La stampa 3d per bambini non vedenticon il SANCB il Consiglio nazionale sudafricano per i ciechi

Sudafrica: una campagna di stampa 3D per bambini non vedenti

Per i non vedenti le risorse educative non sono facili. Imparare a leggere in braille è essenziale ma costoso e non sempre efficace (può richiedere fino a tre volte più di quanto gli altri studenti leggano un testo), mentre la tecnologia assistiva come TV a circuito chiuso, ingrandimento dello schermo o software di lettura dello schermo , potrebbe aiutarli a leggere o ad accedere a Internet; non è disponibile ovunque. Con 285 milioni di persone che soffrono di cecità e problemi di vista ridotti, è estremamente necessario fornire materiali in formati accessibili che aiutino ad adattare le informazioni a un formato adatto a loro. La stampa 3D sta fornendo uno strumento molto utile per i disabili, ad esempio un volontario dei National Museums Scotland, a Edimburgo, ha utilizzato una stampante 3D per trasformare le scansioni CT di fossili in oggetti fisici, consentendo ai non vedenti di avere esperienze più tattili. Altre cause note come una collaborazione tra la designer indiana Tania Jain e la società di giocattoli educativi tedesca Ravensburger , hanno ideato un nuovo puzzle stampato in 3D progettato per aiutare l’utente a imparare a leggere il Braille .

Ora, il Consiglio nazionale sudafricano per i ciechi (SANCB) sta conducendo una nuova campagna chiamata: Stampa 3D per i ciechi e può essere trovata sui social media con l’hashtag # 3DPrinting4TheBlind. L’obiettivo di questa iniziativa è sostanzialmente quello di aiutare il SANCB nella sua ricerca di educare le persone ipovedenti che lottano con strumenti di apprendimento più tradizionali, stampando in 3D una gamma di oggetti educativi che gli studenti delle scuole supportate da SANCB possono usare.

La parte migliore del progetto è che chiunque nel mondo può farne parte. Il requisito di base è una stampante 3D e l’accesso all’ufficio postale più vicino. È un grande appello alla comunità della stampa 3D, riunirsi per una buona causa. Stanno chiedendo alle persone di stampare tra uno e tre articoli per questa campagna. Quindi, tutte le stampe 3D verranno utilizzate nelle aule del Sudafrica per insegnare agli studenti non vedenti nuove forme e oggetti con cui non hanno familiarità. Ciò illustrerà anche il modo in cui la stampa 3D può essere utilizzata nell’istruzione e come tutti possono fare una piccola differenza per una grande comunità.

SANCB ha collaborato con il 3D Printing Shop , uno dei più grandi sportelli unici per hardware e materiali di consumo in Sud Africa, per fornire agli appassionati di stampa 3D un elenco di 31 articoli tra cui scegliere. Le stampe scelte per questo progetto includono animali, modelli anatomici e veicoli e dovrebbero avere una dimensione approssimativa di 100 mm x 100 mm x 100 mm.

“Questa campagna è stata ispirata dal nostro compito quotidiano di cercare di mostrare come la stampa 3D pratica e vantaggiosa potrebbe essere nella vita di tutti i giorni, per aiutare le persone con disabilità visive nella nostra comunità a imparare meglio, così come ribadire l’importanza della stampa 3D nell’istruzione” ha suggerito Bishop Boshielo, responsabile marketing del 3D Printing Store. “Ci siamo resi conto che i giocattoli educativi erano piuttosto costosi e che i bambini con disabilità visive facevano fatica a comprendere i concetti bidimensionali, quindi abbiamo deciso di stamparli in 3D per capire meglio. Inoltre, con le stampanti 3D a prezzi ragionevoli e facili da usare, qualsiasi genitore o tutore di un bambino ipovedente potrebbe organizzare e stampare qualunque modello vorrebbe dare ai bambini. “

Il SANCB supporta oltre 20 scuole per bambini e adolescenti non vedenti in tutto il paese e gestisce anche un college chiamato Optima College , con corsi di economia aziendale, alfabetizzazione informatica, formazione dei contact center e alfabetizzazione braille. La vita degli studenti si arricchisce anche di attività incentrate sull’acquisizione di abilità di vita quotidiana che consentono agli studenti ipovedenti di diventare completamente indipendenti. Secondo il SANCB, ci saranno più campagne come questa nel 2020, probabilmente più spesso.

Bishop ha dichiarato che “spera di poter vedere presto i bambini interagire con i modelli stampati in 3D, ma può solo immaginare il sollievo e l’eccitazione che verrebbero dal poter effettivamente mantenere una forma o un modello che in precedenza avevano solo percepito due dimensioni. “

Secondo i moduli compilati online per questa iniziativa, il negozio di stampa 3D prevede di consegnare presto 40 modelli. Bishop ha spiegato che anche se la comunità di stampa 3D sudafricana è ancora piuttosto piccola, sta iniziando a crescere in modo esponenziale man mano che sempre più persone si stanno rendendo conto dell’importanza della tecnologia e dei vantaggi che ne derivano.

“La nostra partnership con SANCB è appena iniziata. Spero che in futuro saranno in grado di acquistare stampanti 3D per ciascuna delle scuole che supportano, per stampare ancora più modelli educativi per i bambini. “

Be the first to comment on "La stampa 3d per bambini non vedenticon il SANCB il Consiglio nazionale sudafricano per i ciechi"

Leave a comment