La stampa 3d personalizzata e la procedura ecoguidata facilitano la chiusura di un singolo dispositivo per difetti settali atriali multipli

Abstract

Valutare la fattibilità dell’utilizzo di un singolo dispositivo per chiudere più difetti del setto atriale (ASD) sotto la guida dell’ecocardiografia transtoracica (TTE) e con l’aiuto di modelli di stampa tridimensionali (3D). Metodi . Sessantadue pazienti con ASD multipli sono stati analizzati retrospettivamente. Trenta di questi pazienti sono stati sottoposti a chiusura guidata TTE (stampa 3D e gruppo TTE) dopo una simulazione dell’occlusione nei modelli di stampa 3D. I restanti 32 pazienti sono stati sottoposti a chiusura ASD sotto guida fluoroscopica (gruppo convenzionale). Lo stato di chiusura è stato valutato immediatamente e dopo 6 mesi dalla chiusura del dispositivo. risultati. La chiusura transcatetere di successo con un singolo dispositivo è stata raggiunta in 26 pazienti nel gruppo di stampa 3D e TTE e 27 pazienti nel gruppo convenzionale. Sesso, età [18,8 ± 15,9 (3–51) anni nel gruppo di stampa 3D e TTE; 14,0 ± 11,6 (3–50) anni nel gruppo convenzionale], la distanza massima media tra i difetti, la prevalenza di 3 difetti atriali e la grande distanza dei difetti (definita come distanza ≥7 mm) e le dimensioni dell’occluder utilizzate sono state distribuite in modo simile tra i gruppi. Tuttavia, la stampa 3D e il gruppo TTE presentavano una frequenza inferiore di sostituzione dell’occlusore (3,8% vs 59,3% ), prevalenza di shunt residui lievi (definiti come <5 mm) immediatamente (19,2% vs 44,4% ) e a 6 mesi (7,7 % vs 29,6%, )dopo la procedura e costo (32960,8 ± 2018,7 CNY vs 41019,9 ± 13758,2 CNY, ). Conclusione . La combinazione della tecnologia di stampa 3D e della procedura interventistica guidata dagli ultrasuoni fornisce un nuovo approccio terapeutico affidabile per più ASD, in particolare per i casi difficili con una grande distanza di difetto.

  1. Introduzione
    La chiusura transcatetere percutanea del difetto del setto atriale secundum (ASD), un’alternativa consolidata alla riparazione chirurgica [ 1 ], rimane problematica nel 10% circa dei casi con ASD multipli [ 2 ]. L’uso di più dispositivi contemporaneamente o nella chiusura di dispositivi in ​​scena [ 3 – 8 ] è limitato principalmente dall’interferenza tra i dispositivi e dall’intervento ripetuto. D’altra parte, l’uso della chiusura di un singolo dispositivo per più ASD dopo la settostomia atriale del palloncino per strappare il bordo del tessuto tra i difetti o usando un dispositivo sovradimensionato per coprire tutti i difetti [ 9 , 10] è associato al rischio di lacerazione del setto atriale. Pertanto, la chiusura di un singolo dispositivo che preserva la struttura anatomica rimane la strategia ottimale per i pazienti con ASD multipli. Tuttavia, questa strategia è tecnicamente impegnativa a causa dell’incapacità di determinare il difetto target per il passaggio del catetere e la selezione dell’occlusore, garantendo un’attenta pianificazione interventistica con informazioni anatomiche complete per una chiusura efficace del dispositivo.

L’efficienza della chiusura di un singolo dispositivo può essere aumentata mediante l’uso di modelli stampati in 3D per informare la gestione interventistica, inclusa la selezione del difetto target ottimale e la dimensione del dispositivo, e utilizzando l’ecocardiografia come guida per la procedura. A tal fine, l’uso della tecnologia di stampa 3D [ 11 – 15 ] consente di stabilire un modello anatomico e tangibile con il set di dati di imaging del paziente e di visualizzare direttamente la vera anatomia 3D del paziente prima della procedura effettiva [ 16 ], mentre l’uso della guida ecocardiografica può rendering attraversando il difetto bersaglio meno difficile [ 17 – 19 ] che con guida fluoroscopica sola.

Riportiamo qui la nostra esperienza preliminare con la chiusura di ASD multipli utilizzando una strategia a singolo dispositivo con l’assistenza della tecnologia di stampa 3D e confrontiamo i risultati della chiusura transcatetere percutanea basata su stampa 3D e ecocardiografia transtoracica (TTE) con quelli della tradizionale fluoroscopia guidata chiusura.

  1. Metodi
    2.1. Studiare i pazienti
    Questo studio retrospettivo non randomizzato ha arruolato 62 pazienti con ASD multipli diagnosticati da TTE da aprile 2016 a novembre 2017 presso il nostro istituto. I criteri di inclusione erano i seguenti: (1) numero di difetti ≥2 e (2) diametro del difetto maggiore ≥5 mm. I criteri di esclusione erano i seguenti: (1) altri concomitanti difetti cardiaci congeniti che richiedono catetere o chiusura chirurgica e (2) frazione di eiezione ventricolare sinistra <50%.

In 30 dei 62 pazienti studiati, l’angiografia con tomografia computerizzata cardiaca (CTA) è stata eseguita preoperatoriamente per generare modelli cardiaci personalizzati con stampa 3D. L’occlusione simulata in vitro è stata quindi eseguita nei modelli di stampa 3D per la valutazione preoperatoria. Tutti questi pazienti sono stati sottoposti a procedura di chiusura guidata da TTE (stampa 3D e gruppo TTE). I restanti 32 pazienti con ASD multipli sono stati sottoposti a chiusura sotto guida fluoroscopica (gruppo convenzionale).

Il protocollo di studio è stato approvato dal Comitato Etico Istituzionale dell’Ospedale Fuwai. Il consenso informato è stato ottenuto dai pazienti o dai loro tutori legali.

2.2. Generazione di Heart Model con stampa 3D
Il flusso di lavoro della stampa 3D è mostrato nella Figura 1. La scansione del CTA cardiaco è stata eseguita in 30 pazienti. Le immagini CTA cardiache sono state acquisite e ricostruite con uno spessore della fetta di 0,625 mm sulla stazione di lavoro e quindi salvate in formato DICOM (Digital Imaging and Communications in Medicine). Il file DICOM è stato importato nel software Mimics 20.0 (Materialise NV, Lovanio, Belgio). È stata generata una maschera che include il cuore destro / sinistro e la vena cava superiore (SCV) / la vena cava inferiore (IVC). Quindi, una maschera cardiaca è stata calcolata per un modello 3D e cava all’esterno utilizzando il software 3-matic 12.0 (Materialise NV, Lovanio, Belgio) per illustrare la struttura del cuore. Il modello cavo CTA è stato verificato utilizzando i dati di imaging originali. Il file è stato salvato in linguaggio di tassellatura standard (formato .stl). I file STL finali sono stati importati in una stampante 3D in uno stile di moda vuoto in scala 1: 1 (stampante ProJet MJP 2500 Plus;900 790 DPI, USA) (Figura 2 ). Per la simulazione della procedura interventistica, per la stampa dei modelli cardiaci personalizzati è stato utilizzato materiale in silicone morbido. L’intero processo ha richiesto un totale di circa 24–48 ore. Il costo del modello stampato e della TC cardiaca era rispettivamente di 4.200 CNY e 995 CNY.

Figura 1

Flusso di lavoro della stampa tridimensionale. Diagramma di flusso di lavoro semplice in pazienti con ASD multipli, dall’acquisizione di immagini al modello solido e cavo stampato tridimensionale (3D).

figura 2

Modello stampato in 3D di un paziente con più ASD. (a) e (b) mostrano il modello visto rispettivamente dai lati atriale sinistro e destro. Le frecce indicano la posizione di più ASD. (c) e (d) illustrano lo stato dopo la distribuzione dell’occlusore nel modello di stampa 3D.

2.3. Strategia di chiusura del dispositivo singolo Guidata dal modello di cuore stampato in 3D
Durante la valutazione preoperatoria, l’occlusione è stata simulata in vitro utilizzando il modello di stampa 3D per informare il piano di chiusura, compresa la determinazione del difetto target, la selezione delle dimensioni e l’impianto del dispositivo. In questo studio sono stati utilizzati occlusori ASD o occlusori di forame ovale (PFO) (Lifetech Scientific Co., Ltd. Shenzhen, Cina). La morfologia dell’occlusore, la copertura di ciascun difetto e il potenziale disturbo all’annulus mitrale sono stati osservati nei modelli 3D. Le dimensioni e il tipo di occlusore dovevano soddisfare i seguenti criteri: (1) coprendo tutti i difetti o difetti residui ≤1 con shunt residui <5 mm usando un occlusore con posizione appropriata e (2) nessun disturbo tra il dispositivo e la valvola mitrale. Basato su TTE solo per ciascun paziente,

2.4. Chiusura ASD
Nel gruppo di stampa 3D e TTE, la chiusura ASD è stata eseguita sotto la guida TTE [ 19] e anestesia locale. Per i pazienti pediatrici, la titolazione della sedazione è stata utilizzata con la respirazione spontanea. La vena femorale destra è stata perforata e la guaina è stata inserita. Il catetere angiografico multiuso (MPA2) e il filo guida super rigido (Amplatz Super Stiff ™) sono stati inseriti attraverso la vena cava inferiore nell’atrio destro, che potrebbe essere visibile nella vista subcostale della TTE. La vista apicale a quattro camere e la vista parasternale ad asse corto sono state utilizzate per la guida e il catetere multiuso è stato passato attraverso il difetto mirato, che è stato determinato utilizzando il modello di stampa 3D e la TTE intraoperatoria. Il catetere e la guaina sono stati ritirati mantenendo il filo guida nell’atrio sinistro. Una guaina di consegna è stata inserita nell’atrio sinistro lungo il filo guida. Quindi, è stato inserito un singolo occlusore settale per la chiusura dell’ASD sotto guida TTE. Un occlusore ASD o occlusore PFO è stato selezionato in base all’occlusione simulata in vitro in un modello di stampa 3D. Dopo che l’occlusore è stato impiantato con successo, per valutare la posizione del dispositivo sono state utilizzate le viste subcostali, apicale a quattro camere e parasternale ad asse corto. Anche la valutazione Color Doppler è stata eseguita in queste viste per rilevare lo shunt residuo, il ritorno del seno coronarico e la funzione della valvola atrioventricolare. Quando l’occlusore è stato determinato per essere impiantato nella posizione corretta con una buona forma, è stato rilasciato ruotando il cavo in senso antiorario sotto la guida TTE. Dopo il rilascio del dispositivo, la rivalutazione è stata eseguita in queste viste di eco (Figura e viste parasternali ad asse corto sono state utilizzate per valutare la posizione del dispositivo. Anche la valutazione Color Doppler è stata eseguita in queste viste per rilevare lo shunt residuo, il ritorno del seno coronarico e la funzione della valvola atrioventricolare. Quando l’occlusore è stato determinato per essere impiantato nella posizione corretta con una buona forma, è stato rilasciato ruotando il cavo in senso antiorario sotto la guida TTE. Dopo il rilascio del dispositivo, la rivalutazione è stata eseguita in queste viste di eco (Figura e viste parasternali ad asse corto sono state utilizzate per valutare la posizione del dispositivo. Anche la valutazione Color Doppler è stata eseguita in queste viste per rilevare lo shunt residuo, il ritorno del seno coronarico e la funzione della valvola atrioventricolare. Quando l’occlusore è stato determinato per essere impiantato nella posizione corretta con una buona forma, è stato rilasciato ruotando il cavo in senso antiorario sotto la guida TTE. Dopo il rilascio del dispositivo, la rivalutazione è stata eseguita in queste viste di eco (Figura3 ).

Figura 3

Chiusura percutanea di più ASD sotto guida TTE. (a) Immagine di più ASD visualizzata nella vista subcostale. (b) Il disco sinistro è stato rilasciato (vista parasternale ad asse corto). (c) Gli ASD erano chiusi (vista a quattro camere).


Nel gruppo convenzionale, l’occlusione multipla di ASD è stata eseguita sotto guida fluoroscopica usando il singolo dispositivo di occlusione. Sulla base delle misurazioni TTE, è stato selezionato il singolo dispositivo, uguale o fino a 4 mm più grande del difetto principale [ 10 ]. Secondo l’esperienza [ 10 , 20 , 21 ], il dispositivo veniva solitamente impiantato nel difetto più grande. L’occlusore veniva sostituito se l’ecografia rilevava più di due shunt residui, lo shunt residuo aveva un diametro> 5 mm o il dispositivo comprimeva la valvola mitrale.

Tutti i pazienti hanno ricevuto aspirina (3-5 mg / kg per i bambini, 100 mg per gli adulti) per via orale ogni giorno per 6 mesi dopo la procedura [ 22 ]. TTE ed elettrocardiogramma sono stati eseguiti in entrambi i gruppi immediatamente e dopo 6 mesi dalla procedura. È stata osservata la presenza di shunt residuo, aritmia o disfunzione della valvola.

2.5. Analisi statistica
Le variabili continue e categoriali sono espresse come media ± deviazione standard o percentuale, rispettivamente. L’accordo tra le dimensioni del dispositivo del modello stampato in 3D e la stima tradizionale è stato valutato dall’analisi Brand – Altman. I dati sono stati analizzati utilizzando un software dedicato [SPSS versione 17.0, SPSS Inc, Chicago, Illinois, Stati Uniti; Software MedCalc (versione 9.2.0.0; Broekstraat, Mariakerke, Belgio)]. il valore <0,05 è stato considerato statisticamente significativo.

  1. Risultati
    3.1. Misurazioni della popolazione e delle basi
    Nel gruppo di stampa 3D e TTE, di 30 pazienti eleggibili, 4 pazienti (25,8 ± 17,5 anni; 1 femmina) sono stati esclusi perché lo shunt residuo e / o la distanza tra l’occlusore e la valvola mitrale non soddisfacevano i criteri durante la pre -valutazione nel modello del cuore di stampa 3D prima dell’intervento. La chiusura chirurgica è stata eseguita in questi 4 pazienti ed è stato confermato che non erano buoni candidati per la chiusura del dispositivo. I restanti 26 pazienti [18,8 ± 15,9 anni; 17 (65,4%) femmine] sono state sottoposte a chiusura del dispositivo e, tra queste, 6 pazienti presentavano 3 difetti atriali (23,1%) (Tabella 1). In base al tipo di comunicazione atriale e alla forma dei difetti, in 4 pazienti (15,4%) sono stati utilizzati occlusori PFO. La distanza massima media tra i difetti era di 8,0 ± 3,9 mm e la prevalenza della distanza ≥7 mm tra il difetto più grande e quello più piccolo era del 53,8% (14 pazienti). Nel gruppo convenzionale, 32 pazienti sono stati sottoposti a chiusura sotto guida fluoroscopica. Tra questi, la chiusura di più ASD non è riuscita in 5 pazienti (28,8 ± 16,3 anni; 1 femmina). Sebbene abbiamo provato 3 occlusori diversi in 1 paziente e 4 occlusori diversi in ciascuno degli altri 4 pazienti, il risultato di chiusura era ancora scarso, inclusi due shunt residui o uno shunt residuo> 5 mm, o la compressione della valvola mitrale dal dispositivo. Questi ultimi casi sono stati convertiti in chirurgia a cuore aperto e chiusi con successo. Nei restanti 27 pazienti [14,0 ± 11,6 anni; femmina: 15 (55. 6%)], la chiusura è stata raggiunta con successo. Quattro pazienti presentavano 3 difetti atriali (14,8%); e occlusori PFO sono stati utilizzati in 3 pazienti (11,1%). La distanza massima media tra i difetti era 7,6 ± 3,0 mm e la prevalenza della distanza ≥7 mm tra il difetto grande e quello minore era del 40,7% (11 pazienti). Questi risultati non erano significativamente diversi da quelli della stampa 3D e del gruppo TTE. Va notato che il costo della stampa 3D e del gruppo TTE era di 32960,8 ± 2018,7 CRNY, rispetto a 41019,9 ± 13758,2 CNY nel gruppo convenzionale, con conseguenti risparmi significativi ( e la prevalenza della distanza ≥7 mm tra il difetto grande e quello più piccolo era del 40,7% (11 pazienti). Questi risultati non erano significativamente diversi da quelli della stampa 3D e del gruppo TTE. Va notato che il costo della stampa 3D e del gruppo TTE era di 32960,8 ± 2018,7 CRNY, rispetto a 41019,9 ± 13758,2 CNY nel gruppo convenzionale, con conseguenti risparmi significativi ( e la prevalenza della distanza ≥7 mm tra il difetto grande e quello più piccolo era del 40,7% (11 pazienti). Questi risultati non erano significativamente diversi da quelli della stampa 3D e del gruppo TTE. Va notato che il costo della stampa 3D e del gruppo TTE era di 32960,8 ± 2018,7 CRNY, rispetto a 41019,9 ± 13758,2 CNY nel gruppo convenzionale, con conseguenti risparmi significativi (p< 0,01).  

Dati dei pazienti
3.2. Confronto dei risultati procedurali
Nel gruppo di stampa 3D e TTE, la dimensione dell’occlusore era costantemente simile tra la stima della stampa 3D e la selezione effettiva, ma significativamente più grande nella stima della stampa 3D rispetto alla stima empirica convenzionale (26,0 ± 6,0 mm contro 18,0 ± 6,0 mm, rispettivamente, ) (Tabella 1 ) . La differenza media era 6,0 ± 4,5 [intervallo di confidenza al 95% (CI): da -3 a 15] dall’analisi Brand – Altman (Figura 4 ). Le dimensioni dell’occlusore nella selezione effettiva non differivano significativamente tra i gruppi (26,0 ± 6,0 mm contro 23,5 ± 5,4 mm, ) (Tabella 1). Un paziente (3,8%) nella stampa 3D e nel gruppo TTE è stato sottoposto una volta alla sostituzione dell’occlusore. Al contrario, nel gruppo del metodo convenzionale, 16 pazienti (59,3%) sono stati sottoposti a sostituzione dell’occlusore una volta su 8 pazienti (29,6%) e due volte e tre volte in 4 pazienti (14,8%) ciascuno.

Figura 4

Analisi della trama di Bland-Altman. Grafico di Bland-Altman di stima empirica rispetto a stima di modelli stampati in 3D delle dimensioni dell’occlusore.


3.3. Risultati del follow-up
La chiusura ha avuto successo in 26 pazienti nel gruppo di stampa 3D e TTE e in 27 pazienti nel gruppo convenzionale. Nella TTE immediatamente dopo la procedura, la prevalenza di shunt residui era inferiore nella stampa 3D e nel gruppo TTE ( n  = 5, 19,2%) rispetto al gruppo convenzionale (19,2% vs 44,4%, ); questo è stato anche il caso del follow-up a 6 mesi: lo shunt è continuato in 2 pazienti del gruppo TTE e 3D e in 8 pazienti nel gruppo convenzionale (7,7% vs 29,6% ). Durante la procedura o al follow-up in entrambi i gruppi, non vi sono state complicazioni, tra cui malposizione dei dispositivi, erosione aortica / atriale, trombosi del dispositivo, blocco atrioventricolare o altre aritmie, versamento pericardico o disfunzione della valvola atrioventricolare di nuova insorgenza.

  1. Discussione
    Questo studio retrospettivo ha valutato la fattibilità della chiusura di un singolo dispositivo per più ASD sotto la guida TTE utilizzando modelli stampati 3D personalizzati specifici del paziente. Inoltre, abbiamo confrontato il nuovo metodo di stampa 3D e TTE con la chiusura convenzionale della guida per fluoroscopia. Abbiamo scoperto che la dimensione occulder misurata sul modello di stampa 3D era costantemente maggiore rispetto alla stima empirica ma simile alla selezione clinica finale, indicando una maggiore precisione nella rappresentazione di più ASD con la stampa 3D. Inoltre, la frequenza di shunt residua era inferiore per la stampa 3D e il metodo TTE rispetto al metodo convenzionale.

4.1. Chiusura di più difetti settali atriali con singolo dispositivo
La strategia terapeutica appropriata per più ASD rimane controversa. La chiusura di un singolo dispositivo rimane impegnativa a causa di anatomia complicata e difficoltà tecniche. La chiusura del singolo dispositivo è stata raggiunta solo in quelli con distanza del difetto <7 mm [ 10]; tuttavia, nel presente studio, 53 pazienti sono stati sottoposti a terapia di chiusura transcatetere con successo utilizzando un singolo occlusore e la distanza media massima del difetto nei due gruppi era> 7 mm. I dati di follow-up hanno mostrato che il volume di shunt residuo era significativamente ridotto o addirittura scompariva a 6 mesi dopo la procedura, sebbene l’ecocardiografia immediatamente dopo la procedura mostrasse un lieve shunt residuo. Durante il follow-up non si sono verificate malposizione occlusiva, blocco atrioventricolare, disfunzione della valvola atrioventricolare di nuova insorgenza o versamento pericardico. Questi risultati suggeriscono che la terapia interventistica con un singolo occlusore per ASD multipli è fattibile, anche in pazienti con una grande distanza del difetto.

4.2. Stampa 3D e guida TTE nei difetti settali atriali multipli
La riuscita chiusura del dispositivo delle comunicazioni atriali in più ASD dipende in gran parte da un’accurata valutazione anatomica [ 23 , 24]. Il modello di stampa 3D consente di testare più occlusori nel modello replicato del cuore del paziente prima della distribuzione dell’occlusore in vivo. Nel presente studio, 5 pazienti nel gruppo convenzionale non sono riusciti a chiudere dopo 3 o 4 sostituzioni di occlusori; Anche il 59,3% dei restanti pazienti che hanno completato con successo la chiusura ha subito una sostituzione dell’occlusore. Quattro pazienti nel gruppo di stampa 3D e TTE sono stati esclusi dalla terapia interventistica dopo il pretest nel modello di cuore stampato in 3D. Le dimensioni degli occluders pre-stimate dal modello stampato in 3D erano simili alle dimensioni effettivamente utilizzate per i pazienti e più grandi delle dimensioni dalla stima empirica convenzionale. Questi risultati indicano che la pre-valutazione utilizzando il modello stampato in 3D può evitare interventi non necessari, la possibilità di allargare l’ASD cambiando gli occlusori e lo spreco finanziario di sostituire gli occlusori. Pertanto, il modello stampato in 3D è stato estremamente utile per informare la gestione interventistica, in particolare per determinare il difetto target più ottimale e il tipo e la dimensione occludenti appropriati per più ASD.

Anche con un perfetto piano interventistico con l’aiuto di modelli stampati in 3D, rimane difficile migliorare i risultati clinici a causa dell’incapacità di distinguere la posizione del difetto target usando la sola fluoroscopia. Di conseguenza, è improbabile che la stessa tecnologia di stampa 3D cambi la modalità e la strategia di trattamento. Fortunatamente, la chiusura percutanea senza uso di fluoroscopia ha fatto grandi progressi. L’ecocardiografia può essere utilizzata come unico strumento di imaging per guidare la chiusura di ASD, VSD e PDA [ 18 , 19 , 22]. In questo studio, abbiamo eseguito la chiusura percutanea di ASD sotto la guida TTE sulla base del modello stampato in 3D. Rispetto al gruppo convenzionale, la stampa 3D e il gruppo TTE hanno mostrato una frequenza più bassa di sostituzione dell’occlusore, un costo inferiore e una minore prevalenza di shunt lievi residui immediatamente e dopo 6 mesi dalla procedura. È importante combinare la stampa 3D con un’altra tecnica per migliorare i risultati clinici. La stampa 3D ha cambiato i trattamenti tradizionali in ortopedia e stomatologia [ 25 , 26]; tuttavia, non è ancora usato troppo spesso nelle malattie cardiovascolari. A differenza di denti e ossa, il cuore batte ogni secondo. In questo studio, la nuova strategia di trattamento per molteplici ASD di combinazione della guida TTE e della tecnologia di stampa 3D ha fornito un’efficacia terapeutica più favorevole rispetto all’approccio tradizionale.

4.3. Limitazioni dello studio
Il presente studio presenta diversi limiti, tra cui la dimensione ridotta del campione e la breve durata del follow-up. Sono necessari studi più ampi con un periodo di follow-up più lungo per studiare ulteriormente la sicurezza dell’approccio a dispositivo singolo per ASD multipli indipendentemente dalla distanza tra ASD fenestrati. In secondo luogo, l’ottenimento di set di dati CT per la generazione di modelli stampati in 3D aumenta i rischi e i costi medici. Sono necessari studi multicentrici prospettici randomizzati per convalidare ulteriormente la tecnologia di stampa 3D basata su dati ecocardiografici 3D.

4.4. Impatto sulla pratica quotidiana
Il modello stampato in 3D può aiutare a schermare i pazienti che non sono adatti per la chiusura. Nel trattamento di più ASD, la nuova strategia di combinazione della tecnologia di stampa 3D e della procedura interventistica guidata dalla TTE ha prodotto una frequenza inferiore di sostituzione dell’occlusore, costo e prevalenza di shunt lievi residui immediatamente e 6 mesi dopo la procedura rispetto all’intervento tradizionale guidato dalla fluoroscopia.

  1. Conclusioni
    La chiusura riuscita di più ASD con distanza del difetto ≥7 mm è stata ottenuta utilizzando un approccio a singolo dispositivo aiutato dal modello stampato in 3D, che può aiutare a schermare i pazienti che non sono adatti per la chiusura e dovrebbero ricevere direttamente la riparazione chirurgica. La combinazione della tecnologia di stampa 3D e della procedura interventistica guidata dagli ultrasuoni fornisce un nuovo approccio per la strategia terapeutica individualizzata delle cardiopatie strutturali e in particolare un metodo terapeutico affidabile per più ASD, in particolare per i casi difficili con una grande distanza dei difetti.
  2. Documentazione completa a questo indirizzo : https://www.hindawi.com/journals/jitc/2020/1751025/

Be the first to comment on "La stampa 3d personalizzata e la procedura ecoguidata facilitano la chiusura di un singolo dispositivo per difetti settali atriali multipli"

Leave a comment