La stampante 3d alimentare byFlow

La stampante alimentare 3D byFlow che potrebbe rendere possibile la personalizzazione culinaria

Nel 2015, l’azienda olandese byFlow – allora chiamata 3D By Flow – ha lanciato la sua stampante 3D “Focus” portatile e multi-estrusore su Kickstarter . Sebbene la stampante 3D abbia raggiunto il 39% del proprio obiettivo di finanziamento per avviare il processo di produzione (chiedevano 50.000 euro ma si è chiusa a 19.702 euro), da parte di Flow ha iniziato a commercializzare e realizzare la propria stampante.

byFlow è un’azienda a conduzione familiare fondata nel 2015 nei Paesi Bassi e oggi è una delle aziende leader nel mercato della stampa alimentare 3D in tutto il mondo. La loro stampante 3D Focus Food è pensata per essere facile da usare e da mantenere, il che lo rende accessibile a tutti. Il Focus è mirato a permettere ai professionisti di creare trame, sapori e forme personalizzati attraverso l’uso di ingredienti freschi e di quegli ingredienti che solitamente gettiamo via.

La cosa fantastica del Focus è che è portatile. Questa stampante 3D può essere ripiegata nella sua custodia compatta per facilitarne l’uso ovunque tu voglia. La dimensione del case è di circa 44 x 32 x 11 cm e può essere configurata in meno di 30 secondi. Una volta pronto, è possibile collegare Focus a un computer o collegare una scheda SD contenente i file STL al suo interno.

Oggi, l’obiettivo principale di Flower è la vendita e lo sviluppo della stampante per alimenti 3D, oltre a dare dimostrazioni e workshop al pubblico e eventi privati ​​per aumentare l’interesse per la stampa 3D del cibo.

Cosa c’è di nuovo? byFlow Studio

byFlow è tutto incentrato sulla personalizzazione. Recentemente sono stati rilasciati da Flow Studio , la loro nuova piattaforma e il loro secondo prodotto. La piattaforma fornisce strumenti di progettazione, ricette, database di progettazione alimentare e manuali di supporto, rivolti a professionisti del settore alimentare nel settore alimentare. Come sostiene Flow, il cibo personalizzato “è un must per basare il tuo assortimento sui desideri e le esigenze del tuo pubblico di riferimento, al fine di sopravvivere al dinamico mondo dei servizi di ristorazione”.
byFlow Studio aiuta i clienti a creare i propri progetti personalizzati. Per accedere a questo strumento, è necessario accedere a www.byflowstudio.com e fare clic su “Strumento di progettazione” per avviare un nuovo progetto. Se non si dispone di un account personale, per crearne uno, è necessario un codice di licenza.

La piattaforma ti consente di caricare diversi tipi di file per creare forme 3D uniche. Può essere testo, immagini, disegni a mano libera, una foto di qualcuno e altro ancora. Una volta caricato il file, puoi utilizzare gli strumenti di modifica per regolare il design. Ci sono manuali che possono aiutarti con gli strumenti di modifica. Una volta che hai finito di ridimensionare il tuo disegno e il software lo corregge automaticamente, puoi scaricare il disegno come un file di stampa e caricarlo nella Focus 3D Food Printer.
Applicazioni: personalizzazione di cibo ospedaliero

Quando parliamo di cibo dell’ospedale, pensiamo immediatamente a un piatto sgradevole fatto di ingredienti base che non sono affatto attraenti. Il settore sanitario è consapevole dell’importanza della qualità del cibo e delle tendenze alimentari, poiché è fondamentale per convincere i pazienti degli ospedali, in particolare i residenti anziani, a mangiare di più.

Il cibo contribuisce al processo di recupero dopo una malattia, ma i malati e gli anziani di solito non hanno appetito. Per evitarlo, i pasti dei pazienti vengono solitamente schiacciati, in modo da renderli morbidi e da eliminare qualsiasi cosa possa rendere i pasti difficili da ingoiare. Tuttavia, servire il purè ha dimostrato di non risolvere questo problema.

byFlow crede che la loro Focus Food Printer 3D agisca come una soluzione . La Focus ha un sistema a cartucce aperte in grado di realizzare quasi tutte le forme che desideri e da quasi tutti gli ingredienti alimentari purificati.
“Verdure, frutta, ma anche pasta, carne o pesce – gli ingredienti freschi devono essere preparati, trasformati in una purea e messi in un tubo speciale (una cartuccia) che verrà successivamente inserito nella stampante 3D per alimenti. Una purea di carote a forma di carota, un pesce macinato a forma di pesce, ma anche piatti più creativi e innovativi in ​​forme nuove e uniche – tutto è possibile “, spiega Flow.

Ad Verhagen, la responsabile della gastronomia di Zorgwaard (una casa di riposo a Oud-Beijerland, Paesi Bassi) collabora con Flow per l’implementazione di piatti personalizzati stampati in 3D per i residenti in futuro .

“Stiamo ricercando ciò che funziona meglio e siamo molto felici di contribuire allo sviluppo e al miglioramento di questo metodo di preparazione dei pasti. Per quanto mi riguarda, una stampante alimentare 3D sarà disponibile in tutte le sedi di Zorgwaard tra qualche anno. Ciò che è così vantaggioso per i residenti deve essere disponibile ovunque “, afferma Verhagen.

Applicazioni: combattere uno dei maggiori problemi del mondo

Sapevi che oltre il 30% del cibo prodotto nel mondo è sprecato ? Non è solo un uso improprio delle risorse, ma ha anche un forte impatto sui cambiamenti climatici. La visione di byFlow è di “consentire ai professionisti di creare forme, trame e sapori personalizzati, usando ingredienti freschi o ingredienti che altrimenti sarebbero stati buttati via”. Come accennato in precedenza, Focus 3D Food Printer ha un sistema a cartuccia aperta, che consente di utilizzare quasi tutti gli ingredienti alimentari per la stampa in qualsiasi forma personalizzata.

byFlow condivide una visione simile con De Verspillingsfabriek , una fabbrica alimentare in eccedenza che produce prodotti alimentari con ingredienti recuperati senza aggiungere conservanti o additivi chimici.

“Quello che mi ha sorpreso di più è che quegli ingredienti non sono nemmeno brutti. Essendo coinvolto nell’industria alimentare, ero pienamente consapevole delle dimensioni del problema dello spreco alimentare, ma non avevo idea che si sprecasse così tanto di cibo perfettamente buono. Solo a causa di errori di calcolo e rigide regole di un’industria alimentare basata sul profitto. Amiamo l’idea di produrre cibo con ingredienti che altrimenti andrebbero sprecati e abbiamo subito capito che c’è spazio per la stampa 3D in questo progetto “, afferma Nina Hoff, CEO di Flow , riferendosi agli ingredienti in eccesso.

byFlow e De Verspillingsfabriek si sono incontrati e hanno iniziato rapidamente la loro collaborazione grazie a HAS Hogeschool , il facilitatore del progetto di riciclaggio di rifiuti alimentari. Antien Zuidberg, docente e coordinatore del programma di studi sull’Innovazione alimentare presso l’Università di Scienze Applicate, guida gli studenti nella ricerca delle possibilità di riciclare gli sprechi alimentari utilizzando la stampante 3D Focus Food.

“Quando abbiamo iniziato 2 anni fa con la stampa di alimenti 3D presso HAS Hogeschool, mi chiedevo dove avremmo potuto avere un grande impatto sociale con questa nuova tecnologia, e la prima idea era: possiamo riciclare rifiuti alimentari? Sarei entusiasta se potessimo sviluppare un’applicazione che possa diventare un caso aziendale redditizio e che possa aiutare questa nuova tecnologia a progredire e sprecare sprechi alimentari verso nuovi splendidi prodotti “, aggiunge Zuidberg a proposito del progetto.

byFlow’s Focus 3D Food Printer viene utilizzato come strumento per trasformare gli eccessi di ingredienti alimentari in prodotti pronti da mangiare per dare loro una “seconda vita”. Il progetto Food Waste Upcycling porta nuove possibilità e speranze: grazie a Focus, la De Verspillingsfabriek può diversificare la propria gamma di prodotti, limitata a zuppe e salse.

Be the first to comment on "La stampante 3d alimentare byFlow"

Leave a comment