La stampante 3D metal a 6 assi

Stampante 3D metal a 6 assi sviluppata dalla collaborazione portoghese e norvegese

Una nuova forma di stampa 3D a 6 assi in grado di produrre parti metalliche di grandi dimensioni è nata da una collaborazione tra la Facoltà di Scienze e Tecnologia dell’Università di Coimbra (FCTUC) e il partner di ricerca e sviluppo dell’Università norvegese di scienza e tecnologia SINTEF . La stampante 3D può fabbricare parti da qualsiasi angolazione e piano, ampliando la gamma di possibili complessità geometriche.

Il team, coordinato dal professor Norberto Pires presso il Dipartimento di ingegneria meccanica di FCTUC, prevede che il sistema sia utilizzato per produrre componenti per l’industria aeronautica ed energetica. Uno dei maggiori fornitori di acciaio al mondo, l’India Tata Steel, ha già manifestato interesse per la tecnologia.

La stampante 3D è il matrimonio di un braccio robotico abile e un sistema di simulazione simultanea come spiegato da Pires, “Simulazione simultanea, che copre diverse variabili e parametri,” come la temperatura e le variazioni di fase nel materiale “permette di correggere immediatamente eventuali anomalie che possono Al momento, la stampa viene eseguita per tentativi ed errori fino al raggiungimento dei parametri desiderati. ” In breve, la loro stampante 3D può rilevare i problemi in una stampa e regolare i parametri al volo per fornire una soluzione.

I loro ostacoli includevano la scrittura del codice “che permetteva di generare senza problemi le traiettorie di stampa per un robot di sei o più” e “trovare [ing] un modo per adattare la tecnologia di stampa esistente a un sistema di questo tipo – automazione e integrazione di tecnologia.” Inoltre, il sistema aveva bisogno di “essere in grado di incorporare strumenti di simulazione che consentano la correzione in tempo reale dei parametri delle parti”, secondo Pires.

Si stima che saranno necessari 2 milioni di euro per portare sul mercato la stampante 3D, quindi un progetto è stato presentato all’Unione europea da un consorzio di centri di ricerca che comprende la New University di Lisbona e università in Austria, Germania, Norvegia, e la Spagna. Questa tecnologia potrebbe far risparmiare alle aziende industriali molto tempo e denaro nella fabbricazione e riparazione di componenti grandi e complessi, quindi speriamo di ottenere presto una dimostrazione video per stimolare l’interesse per gli investitori.

Be the first to comment on "La stampante 3D metal a 6 assi"

Leave a comment