La stampante 3d CFAM CEAD per le costruzioni navali

La CEAD olandese sviluppa una gigantesca stampante 3D composita CFAM per la costruzione navale

La società di stampa 3D con sede nei Paesi Bassi CEAD, costituita nel 2014 da due dei quattro co-fondatori di Leapfrog, ha sviluppato una stampante 3D in fibra composita continua su larga scala (4 x 2 x 1,5 m) adatta per l’uso nei settori marittimo e infrastrutturale .

La prima stampante CFAM 3D CEAD è prevista per metà 2018

Dalla sua costituzione nel 2012, la società olandese di stampanti 3D Leapfrog ha introdotto macchine desktop consumer plug-and-play come la stampante Bolt 3D , oltre a modelli più professionali come Bolt Pro e XceL . Ma mentre quella società continua a lasciare il segno sul mercato della stampa 3D FDM, due dei co-fondatori di Leapfrog hanno intrapreso un progetto diverso: realizzare gigantesche stampanti 3D per clienti marittimi e infrastrutturali.

Questi due co-fondatori di Leapfrog, Maarten Logtenberg e Lucas Janssen, nel 2014 hanno deciso che avrebbero costituito una nuova società, la CEAD, che si sarebbe concentrata sul lato industriale della stampa 3D. Nei pochi anni dalla sua formazione, CEAD ha sviluppato macchine automatiche, incluso un sistema di produzione di filtri, e ora ha un ulteriore sviluppo .

La nuova creazione di CEAD è qualcosa chiamato Continuous Fiber Additive Manufacturing o CFAM. La tecnologia di stampa 3D composita aggiunge fibre continue a parti stampate per il rinforzo, potenzialmente simili ai processi utilizzati dalle aziende di stampanti 3D a stampa di carbonio come Markforged, ma su una scala molto più ampia.

Secondo CEAD, la prima stampante CFAM 3D dell’azienda ha un volume di costruzione di 4 x 2 x 1,5 metri, che lo rende adatto per applicazioni industriali come la costruzione di yacht e navi. La stampante ha anche un’uscita ad alta temperatura e un estrusore di granuli ad alta temperatura in grado di estrudere e stampare ad una velocità di almeno 15 kg / ora.

Capace di lavorare lastre in plastica granulosa standard e tecnopolimeri, tra cui PP, PET, ABS, PLA e PEEK, la nuova stampante 3D CEAD può incorporare fibre di carbonio in una stampa, mentre utilizza un meccanismo di riscaldamento interno per evitare la deformazione. Questo meccanismo può anche raffreddare una stampa.

Lo sviluppo di questo enorme sistema di produzione additiva risale a settembre 2017, quando CEAD ha iniziato a raccogliere input di mercato e a cercare un cliente di lancio per la stampante 3D. Da allora questo cliente è stato confermato come Poly Products BV, una società che produce prodotti compositi per l’industria marittima.

Dopo la fase di ricerca, il primo compito del CEAD è stato lo sviluppo di un estrusore in grado di trattare materie plastiche standard ad un tasso di almeno 15 kg / ora. L’azienda dice che in realtà ha ben superato questo obiettivo, avendo prodotto un estrusore capace di estrudere 25 kg / h. Inoltre, il team CEAD ha dovuto trovare un modo per alimentare fibre continue attraverso la testina di stampa.

Il CEAD ha sede a Rotterdam, città portuale e polo navale

CEAD afferma che il suo primo prototipo di stampante 3D sarà pronto per la metà del 2018, con Poly Products il primo destinatario della grande macchina. La compagnia marittima olandese utilizzerà la stampante CFAM 3D per realizzare prodotti su larga scala senza stampi o strumenti, stampando anche prototipi di prodotti per i clienti al fine di ottenere un rapido riscontro.

La fibra rinforzante all’interno dei prodotti stampati in 3D dovrebbe dare alle merci di Poly Products la forza necessaria per essere utilizzata nelle applicazioni marittime, mentre la società installerà anche un mulino CNC a 5 assi con le stesse dimensioni della stampante 3D che può essere utilizzata per finitura di oggetti stampati. CEAD sta contribuendo a rendere questo processo completamente automatico, consentendo di scambiare rapidamente gli oggetti tra le macchine.

CEAD ha anche un secondo cliente in fila accanto a Poly Products. Royal Roos utilizzerà la sua stampante CEAD CFAM 3D per ridurre il peso sulle navi marittime utilizzando prodotti compositi stampati e svilupperà inoltre un servizio di ingegneria basato sulla stampa 3D composita su larga scala.

Durante il 2018, CEAD prevede di costruire altre tre stampanti 3D oltre le due riservate ai suoi primi clienti e si trasferirà in un impianto di produzione più grande per farlo. L’azienda ambiziosa spera quindi di diventare il più grande produttore di stampanti 3D composito su larga scala in Europa.

Be the first to comment on "La stampante 3d CFAM CEAD per le costruzioni navali"

Leave a comment