La stampa 3d potrebbe eliminare l’obsolescenza dei prodotti e rivoluzionare il concetto delle parti di ricambio

Paradossalmente la  stampa 3D è in grado di eliminare l’obsolescenza dei prodotti.

stampa pezzo di ricambio Il problema dei ricambi è presente sia nei produttori che nei clienti . Nei clienti non trovare più un pezzo di ricambio magari del valore di pochi euro significa dover buttare il prodotto. Mentre  i produttori devono avere a magazzino per un lungo tempo dei ricambi che però occupano spazio e generano costi . Infatti la gestione delle scorte è una parte importante nell’economia di una azienda .  Alcuni produttori cercano di razionalizzare i ricambi in  magazzino diversificando posizioni e mobilità ma non è sufficiente.
Purtroppo i rapidi sviluppi nel settore dell’automazione industriale hanno accelerato il processo di obsolescenza, che porta molte aziende ad avere prodotti invecchiati precocemente. Ma il recente sviluppo della stampa 3D, che è sempre più accessibile alle persone comuni , potrebbe mettere in un certo senso fine all’obsolescenza . Lo sviluppo tecnologico della stampa 3D potrebbe cambiare il modo in cui i pezzi di ricambio vengono gestiti : d’altra parte se la Stazione Spaziale Internazionale può utilizzare una stampante 3D per stampare i propri pezzi di ricambio, perché non può farlo qualsiasi altro produttore in futuro? Anzi perchè non lo può fare un cliente direttamente ?

Potrebbe cambiare il modo in cui la stampa 3D gestisce questo processo?

Prima di poter rispondere a questa domanda dobbiamo capire le origini della stampa 3D e come si è evoluta. Può essere una sorpresa, ma la stampa 3D non è esattamente una novità. Facciamo un passo indietro al 1984 – l’anno in cui sono stati introdotti il  Tetris, l’Apple Macintosh, e i Transformers –  troverete anche la prima stampante 3D. A differenza delle altre invenzioni del 1984, ci è voluto un po’ perchè la stampa 3D riuscisse a  catturare la nostra immaginazione. Ma ora sta accelerando in maniera potente.

Come funziona la stampa 3D?

Il processo di stampa 3D a differenza della  fabbricazione tradizionale sottrattiva, che coinvolge elementi di taglio, foratura e modellazione per rendere il prodotto finale, la stampa 3D, dicevamo “fa crescere ” il prodotto. Una volta che un disegno viene prodotto utilizzando un software CAD o una scansione laser, si passa alla stampante che lo genera utilizzando metallo, plastica, o materiali compositi.

Può la stampa 3D di competere con i mezzi più tradizionali della produzione?

Potenzialmente la stampa 3D offre molti vantaggi e benefici. Ad esempio può essere utilizzata per la produzione su scala ridotta . Le  Stampanti 3D possono anche costruire delle  parti complesse e dinamiche. Già nel 2008, abbiamo avuto la prima persona che camminava grazie ad una protesi stampata in 3d. La Stampa 3D è in grado di produrre forme complesse che non possono essere stampate ad iniezione ed è in grado di generare delle parti già funzionanti  che non richiedono un montaggio aggiuntivo. Poiché le applicazioni tecnologiche si espandono e i prezzi inevitabilmente scendono, questo rende più conveniente investire in capacità di stampa 3D : sempre più aziende cercheranno  di implementare le proprie operazioni con la  stampa 3D. Scenario questo che cambierà anche l’orizzonte della industria manufatturiera.

Si può utilizzare  la stampa 3D per affrontare i problemi dell’inventario -e il problema dell’obsolescenza?

E’ solo una questione di tempo prima che le aziende inizino con la stampa 3D come parte della loro strategia di inventario. Le difficoltà di trovare pezzi rariad un costo elevato potrebbe diventare un ricordo del passato. Non ci sarà bisogno di pagare un premio per trovare un pezzo desueto. Tecnicamente si elimina il problema della gestione della filiera dei ricambi. Ma solo il tempo ci dirà se la stampa 3D rivoluzionerà il modo in cui i produttori gestiranno la loro catena di approvvigionamento e le loro scorte.

Tuttavia, fino a quando la rivoluzione della stampa 3D non decollerà, è confortante sapere che un industriale nel Nord dell’Inghilterra , un fornitore specializzato di parti a fine vita , è in grado di fornire migliaia di parti obsolete direttamente dal proprio impianto di riparazione stampandole .

Be the first to comment on "La stampa 3d potrebbe eliminare l’obsolescenza dei prodotti e rivoluzionare il concetto delle parti di ricambio"

Leave a comment