La stampa 3D SLA a basso costo democratizza la modellazione in scala

Con l’avvento delle stampanti stereolitografiche (SLA) e DLP (Digital Light Processing) a prezzi accessibili come Anycubic Photon ed Elegoo Mars , il consumatore medio ha ora accesso a una tecnologia che, fino a pochi anni fa, era proibitiva. La disponibilità di stampanti convenienti e ad alta risoluzione, così come l’accesso a software di modellazione gratuito o poco costoso, ha aiutato la stampa 3D a trovare una nicchia attiva e stimolante: la modellazione in scala.

Esistono grandi comunità di hobbisti desiderosi di condividere le immagini delle loro build attraverso forum e piattaforme di social media. I modelli più diffusi possono variare da aeromodelli in scala 1/72 e carri armati e veicoli corazzati in scala 1/35 a layout di modellini di treni altamente dettagliati, completi di vagoni merci coperti di graffiti. Indipendentemente dall’argomento o dalle preferenze di scala, gli hobbisti hanno una cosa in comune: un’attenzione quasi ossessiva ai dettagli e alla precisione. Ciò ha reso la stampa SLA una gradita aggiunta all’hobby.

I post relativi alla stampa 3D sono ormai una vista comune in molti forum di hobby, così come in interi gruppi di Facebook dedicati ai modellisti interessati a creare i propri modelli da zero. Un certo numero di creatori creativi ora si guadagnano da vivere con Patreons dedicati alla condivisione di STL con i loro clienti per una piccola quota di iscrizione. Gli hobbisti non sono più limitati dalla disponibilità di kit stampati a iniezione, ma ora possono personalizzare i modelli acquistati in negozio in modi divertenti e interessanti, o persino creare i propri modelli di veicoli rari o difficili da trovare da zero.

Focke-Wulf Flitzer stampato in 3D, un caccia a reazione sperimentale della seconda guerra mondiale di cui i kit modello sono difficili da trovare e spesso costosi.

Sono uno dei tanti modellisti che sono passati alla stampa 3D e vorrei condividere la mia esperienza con questa emozionante commistione di hobby.

Ho adorato realizzare modellini di aeroplani da quando mio padre mi ha regalato il mio primo modello di Spitfire in scala 1/72. I miei modelli preferiti sono gli aerei della seconda guerra mondiale, ma costruisco un po ‘di tutto. Le mie capacità di modellazione sono migliorate gradualmente nel corso degli anni e, una volta imparato a usare un aerografo, ho potuto realizzare dei modelli decentemente presentabili.

Alla fine, ho iniziato a vedere post sulla stampa 3D e, dopo essere sceso in diverse tane di coniglio su YouTube, ho deciso di acquistare la mia prima stampante FDM (fused deposition modeling). L’idea di creare i miei modelli è sempre stata allettante e ho iniziato a sviluppare le mie capacità di modellazione 3D. Ho imparato da solo le basi utilizzando CAD gratuiti e programmi di scultura. Con l’aiuto di tutorial online, ho imparato a creare alcuni modelli decenti e ne sono rimasto subito conquistato. Potevo ottenere risultati dall’aspetto abbastanza buono, con un po ‘di carteggiatura e primerizzazione, ma anche ad altezze dello strato di 0,1 mm, il livello di dettaglio era un po’ carente.

Poi ho ordinato la mia prima stampante in resina e tutto è cambiato. La prima stampa di prova da sola mi ha lasciato senza fiato ed ero entusiasta di spingere al limite le mie capacità di modellazione. Sono arrivato al punto in cui posso produrre stampe che si avvicinano in termini di qualità alla maggior parte dei modelli acquistati in negozio. Nessuna stampante consumer può eguagliare la qualità e il dettaglio di un kit modello stampato a iniezione, ma io e un numero crescente di hobbisti ci siamo avvicinati molto. Quindi, vorrei condividere il mio processo per la creazione di modelli dettagliati e di alta qualità.

Il design:
Di solito creo i miei modelli in Fusion 360 o Blender. Entrambe le opzioni sono perfette per gli hobbisti attenti al prezzo e offrono un sacco di funzionalità. Sono disponibili opzioni a pagamento, come Zbrush o Maya, ma mi piace Fusion 360, soprattutto quando creo modelli tecnici, come i veicoli. Con un po ‘di pratica, un abile hobbista può creare, non solo la forma base dell’aereo, ma anche dettagli fini, come le linee dei pannelli o l’interno della cabina di pilotaggio. Sono necessari anche un po ‘di tentativi ed errori per far sì che le parti ad incastro si adattino perfettamente.

Esportazione:
Stampo modelli sul mio fidato Anycubic Photon. Il software di slicing di Anycubic è di base, ma porta a termine il lavoro.

Parti di rucola, tagliate a fette e pronte per la stampa.

Stampa:
Generalmente stampo i miei modelli a un’altezza dello strato di 0,05 mm, ma lo abbasserò a 0,025 mm per parti più dettagliate, come motori o dettagli dell’abitacolo.

Finitura:
Gli utenti più esperti di SLA hanno molta familiarità con il processo, ma lavo i miei modelli in alcol isopropilico, li polimerizzo sotto una luce UV, quindi li incollo insieme usando la super colla. Se si notano degli strati, carteggerò spesso il modello con carta vetrata a grana fine. A volte preparo i miei modelli, ma la resina polimerizzata generalmente accetta molto bene le vernici per hobby

Pittura:
Uso un aerografo Iwata per dipingere i miei modelli e ottenere ottimi risultati usando vernici economiche del negozio di hobby.

Tocchi finali:
Se voglio davvero che i miei aerei abbiano un bell’aspetto, applicherò una mano lucida e aggiungerò alcune decalcomanie al modello. D’altra parte, le stampanti 3D sono anche ottime per stampare stencil usati per dipingere i segni direttamente sul modello. Mi piace realizzare stencil molto sottili, spesso stampati direttamente sulla piastra di costruzione, senza alcun supporto. Se eseguito correttamente, questo può creare un effetto molto realistico e, se stampato in uno strato abbastanza sottile, può anche piegarsi leggermente e adattarsi al modello.

Extra (per l’hobbista serio):
Gli unici elementi che non potevo stampare per i miei aerei erano i pezzi trasparenti del baldacchino. Non risultano mai perfettamente nitidi una volta stampati. Un’ottima soluzione è la vacuforming (o termoformatura), un processo in cui un foglio riscaldato di stirene o policarbonato viene pressato su uno stampo appoggiato su una scatola del vuoto (fondamentalmente una piattaforma con fori di stagno, attaccata a una qualche forma di vuoto). L’aspirapolvere tira la plastica riscaldata sullo stampo, creando una copia perfetta e chiara. Stampi stampati in 3D e persino piccole scatole sottovuoto possono essere utilizzati con grande effetto!

Come molti hobbisti stanno scoprendo, la stampa 3D e la modellazione in scala sono il connubio perfetto tra tecnologia e arte e io per primo sono molto entusiasta di vedere cosa porterà la prossima generazione di stampanti nel mondo degli hobbisti.

Be the first to comment on "La stampa 3D SLA a basso costo democratizza la modellazione in scala"

Leave a comment