La stampa 4d

Ogni tanto ci si imbatte in una tecnologia, che suona così inverosimile, così stravagante che forse non si avverrerà mai  come le  macchine volanti e l’ufficio senza carta.
L’idea di oggetti stampati, la  cosiddetta stampa 3D una volta sembrava piuttosto stravagante ma ha già fatto il percorso dalla fantascienza alla realtà . Secondo un recente rapporto degli analisti della McKinsey & Company, la stampa 3D avrà un impatto economico diretto tra 230 miliardi dollari e 550 miliardi dollari per il 2025.

Ma se pensate che la stampa 3D sia dirompente, allora che dire di una tecnologia che potrebbe come sostiene uno dei suoi principali evangelisti “rendere il mondo modificabile.”  ?
Questa tecnologai è la stampa 4D cioè -la stampa in 3D, ma con disegni che continuano ad evoversi dopo la fabbricazione.

Secondo Jeff Kowalski, Chief Technology Officer di Autodesk, Inc., i blocchetti di costruzione di quel futuro sono in atto oggi.

La stampa 3d cambia l’economia della complessità. “Storicamente, il costo degli oggetti è stata determinato dal numero di passi trasformati. Il numero di volte che devo toccare il mulino … questo è quello che incide sul prezzo “, ha detto il signor Kowalski. Ma nella stampa 3D “se si sta solo facendo un blocco solido cubico, o di una filigrana di alta qualità qualunque esso sia il prezzo è lo stesso. La complessità risulta essere un fattore  libero,”

Ma il problema con gli oggetti di oggi, convenzionalmente fabbricati o prodotti da una stampante 3D, è che sono immutabili.

Mentre  la stampa 4D offre è la possibilità per gli oggetti di cambiare, di adattarsi al loro ambiente, di evolvere.

All’inizio di quest’anno, Skylar Tibbits, direttore del Massachusetts Institute of Technology Self-Assembly Lab, ha creato un po ‘di scalpore con il suo intervento sulla stampa 4D.

“Stiamo esaminando la possibilità di programmare i materiali fisici e biologici di cambiare forma, modificare le proprietà e persino uscire fuori dalla   base di silicio,” Lo ha detto Mr. Tibbits alla conferenza TED a febbraio. Egli ha dimostrato una serie di materiali intelligenti 3D-stampati che reagiscono a contatto dell’acqua   piegandosi a cubo.

“Immaginate dei tubi dell’acqua  che possano espandere o contrarsia cambiare capacità o portata c , o forse ondulare come peristalsi per spostare l’acqua e se stessi”

Mr. Tibbits sta parlando del livello macro. Mentre Kowalski  lavora al design a livello cellulare. . La natura fa oggetti da ri-organizzare con le strutture disordinate che passano a quelle ordinate. Non suona un po ‘come la stampa 3D ? Tranne che per il materiale di base che non è la polvere di metallo, ma le molecole, e non si utilizza una stampante 3D, si usa la natura proprio come una fabbrica di cellule.

“La cella può essere programmata per fare molecole, questo è quello che fanno le cellule. Così possiamo fare con altri materiali, anche quelli che le piante e gli animali non fanno oggi se troviamo le istruzioni per il diritto alla ‘Stampa’. “Se le cellule possono manipolare composti di calcio per fare le ossa, possono manipolare altre molecole per fare altre strutture?

Suona ancora assolutamente fantasiosa e, come la fantascienza, e Kowalski salta piuttosto rapidamente  la parte più difficile: “Abbiamo capire cosa fa che cosa.” Ma è un compito di proporzioni titaniche.

Ben Rooney wallstretjournal.it

Be the first to comment on "La stampa 4d"

Leave a comment