalizzate in loco per problemi imprevisti come uno schermo anti radiazione rotto.

Secondo gli scienziati, il prossimo grande passo nella loro progetto sarà quello di portare una stampante 3D sulla ISS. Avere la stampante a bordo permetterebbe loro di testare il loro dispositivo ulteriormente in un ambiente a gravità zero .

Be the first to comment on "La stampante 3d metal che lavora anche a gravità zero nello spazio"

Leave a comment